Pubblicato in: cultura, diritti, donna, libertà, opinioni, politica, religione, sessismo

Marciate voi, io voglio vivere.


sproloquio di 
Domenica la mia città, “centro della cristianità e del potere politico” sarà attraversata dalla “marcia per la vita”, un corteo diverso da quelli “indecorosi e blasfemi” che siamo soliti vedere e che tanto fanno piangere  Gesù e imbestialire il SindacoDegliAltri.
Domenica sarà in piazza il popolo che vuole “affermare il valore universale del diritto alla vita e il primato del bene comune sul male e sull’egoismo“, che vuole cancellare quell’abominio chiamato 194, che nel nostro paese ha causato ben cinque milioni di morti (nota a margine: è da quando sono adolescente che questa gente parla di questi cinque milioni: se non sono aumentati in una ventina d’anni, non dovremmo tutti festeggiare?), che ci vuole fare sapere che esiste una bella differenza “tra Bene e male, tra Vero e falso, tra Giusto ed ingiusto“, che chiama gli uomini di buona volontà all’adunata e ricorda a tutti che la vita è indisponibile ed è dono di Dio, quindi non è che puoi scegliere come viverla. Mo’ che è ‘sta moda di volersi autodeterminare, di voler decidere della propria sessualità, della propria vita e della propria morte?
Niente aborto, niente pillola del giorno dopo, Dio ci scampi e liberi dall’abominio dell’eutanasia e se proprio volessimo essere gente seria fino in fondo, abbandoniamo pure sesso allegro e profilattici. Ah, se sei gay fatti curare.
Prima della simpatica marcia ci sarà un convegno, “chi salva una vita, salva il mondo intero“, dedicato aChen Guangcheng
Il programma prevede interventi che spaziano da  “Aborto e mentalità contraccettiva: che cosa dicono i numeri?” allo spazio dell’etica in scienza e tecnica. Si parlerà di diagnosi prenatale, delle “radici demografiche della crisi“, della “difesa integrale della vita” e della “donna che accoglie la vita“.
In cattedra saliranno ben due donne e sette uomini.
E in effetti il punto di vista di sette persone che non dovranno mai scegliere se figliare o meno è davvero imprescindibile.
Cosa credevate, ragazze mie, che l’aborto riguardasse voi donne? Sciocchine, l’aborto riguarda soprattutto maschi e preti.
Non mancheranno le testimonianze, anche se quella che mi stimola di più è senza dubbio alcuno quella di Giovanni Lindo Ferretti, che ha abbandonato una vita dissoluta (punk, comunista, Lotta Continua, secondo me pure qualche canna) grazie all’amore di Dio e -dicono i più acidi- al terrore della morte.
Ovviamente la marcia può vantare la piena adesione di Olimpia Tarzia, che in una splendida intervistaracconta il perché della sua partecipazione.
[Olimpia Tarzia, per chi non lo sapesse, è quella che sta distruggendo i Consultori del Lazio, luride fabbriche di morte dove donne di facili costumi corrono per abortire i figli della vergogna e della lussuria.]
Il Comune di Roma patrocina l’iniziativa e, stando a quanto riportato sul sito dei marcianti, il SindacoDegliAltri sarà presente.
Strage di embrioni, 44 milioni di morti (nel mondo, presumo), inferno.
Non manca niente, il repertorio è completo.
Buona domenica.
Comunista, femminista, profondamente e irrimediabilmente antifascista. Acida, incline all’ira, logorroica. Non mangio i bambini, non brucio reggiseni. Non ho mai votato Berlusconi, tantomeno il SindacoDegliAltri.