L’etica protestante del paternalismo


«We’re trying to protect individuals not their jobs. People’s attitudes have to change. Work isn’t a right; it has to be earned, including through sacrifice». (Elsa Fornero in un’intervista al Wall Street Journal, giugno 2012.)

 

Hanno parlato di una Fornero tradita dalla lingua inglese. Per la verità e chissà perché, gli articoli dei corrispondenti americani in Italia sono sempre scritti in un inglese strano, infiorato, più un italiano tradotto  pari pari stile liceo linguistico versione scuola serale che un vero inglese o americano. Ad ogni modo, a meno che la prof non sia incappata in un lapsus in translation, e qui bisognerebbe sapere se, durante l’intervista, ella si esprimeva nella lingua di Shakespeare o no, e se, in quel caso, l’aveva appresa utilizzando le cuffie che ti insegnano le lingue mentre dormi, il senso delle sue parole è chiaro:
“Stiamo cercando di proteggere gli individui piuttosto che i loro posti di lavoro. L’attitudine delle persone deve cambiare. Il lavoro non è un diritto; bisogna guadagnarselo, anche con il sacrificio”.
Cosa intende il ministro del lavoro quando scinde i concetti di posto di lavoro e lavoratore? Intende forse separare definitivamente la famosa appendice di carne dalla sua macchina d’acciaio? Non credo.
Interessante anche l’uso della parola “work” al posto di “job”. Work (lavoro) è un concetto più generale di job, ovvero “impiego, posto di lavoro”, sottinteso salariato. E’ come il tedesco Arbeit. In questo senso, lavoro potrebbe essere anche inteso come lavoro schiavistico, non pagato, come quello, appunto, che rendeva liberi.
Il fatto che dobbiamo cambiare e farci piacere la cioccolata puzzolente per forza non è una novità. E’ il loro mantra. Questi hanno il pulsante della distruzione dell’economia reale in tasca e non hanno paura di usarlo. Ancora il sacrificio. Il giornalista del WSJ non ci informa se la sventurata singhiozzò, pronunciando per l’ennesima volta la fatale parola.
Sacrificio. Sarà per questo che il governo dei maestrini universitari fa sacrifici umani peggio degli Aztechi da quando si è insediato?
Ma no, siamo solo dei malpensanti. Madamin Fornero ha veramente appreso “the cat is on the table” con le cuffiette e voleva solo ribadire la banalità agghiacciante che il lavoro si conquista con fatica e sacrificio.Thanks to the dick. Lo abbiamo sempre saputo che nessuno ti regala niente a questo mondo e che bisogna studiare ed impegnarsi per riuscire a farsi una carriera, a meno che non si sia bravi/e in un altrojob, il blow. Quello che a volte serve a diventare ministre se il presidente del consiglio è un vecchio porco.
Peccato che questo inno alla meritocrazia sia un clamoroso falso e che proprio qui caschino tutti gli asini di questo governo neoaristocratico, rappresentato indubbiamente alla perfezione dal paternalismo disgustoso di questa specie di rugoso ET catapultato dalla corporativa e nepotistica università italiana addirittura al governo. Una maestra che si rivolge a ditino alzato ai bimbi un po’ tardi, agli ospiti del Cottolengo che lei considera i suoi concittadini, ai quali bisogna spiegare le cose parlando adagio e scandendo bene le parole.
Gli asini cascano perché i sacrifici e la polvere mangiata per ottenere un livello minimo di sopravvivenza non sono richiesti ai cuccioli della Casta ed ai suoi innumerevoli parassiti raccomandati che viaggiano su corsie preferenziali, come la maestra fa finta di dimenticare nonostante alla Casta vi appartenga in pieno.
Ecco, è questo il punto cruciale, ciò che fa venire la schiuma alla bocca di questa manica di spocchiose nullità accademiche, di questi bluff viventi che non sanno fare meglio del peggior amministratore di condominio: the face like the ass.
Se l’etica protestante del capitalismo, a fronte del sacrificio di una vita operosa ed onesta, a scanso di tentazioni diaboliche, prometteva almeno il Paradiso certo dopo la morte, l’etica del paternalismo dei maestrini universitari d’asilo ci promette solo il sacrificio in cambio di niente. E dovremmo pure ringraziarli.
Maestra Fornero, by the way, that finger, ya know, you can stuff it deep inside your asshole.
FONTI :  http://www.mentecritica.net/speciale-elsa-22-letica-protestante-del-paternalismo/informazione/democrazia-e-diritti/lameduck/26934/

Una replica a “L’etica protestante del paternalismo”

  1. Sì, condivido. Il problema è che ci aspettiamo troppo da questi paraculi messi dove son messi soltanto perché titolati da una carriera in cui hanno eccelso nell’arte di detergere con l’appendice carnosa e umida di cui è dotata la loro bocca il foro imbrattato di residui intestinali posto all’interno delle natiche di Sua Santità (e sottolineo il “Sua” che sta a significare che è “soltanto sua” e non di certo mia) o di qualche Cardinal Vicario.
    Quelli son lì solo per garantire l’immobilismo e la conservazione che tanto piacciono a chi è assiso tra le colonne del Bernini.
    Non sono dei geni, a prescindere dai posti che occupano. Son solo gente che s’è conquistata quel che s’è conquistata (qualche milioncino all’anno garantito vita natural durante: ma che volete che cazzo freghi loro di chi deve tirare avanti con poco più di mille euro al mese e a volte neppure quelli?) col sudore delle proprie madide mutande, siano esse boxer, slip, culottes o tanga.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: