Pubblicato in: Senza categoria

LA NUOVA MANOVRA : QUALE E’ IL VERO SCHIFO ?


Diciamocelo francamente..questa nuova manovra finanziaria non piace a nessuno, sia ai cittadini che ai partiti e anche ( sono sicuro ) ai nostri governanti che l’hanno redatta e nemmeno al Presidente della Repubblica che l’ha firmata. Troppo onerosa ma soprattutto scaricata addosso ( come sempre accade ) a quel ceto medio – basso che e’ la maggioranza del Paese. Pagano sempre i soliti noti, cioe’ coloro che, avendo un lavoro dipendente , una pensione certa e immobili rintracciabili non hanno possibilita’ alcuna di evadere le tasse. Si poteva fare di piu’, certamente. Si poteva mettere da subito le mani sui costi della politica e della casta, ormai fuori controllo….Si poteva tagliare e di molto la spesa sugli armamenti, visto che non siamo in guerra . Si poteva anche ( e sarebbe stato doveroso ) decidersi a tassare gli immobili del Vaticano che non godono dei benefici che il Concordato gli concede. Una cosa pero’ non viene tenuta in conto ed e’ la drammaticita’ della situazione del Paese e la relativa urgenza di trovare in pochi giorni risorse sicure. Forse qualcuno si e’ scordato di quando, in estate, vennero varate da Tremonti 4 manovre in pochi giorni , poiche’ ognuna non era sufficente a calmare i mercati e a farci riavere una credibilita’ internazionale. Qualcuno dimentica che lo spread, oggi sotto a 360 punti, era balzato oltre i 600 punti e che abbiamo corso il rischio di essere considerati inadempienti ai nostri debiti. E’ questa la vera catastrofe : non tanto il debito maggiore del PIL ( il Giappone ad esempio ha un debito che e’ il doppio del proprio PIL ) quanto il non essere in grado di ripagarlo. Cio’ avrebbe significato che nessun Paese al mondo avrebbe creduto piu’ all’ Italia, sia dal punto di vista commerciale che politico, con conseguenze catastrofiche. Quindi sopportiamo il gusto amaro di questa medicina, rendendo onore al PD che, pur avendo nel proprio elettorato la maggioranza dei ceti piu’ colpiti, ha avuto ed ha il coraggio di sostenere questa manovra che in tanti hanno bollato come uno schifo. Sinceramente qualcosa di schifoso c’e’, anzi di vomitevole ma non riguarda tanto la manovra quanto certe affermazioni che arrivano dalla precedente maggioranza…..Ma li avete sentiti ? Gente che ha avuto in mano per anni il Paese, che ha governato ininterrottamente per 5 anni, che alle ultime elezioni, grazie anche ad una legge ad hoc ha avuto in Parlamento una maggioranza bulgara, che si permette non solo di criticare la manovra ma addirittura di accusare l’ attuale esecutivo di lentezza decisionale e di fare macelleria sociale. Persone che avessero un minimo di dignita’ si terrebbero in disparte e non si attenterebbero nemmeno a proferire parola, visto che sono stati essi stessi la causa di tutto e che questo Governo di Tecnici e’ stato fatto per colmare le loro mancanze. Questo e’ il vero scandalo e ricordatelo quando si andra’ alle prossime elezioni.

Gianluca Bellentani

Pubblicato in: CRONACA

Sull’Ici la posizione della Chiesa è illegale e anticristiana.


di Gio’ Chianta

Partiamo dalla legge italiana e comunitaria: la Chiesa deve pagare l’ICI perché l’attuale esenzione è contraria all’art. 108 del Trattato europeo. La Corte di Cassazione si è espressa nel merito: le amministrazioni locali possono chiedere il pagamento dell’ICI alla Chiesa a prescindere all’entrata in vigore di una nuova legge. Detto piu’ chiaramente, i Comuni, fin da subito, possono richiedere il pagamento dell’ICI alla Chiesa per tutti gli immobili ecclesiastici adibiti (anche in parte) ad attività imprenditoriali, poiché’ l’attuale esenzione si configura come un aiuto di Stato illegale.

 Ma c’è un problema, il Governo Prodi stabili’ che l’Ici fosse dovuta solamente per gli immobili dove si svolgono attività esclusivamente commerciali mentre la Cassazione afferma che l’imposta è dovuta anche per gli immobili ecclesiastici adibiti, anche in parte, ad attività commerciali. In ogni caso, un Sindaco puo’ e deve rivolgersi ad un giudice per ottenere il pagamento dell’ICI.

 Per quanto riguarda la legge di Cristo, bisognerebbe chiedere ad illustri esponenti del Vaticano se loro si sentono ancora Cristiani o no. Cristiano è colui che segue la legge di Cristo.

La Chiesa cattolica ha la sua sede “terrena” nella lussuosissima Citta’ del Vaticano, dona solamente il 20 % dell’otto per mille in opere di carita’, non paga l’Ici. Insomma, accumula ricchezze che vengono utilizzate per fini e per scopi che nulla hanno a che fare con la legge di Cristo.

Qual’è la legge di Cristo ? Gesu’ Cristo e la povertà:

 “Quando Gesù nacque fu posto in una mangiatoia, come è scritto: “(Maria) diede alla luce il suo figlio primogenito, e lo fasciò e lo pose a giacere in una mangiatoia, perché non c’era posto per loro nell’albergo” (Luca 2:7).

 “Quando poi furono compiuti i giorni della purificazione di lei secondo la legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore, come è scritto nella legge del Signore: Ogni maschio primogenito sarà chiamato santo al Signore, e per offrire in sacrificio, come è detto nella legge del Signore, un paio di tortore o due giovani colombi” (Luca 2:22-24)
  

“Voi conoscete infatti la grazia del Signor nostro Gesù Cristo il quale, essendo ricco, si è fatto povero per voi, affinché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà” (2 Corinzi 8:9)

” Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi; ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo” (Luca 9:58). 

 “Ecco, coloro che portano splendide vesti e vivono in delizie stanno nei palazzi dei re” (Luca 7:25)

“Allora i soldati lo condussero nel cortile interno, cioè nel pretorio, e convocarono l’intera coorte. Lo vestirono di porpora ” (Marco 15:16-17) 

 “Intrecciata una corona di spine, gliela misero sul capo” (Marco 15:17).

” Si ritirò di nuovo sul monte, tutto solo” (Giovanni 6:15), senza cercare la gloria degli uomini, ma quella del Padre che lo aveva mandato.

“E Gesù, trovato un asinello, vi montò sopra come sta scritto: Non temere, o figlia di Sion; ecco, il tuo re viene, cavalcando un puledro d’asina” (Giovanni 12:14-15; Zaccaria 9:9). 

 ” Va’ al mare, getta l’amo e prendi il primo pesce che verrà su; aprigli la bocca e vi troverai uno statere; prendilo e dallo loro per te e per me” (Matteo 17:27).

 “La pietà con animo contento del proprio stato” (1 Timoteo 6:6).