Pubblicato in: politica

Questa è la vera “foto di Vasto”.


Queste elezioni amministrative hanno ulteriormente chiarito che alcuni partiti sono morti, altri sono in coma profondo e altri ancora non son messi molto bene.

Il vero vincitore di queste elezioni è l’astensionismo, poi ci sono M5S,  SEL e IDV. Mentre i partiti che fino a ieri dettavano legge sono moribondi altri partiti, che fino a poco tempo fa non rappresentavano che una minoranza dell’elettorato, sono in forte ascesa. Non voglio sparare cifre a caso e credo che le intenzioni di voto lascino il tempo che trovano ma sembra evidente che M5S, SEL e IDV siano i partiti piu’ in salute, per restare nella metafora.

Ora, leggendo il programma politico di questi tre partiti ci si accorge subito che sembra fotocopiato su moltissimi punti. La domanda è: perché tre partiti che hanno un programma politico quasi identico e tre Capi che sembrano avere la stessa visione della politica e del modo in cui il Paese puo’ cercare di superare un periodo molto negativo non si coalizzano in vista delle elezioni politiche del 2013 ?

Non è molto difficile dare una risposta. Come sempre, la ricerca della vanagloria e le antipatie personali non sono utili per fare l’interesse comune. Grillo vuole andare da solo e fa finta di non capire che da soli non si sta bene nemmeno in paradiso, figuriamoci in Parlamento. Quindi, anche se Grillo dovesse ottenere un risultato sopra le due cifre, presentandosi fuori da una coalizione non rappresenterebbe che una piccola minoranza senza nessun potere decisionale. E poi, come ormai sanno bene anche i sassi, a Grillo sta antipatico Vendola, a Vendola sta antipatico Grillo e Di Pietro e Grillo si guardano come due che sanno che prendono voti dallo stesso bacino elettorale, quindi amici ma soprattutto nemici. Queste loro antipatie personali, sfortunatamente, si diffondono sempre di piu’ anche nei loro elettori; cosi’ siti, blog e social network sono diventati una sorta di campo di battaglia per grillini, vendoliani e dipietristi che tentano di dimostrare che l’altro è piu’ brutto e piu’ cattivo  non accorgendosi che in realtà stanno combattendo una guerra fratricida.

Con tutta probabilità e per i motivi sopra elencati, alle politiche 2013, il M5S si presenterà da solo, l’IDV si presenterà con il PD e SEL si presenterà con il PD o con quello che resta alla sua “Sinistra”.

Se questa previsione fosse confermata dai fatti io non votero’ nessuno di questi tre partiti pur apprezzando il loro programma e andro’ a finire nella lunga lista degli astensionisti. Perchè credo sia inutile il voto al  M5S solo soletto in Parlamento, perchè credo sia inutile un Di Pietro alleato nuovamente con il PD (perchè il PD ha programmi molto diversi) e perchè credo sia inutile un Vendola alleato con il PD o con quel surrogato di Sinistra che sembra volerlo sostenere. Credo di essere in buona compagnia in questa scelta.

Questi tre partiti hanno una grossa responsabilità, antepongano l’interesse personale all’ interesse collettivo e si presentino nella stessa coalizione alle politiche 2013.

Gio’ Chianta

Pubblicato in: CRONACA

GIOVENTU’ BRUCIATA !!!


