BRICOMATT, la pubblicità che umilia le donne


Bricomatt

Proprio alcune ore dopo la giornata dedicata a combattere la violenza contro le donne, dalla rete arriva una denuncia pressoché incredibile: la Bricomatt, un’azienda che vende materiali sanitari, piastrelle, marmi ecc… nella periferia nord di Torino, ha lanciato da qualche giorno una campagna pubblicitaria a dir poco vergognosa, che discrimina neanche tanto velatamente il mondo femminile e mette a nudo la grettezza e la scorrettezza di uno sguardo maschilista, che troppo spesso nel mondo dell’advertising considera la donna come un oggetto: in questo caso un water.

Dopo la donna che parla con le pentole sporche e si incazza con la polvere, abbiamo questo nuovo esemplare di “donna-wc”. La violenza, tanto combattuta a parole sui media, è proprio questa: vedere una ragazza con un vestitino succinto, piegata sul water con le dita in bocca pronta a procurarsi il vomito, mentre sopra di lei campeggia la scritta Liberati dal peso dei rifiuti. Oltre ad essere degradante in sé, quest’immagine procura un senso di disgusto per l’ovvio riferimento – quasi un incomprensibile invito – a quella terribile malattia che è la bulimia, figlia anch’essa di una percezione distorta del corpo femminile, prodotta da anni di campagne pubblicitarie che mettevano in mostra ragazze prossime all’anoressia, proponendole come modello.

Leggi il resto dell’articolo su SoloSapere (clicca qui).

!! AGGIORNAMENTO !!

Leggi le reazioni della Bricomatt, dopo la denuncia della rete (clicca qui).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: