Pubblicato in: berlusconeide

Mai parlare di Berlusconi con Berlusconi


Si potrebbero dire tante cose sulla partecipazione di Berlusconi a Servizio Pubblico, dal momento che ne sono state dette già tante, io ne dico una sola che spero valga come regola generale.

 Bisogna parlare il meno possibile di Berlusconi ma soprattutto mai parlare di Berlusconi con Berlusconi perché Silvio è il migliore teleimbonitore che il nostro Paese abbia mai avuto e per citare la prima legge di Hammond Mai discutere con un idiota: ti trascina al suo livello e poi ti batte con l’esperienza.

Basterebbe così poco per non resuscitare i morti viventi…

Gio’ Chianta

Berlusconi-Santoro-Servizio-Pubblico-586x390

Pubblicato in: CRONACA

Chi sono i veri fascisti ?


Oggi le Home dei social network sono intasati dai commenti sulla partecipazione di Berlusconi da Santoro e dalla c.d apertura di Grillo a Casa Pound. Per chi non conoscesse questa ultima associazione, essa è un associazione nata dopo l’occupazione di uno stabile nel rione romano Esquilino. I militanti di Casa Pound amano definirsi: “ Fascisti del terzo millennio”. Tra le loro attività c’è quella di prendersi a cinghiate durante i concerti al grido di :”cinghiamattanza”. (Non è una battuta). Ma oltre ai lividi e alla scomparsa della voce, fanno anche qualcosa di più serio. Famoso il progetto di legge “mutua sociale” come risposta all’emergenza abitativa che coinvolge numerosi cittadini. Tra il suo programma c’è anche la nazionalizzazione delle banche e la creazione di un fondo di micro-credito per le imprese. Tutta roba condivisibile ( tranne le auto cinghiate s’intende).

Rifacendosi al fascismo, Casa Pound è stata spesso oggetto di critica. Ieri, il quotidiano diretto da De Benedetti ha mandato in onda un video tagliato dal titolo “Beppe Grillo apre a casa POUND”. Basta vedersi il video integrale dell’intervento per capire che è stata riporta una falsa notizia. Il video, cliccatissimo , in rete riprende il confronto, dinanzi al portone del Viminale in occasione della presentazione dei simboli, tra il portavoce del Movimento 5 Stelle e Simone Di Stefano, vicepresidente di Casapound e candidato alla presidenza per la Regione Lazio. Quale miglior occasione gettare inutile fango? Cosa dice Beppe grillo nel video ? Afferma che ci sono punti di contatto tra i due movimenti sottolineando che non è di sua competenza impegnarsi in una lotta antifascista e confermando che, essendo il suo un movimento ecumenico, qualora qualcuno di Casapound volesse e possedesse i requisiti, le porte del Movimento 5 Stelle sono aperte. Il M5S non ha pregiudiziali nei confronti delle persone. Niente di nuovo. Ma in clima di elezioni tutto fa brodo. Quali sarebbero questi punti di contatto tra Grillo e Casa Pound ? Banca di Stato, credito alle micro imprese reddito di cittadinanza, gestione pubblica dell’energia, finanziamenti alla scuola pubblica. Tutti argomenti che la c.d sinistra ha dimenticato da tempo. Addirittura , sulla nazionalizzazione delle banche, la c.d sinistra è stata sorpassata anche da Giulio Tremonti. Questi non sono mica temi da destra o sinistra. Si può non essere d’accordo con i finanziamenti alla scuola pubblica, ma restano un confronto civile. Credere in questi obiettivi significa essere fascisti? Non diciamo idiozie. La stampa non è nuova a questo tipo di attacchi che cercano di trasformare un comico in un fascista. Ricorderete sicuramente l’articolo de Il giornale che riportava la fotografia di Grillo vestito da gerarca fascista.

 

Image

Ma esattamente cosa vuol dire fascismo ? Sandro Pertini diceva che il fascismo è : “ l’antitesi della fede politica, perché opprime tutti coloro che la pensano diversamente”. Prendendo spunto da quest’ultima frase, vorrei ricordare cosa hanno fatto i vari partiti per ostacolare il successo del movimento 5 stelle.

Dapprima hanno cercato di modificare la legge elettorale prima stabilendo la soglia del 42,5% come tetto per il premio di maggioranza tanto che Rutelli e Schifani dissero : “ Dobbiamo evitare che si prenda tutto Grillo”, poi l’emendamento di Enzo Bianco e Malan il quale prevedeva che “insieme ai simboli delle forze politiche siano depositate le copie degli statuti”, cosa che il 5 stelle non ha. Oggi è arrivato l’altro attacco, il più becero forse. Stamattina un contrassegno identico al logo del 5 stelle è stato depositato prima. Due contrassegni identici non possono coesistere. Qualora il ministero dell’ interno non dovesse ritenere di voler tutelare un simbolo che rappresenta centinaia di migliaia di cittadini , potrebbe imporre al movimento di modificare il logo .

Image

Attenzione le firme raccolte sarebbero valide, ma creerà  confusione e disorientamento tra gli elettori.
Visto e considerato che il fascismo tende ad opprimere ogni forma di opposizione, mi domando : chi sono i veri fascisti ?

 

Francesco Migliore.

Pubblicato in: CRONACA

Sulla partecipazione di Berlusconi a Servizio Pubblico.


Image

Doveva essere lo scontro finale, il duello che da tempo tutti noi aspettavamo e per certi versi è andata proprio così. La prima parte del programma era interessante, dibattito vero con contradditorio serio. I più radicali si aspettavano qualche domanda sui processi o magari un atteggiamento più duro da parte di Santoro e Travaglio che avrebbe generato la cagnara da grande fratello. Alla fine sono stati accontentai , infatti , sebbene la puntata fosse iniziata con una stretta di mano è finita in “rissa”. Berlusconi , per più di vent’anni, ha diviso l’Italia, da una parte quelli che lo amavano dall’altra quelli che lo odiavano. E’ riuscito in una impresa davvero difficile : annullare, nella percezione collettiva, tutte le figure terze e a trascinarle in questo giochino “destra o sinistra” , “ Berlusconiano anti-berlusconiano”. Continua a farlo. Infatti , anche in questo caso, ognuno guarda le cose che vuole guardare e capisce ciò che vuole capire. Non a caso sul web si è scatenata la discussione su chi ha vinto il duello. Cerchiamo di analizzare la puntata di ieri sera, ma facciamolo in modo serio e oggettivo. Senza scendere nel giochino Berlusconiano della divisione.

Innanzitutto , bisogna dare atto al Cavaliere di Arcore che, piaccia o no, ha già dimostrato di avere enorme coraggio, di saper accettare le sfide più difficili, di scendere anche nella tana del leone, cosa che Mario Monti, per fare un esempio, non ha mai accettato di fare. Solo coraggio ? No, anche strategia elettorale. Berlusconi deve recuperare un distacco incolmabile e deve pareggiare al senato. Come spesso ci ha dimostrato, ogni qualvolta era spacciato, in qualche modo riusciva a risalire nei sondaggi. Di solito ci ha sempre pensato il PD a salvarlo dalla fine. Questa volta invece, sta conducendo la battaglia da solo. Sa benissimo che la Lega non conta più di tanto, come contano poco Miccichè e La Russa. Quindi occorre giocare il tutto per tutto. La partecipazione di Berlusconi nel programma di Santoro, va letta in questa chiave.

Image

Iniziata la puntata , Berlusconi stringe la mano ai suoi due avversari poi ascolta con strana pazienza il monologo iniziale di Santoro. La trasmissione ci sta un po’ a decollare. Passati circa 30 mininuti, i toni si accendano. Gli italiani alzano il volume del televisore. Infatti , terminato il servizio sulla crisi , Berlusconi inizia ad attaccare subito Monti. Perché, per chi non l’avesse ancora capito, l’ obiettivo è attaccare Monti , usando come spalla Santoro. Nei suoi discorsi non c’è neanche un riferimento a Bersani, infatti sa benissimo che essendo a Servizio Pubblico, è difficile cercare di portar via voti al PD. Continua i suoi interventi rispondendo alle provocazioni e punge, spesso scherza. L’errore di Santoro è stato proprio questo:  Impostare il programma sulla simpatia. Non puoi fare sorrisi e battute con uno come Berlusconi il quale essendo un esperto in questo campo, è ovvio che avrà la meglio. Berlusconi sembra proprio dominare la scena, ma arrivati agli argomenti più seri, ecco che il cavaliere di Arcore comincia a vacillare. Sull’Imu dice : “ Sono stato costretto a votarla”. E per mancanza di contrattacco da parte di Santoro, B. riesce a rispondere a questa domanda. Il dibattito si sposta sul “ complotto “ europeo ai danni dell’Italia. Essendo un argomento serio, Berlusconi vacilla anche qui e confonde la Deutsche Bank con la Bundesbank . Imperdonabile l’errore di Giulia Innocenzi che durante il suo intervento , inconsapevolmente ( o forse si ) presenta Berlusconi come il salvatore della patria dalle grinfie del Fondo Monetario Internazionale.
Si prosegue. Santoro manda il video che mostra Berlusconi al telefono e la Merkel infastidita. Mr Mi consenta giustifica l’accaduto dicendo : “ Ero al telefono con Erdogan (il premier turco)”. Grosse sono le figuracce che fa Berlusconi. E su facebook si scatena l’ironia e lo sfottò di molti. Ridicolo, Pagliaccio , Buffone. Purtroppo coloro che scrivono queste idiozie non sembrano capire che le figuracce sono state tutte studiate a tavolino. Berlusconi è un esperto di marketing. Vende aria fritta e la sa vendere bene. Per fare un esempio ? Verso la conclusione del programma, Berlusconi si siede nella scrivania dove di solito siede Travaglio, e con un primo piano che sembrava il discorso di fine anno, legge una lettera scritta dai suoi servi e indirizzata a Travaglio. E’ questa la goccia che fa traboccare il vaso. Berlusconi inizia infatti a elencare i processi civili di Travaglio, presentandoli come processi penali. Ovviamente Berlusconi è a conoscenza della differenza tra processo civile e penale, ed è anche a conoscenza della figuraccia che sta facendo. Si dice il fine giustifica i mezzi, e in questo caso il fine è quello di risvegliare l’elettore Berlusconiano medio. Quello che si berrebbe qualsiasi cazzata. Quello che la domenica guarda Barbara D’Urso per capirci. Provate a immaginare per un attimo la reazione dell’elettore berlusconiano medio che vede Berlusconi nella tana del lupo dare del condannato in faccia a Travaglio. Avrà avuto un orgasmo sicuramente. Provate a immaginare l’elettore Berlusconiano medio, quando Berlusconi dopo aver finito il suo show , si dirige verso la sedia dove era seduto Travaglio e con voce dura , intima al giornalista di alzarsi, pulendo la sedia con un fazzolettino. Vero teatro.

Image

Ma che ha il suo effetto nei sondaggi. Aumenteranno. Teoricamente dovrebbero essere le intenzioni di voto dei pochi Berlusconiani duri e puri che dormivano da novembre scorso, ma temo che gli italiani , essendo un popolo senza memoria, nel giro di un anno e mezzo si siano dimenticati tutto. Ci siamo forse dimenticati che il mondo ci rideva dietro? Ci siamo dimenticati i bunga bunga, le leggi ad personam , i gheddafi, i Bertolaso,i Cosentino, i Dell’Utri, stallieri, tangenti, L’Aquila, la scuola Diaz , la scuola in generale . Concludendo, sarei disposto anch’io a chiamarlo pareggio, ma considerando il contesto , Berlusconi ne esce vittorioso. Come era previsto d’altronde.
La partecipazione di Berlusconi a Servizio Pubblico è frutto di numerose trattative e taciti accordi. Non parlare di processi, di Ruby, e conoscendo Berlusconi, avrà messo anche il veto sulla partecipazioni di eventuali giornalisti. Tutti si aspettavano un Mentana o un Gianantonio Stella. Bastava inoltre la partecipazione alla puntata di economisti del calibro di Brancaccio il quale nel suo blog si domanda il motivo per cui a Berlusconi non è stato chiesto il motivo per cui lui (Mr.B) ha intrapreso “una tremenda accelerazione ai processi di precarizzazione del mercato del lavoro italiano” , “per aver contribuito più di altri al depotenziamento della contrattazione nazionale sui salari” e ancora “per avere ridotto la politica industriale nazionale a una scassata congerie di prebende, lassismo fiscale, riduzione dei controlli sulla sicurezza del lavoro”. Queste poche domande avrebbero messo al muro Berlusconi, ma purtroppo non è andata cosi. Santoro si sarebbe giocato la partecipazione del Caimano alla puntata.
Infine, voglio fare una piccola riflessione. La diatriba su chi ha vinto il duello Santoro- Berlusconi, può interessare a me e ai tanti malati di politica che affollano le home di facebook. Ma alla povera gente, cosa può importare di tutto questo ? Cosa può importare agli operai in cassa-integrazione, agli studenti precari che non avranno ne un lavoro ne una pensione, alle mogli e ai figli degli imprenditori morti suicidi ? Quello che colpisce in questa campagna elettorale appena iniziata è la mancanza di proposte e programmi. Si parla solo di accordi pre e post-elezioni, accordi per la presidenza della Lombardia, liste , primarie fatte mancate e non rispettate. Volete vincere le elezioni ? Vi do un consiglio : Cangiati discu !

Francesco Migliore.