Ahhh questi giovani d’ oggi !!! Vestiti tutti uguali, col loro abbinamento griffato, che chiamano casual ma che casuale non e’, visto quanta cura dei particolari hanno. Che mangiano e bevono schifezze fin da piccoli, con una alimentazione che da grandi presentera’ il conto con stomaci disastrati e fegati intasati. Che bevono fiumi di birra e di alcool e che non si rendono conto di quanto male facciano gli alcolici. Che si ritrovano in bar come dei vecchi a parlare di calcio e di moto e automobili . Che hanno gia’ il fiatone a 15 anni perche’ non fanno moto e che l’ unico sport e’ la palestra, dove costruirsi un fisico fatto solo di muscoli gonfiati, magari con l’ aiuto di anabolizzanti che ne mineranno lo sviluppo. Che sono sempre informatissimi riguardo alle nuove tecnologie ma che non sanno neppure dove si trovi il Belgio . Che scrivono sms alla velocita’ della luce senza neppure guardare la tastiera, con quel linguaggio cifrato e che non sono capaci poi di scrivere poche righe di un racconto. Che parlano l’inglese e che non conoscono la loro lingua, l’ italiano. Che a scuola ci vanno svogliatamente, solo per fare piacere ai genitori, cosi’ non rompono. Che guardano solo programmi demenziali come il GF e Amici e che non si interessano ai veri problemi del Paese. Che ascoltano musica che non ha alcuna melodia ma e’ solo rumore assordante. Che non conoscono la parola sacrificio e che vorrebbero un posto fisso e poco faticoso ma ben pagato, cosi’ che ci tocca rivolgerci ai lavoratori stranieri per i lavori materiali. Che fanno sesso fin da piccoli e che poi hanno un’ ignoranza profonda riguardo alla sessualita’ in genere. Che si informano solo tramite internet e il cui mondo e’ solo quello virtuale dei video – games. Ahhh, che tempi ci aspettano , quale generazione popolera’ il Paese…..Premesso che questa frase io la sentivo anche da piccolo ( perche’ giovani lo siamo stati tutti ) e che sicuramente la generazione prima della mia l’ avra’sentita da quella precedente, pongo una domanda : MA NOI, CON QUESTI GIOVANI, NON CI ABBIAMO MAI PARLATO ? NON LI ABBIAMO MAI ASCOLTATI ? NON LI ABBIAMO MAI NON DICO CAPITI MA ALMENO CERCATO DI CAPIRLI ? SAPPIAMO DAVVERO COSA SENTONO, COSA PROVANO, QUALI SONO LE LORO INSICUREZZE, LE LORO PAURE E QUELLO CHE VOGLIONO REALMENTE ?? Se lo facessimo, capiremmo quanto sono soli e soprattutto insicuri. Non sono tanto diversi da come eravamo noi alla loro eta’ , con l’unica differenza che un tempo non eravamo bombardati da tanti messaggi , da tanti imput che hanno fatto si di creare una generazione non pensante, che segue sempre il pifferaio di turno, attenta sempre piu’ all’ esteriorita’ che al contenuto. Li abbiamo lasciati soli, in compagnia di una televisione che ne ha spento qualsiasi creativita’. Abbiamo scaricato su di loro le nostre frustrazioni. i nostri sogni che avevamo alla loro eta’ e ne abbiamo voluto fare dei modelli a nostra immagine, fregandocene altamente di quello che erano i loro sogni. Abbiamo fatto credere che lo sport non sia una competizione in cui chi ha piu’ doti ha il diritto di primeggiare ma lo abbiamo dipinto come una guerra, in cui o vinci o non sei nessuno. Abbiamo fatto credere che solo il lavoro d’ ufficio possa dare gratificazione, dimenticando che ogni lavoro, anche il piu’ umile, e’ utile alla societa’. Abbiamo lasciato che la cultura fosse solo un mezzo per emergere, anziche’ qualcosa che fa’ bene sia al cuore che alla mente ; e quando un giovane riesce grazie alle proprie doti e ai propri sforzi ad emergere, ecco che la societa’, cioe’ noi, non gli da’ sbocchi . Allora egli se ne parte per altri Paesi, come i nostri emigrati del secolo scorso : l’unica cosa che e’ cambiata da allora e’ che adesso non esportiamo mano d’opera a basso prezzo ma intelligenze.  Questi giovani pero’ li usiamo quando abbiamo bisogno dei loro voti, per poi metterli alla porta quando chiedono di entrare nella politica , perche’ non hanno esperienza e dimenticandoci che l’ esperienza non la studi ma te la fai con la pratica. Li usiamo per pagare le pensioni di chi gia’ ne gode, mentre a loro vengono corrisposte retribuzioni basse e contribuzioni onerose. Quindi a questi giovani dovremmo dire solo due parole : ” SCUSATE RAGAZZI ” . Per aver permesso che non vi fosse dato quello che abbiamo avuto noi, per avervi lasciato soli ed aver permesso che false sirene vi incantassero. Per aver taciuto quando falsi miti si identificavano come esempi da seguire. Per non avervi preso per mano e non avervi accompagnato verso il cammino della vita, unendo la nostra esperienza alla vostra voglia di fare. Per avervi lasciato un mondo per tanti versi molto peggiore di quello che ci lasciarono i nostri padri. Abbiamo bruciato una generazione di giovani…non ripetiamo gli stessi errori con le generazioni future.

Aristotele, parlando dei propri discepoli, affermava che ” I GIOVANI NON SONO VASI DA RIEMPIRE MA FIACCOLE DA ACCENDERE ” Che questi giovani siano la luce del futuro e non la fiamma di un cerino che si spegne al primo alito di vento..

GIANLUCA BELLENTANI