GIOVENTU’ BRUCIATA !!!


Ahhh questi giovani d’ oggi !!! Vestiti tutti uguali, col loro abbinamento griffato, che chiamano casual ma che casuale non e’, visto quanta cura dei particolari hanno. Che mangiano e bevono schifezze fin da piccoli, con una alimentazione che da grandi presentera’ il conto con stomaci disastrati e fegati intasati. Che bevono fiumi di birra e di alcool e che non si rendono conto di quanto male facciano gli alcolici. Che si ritrovano in bar come dei vecchi a parlare di calcio e di moto e automobili . Che hanno gia’ il fiatone a 15 anni perche’ non fanno moto e che l’ unico sport e’ la palestra, dove costruirsi un fisico fatto solo di muscoli gonfiati, magari con l’ aiuto di anabolizzanti che ne mineranno lo sviluppo. Che sono sempre informatissimi riguardo alle nuove tecnologie ma che non sanno neppure dove si trovi il Belgio . Che scrivono sms alla velocita’ della luce senza neppure guardare la tastiera, con quel linguaggio cifrato e che non sono capaci poi di scrivere poche righe di un racconto. Che parlano l’inglese e che non conoscono la loro lingua, l’ italiano. Che a scuola ci vanno svogliatamente, solo per fare piacere ai genitori, cosi’ non rompono. Che guardano solo programmi demenziali come il GF e Amici e che non si interessano ai veri problemi del Paese. Che ascoltano musica che non ha alcuna melodia ma e’ solo rumore assordante. Che non conoscono la parola sacrificio e che vorrebbero un posto fisso e poco faticoso ma ben pagato, cosi’ che ci tocca rivolgerci ai lavoratori stranieri per i lavori materiali. Che fanno sesso fin da piccoli e che poi hanno un’ ignoranza profonda riguardo alla sessualita’ in genere. Che si informano solo tramite internet e il cui mondo e’ solo quello virtuale dei video – games. Ahhh, che tempi ci aspettano , quale generazione popolera’ il Paese…..Premesso che questa frase io la sentivo anche da piccolo ( perche’ giovani lo siamo stati tutti ) e che sicuramente la generazione prima della mia l’ avra’sentita da quella precedente, pongo una domanda : MA NOI, CON QUESTI GIOVANI, NON CI ABBIAMO MAI PARLATO ? NON LI ABBIAMO MAI ASCOLTATI ? NON LI ABBIAMO MAI NON DICO CAPITI MA ALMENO CERCATO DI CAPIRLI ? SAPPIAMO DAVVERO COSA SENTONO, COSA PROVANO, QUALI SONO LE LORO INSICUREZZE, LE LORO PAURE E QUELLO CHE VOGLIONO REALMENTE ?? Se lo facessimo, capiremmo quanto sono soli e soprattutto insicuri. Non sono tanto diversi da come eravamo noi alla loro eta’ , con l’unica differenza che un tempo non eravamo bombardati da tanti messaggi , da tanti imput che hanno fatto si di creare una generazione non pensante, che segue sempre il pifferaio di turno, attenta sempre piu’ all’ esteriorita’ che al contenuto. Li abbiamo lasciati soli, in compagnia di una televisione che ne ha spento qualsiasi creativita’. Abbiamo scaricato su di loro le nostre frustrazioni. i nostri sogni che avevamo alla loro eta’ e ne abbiamo voluto fare dei modelli a nostra immagine, fregandocene altamente di quello che erano i loro sogni. Abbiamo fatto credere che lo sport non sia una competizione in cui chi ha piu’ doti ha il diritto di primeggiare ma lo abbiamo dipinto come una guerra, in cui o vinci o non sei nessuno. Abbiamo fatto credere che solo il lavoro d’ ufficio possa dare gratificazione, dimenticando che ogni lavoro, anche il piu’ umile, e’ utile alla societa’. Abbiamo lasciato che la cultura fosse solo un mezzo per emergere, anziche’ qualcosa che fa’ bene sia al cuore che alla mente ; e quando un giovane riesce grazie alle proprie doti e ai propri sforzi ad emergere, ecco che la societa’, cioe’ noi, non gli da’ sbocchi . Allora egli se ne parte per altri Paesi, come i nostri emigrati del secolo scorso : l’unica cosa che e’ cambiata da allora e’ che adesso non esportiamo mano d’opera a basso prezzo ma intelligenze.  Questi giovani pero’ li usiamo quando abbiamo bisogno dei loro voti, per poi metterli alla porta quando chiedono di entrare nella politica , perche’ non hanno esperienza e dimenticandoci che l’ esperienza non la studi ma te la fai con la pratica. Li usiamo per pagare le pensioni di chi gia’ ne gode, mentre a loro vengono corrisposte retribuzioni basse e contribuzioni onerose. Quindi a questi giovani dovremmo dire solo due parole : ” SCUSATE RAGAZZI ” . Per aver permesso che non vi fosse dato quello che abbiamo avuto noi, per avervi lasciato soli ed aver permesso che false sirene vi incantassero. Per aver taciuto quando falsi miti si identificavano come esempi da seguire. Per non avervi preso per mano e non avervi accompagnato verso il cammino della vita, unendo la nostra esperienza alla vostra voglia di fare. Per avervi lasciato un mondo per tanti versi molto peggiore di quello che ci lasciarono i nostri padri. Abbiamo bruciato una generazione di giovani…non ripetiamo gli stessi errori con le generazioni future.

Aristotele, parlando dei propri discepoli, affermava che ” I GIOVANI NON SONO VASI DA RIEMPIRE MA FIACCOLE DA ACCENDERE ” Che questi giovani siano la luce del futuro e non la fiamma di un cerino che si spegne al primo alito di vento..

GIANLUCA BELLENTANI

 

8 risposte a “GIOVENTU’ BRUCIATA !!!”

  1. e bravo il mio educatore. Davvero apprezzabili le tue riflessioni. Solo un suggerimento: avresti dovuto ricordare loro che ognuno è padrone del proprio destino. Un abbraccio I TUO ALLIEVO

    "Mi piace"

  2. condivido in pieno.lasciamo ai nostri giovani un mondo davvero ostile.ci siamo seduti sui nostri diritti acquisiti e abbiamo dato per scontato troppe cose.è il dialogo ,l’esempio che forma i giovani.noi andavamo nelle sezioni e lì, trovavamo idee, dibattiti ,scontri. soprattutto valori,solidarietà,senso di giustizia ,orgoglio di appartenenza.ecco le cose che più mancano ai giovani,credo,e che anche io rimprovero alla sx.dovevamo essre noi a conquistarli,no lasciarli in mano al qualunquismo e al menefreghismo.

    "Mi piace"

  3. Condivido quanto hai scritto Gianluca. I giovani li abbiamo fatti crescere da soli, con le loro paure, i loro dubbi. Spesso non li ascoltiamo perchè siamo troppo presi dal lavoro che sfianca e non gratifica e per questo non riusciamo a trasmettergli ottimismo: noi non lo siamo ormai da tempo ottimisti. O siamo sopraffatti dalla disperazione perchè questo benedetto lavoro non lo troviamo e quindi dobbiamo “inventarci” come barcamenarci quotidianamente per dar modo alla nostra famiglia quantomeno di sopravvivere. In condizioni di precarietà psicologica, non ci siamo dimenticati che i nostri figli hanno bisogno del nostro sostegno, ma spesso non ce la facciamo ad essere bravi genitori perchè probabilmente vorremmo ancora essere noi figli per essere consolati, per chiedere ai nostri genitori come si fa a vivere in un mondo così difficile. Ci siamo persi, non siamo riusciti ad insegnare ai nostri ragazzi che bisognerebbe vivere con leggerezza perchè noi non riusciamo più a farlo. Abbiamo cresciuto dei ragazzi fragili, spesso incapaci di affrontare le troppe difficoltà quotidiane.

    "Mi piace"

  4. Gianlu, come sempre sei bravissimo, si capisce che conosci i ragazzi con tutti i loro problemi, vorrei solo farti sapere che ho 6 nipoti (già te l’ho detto) di 20 – 16 – 13 – 8 – 7 – 3 – anni…le piccole lasciamole …..con i 3 più grandi ho provato a instaurare un rapporto di discussione sui vari argomenti di attualità, come politica, europa, terrorismo, lavoro, futuro…..che delusione! non gliene può fregare di meno, stanno sempre sul tablet, mettono musica demenziale, si fanno le unghie riportate, ci preoccupiamo del loro futuro noi, ma loro cosa fanno x averne uno migliore? nulla! Scusa lo sfogo, ma sono veramente amareggiata

    "Mi piace"

  5. Da contadino ti dico che una pianta ha bisogno di acqua, letame e devi pulirla qualndo l’erba cattiva sta per mangiarsi le sue radici strappando le radici della mala- erba. Per fare tutto cio’ devi conoscere la pianta che stai coltivando e per conoscerla devi concederle tutta la conoscenza ma soprattutto tutto l’amore di cui disponi. Qui, di buoni contadini non ne vedo e non è certo un caso che la mala-erba stia impedendo alla pianta di crescere e dare buoni frutti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: