Pubblicato in: sondaggio

SONDAGGIO, PER CHI HAI VOTATO ?


Sondaggio “in tempo reale” basato quindi sui voti reali. Si puo’ votare, come al seggio, sia per la Camera che per il Senato. Votate, commentate e condividete !

NOTE: sarebbe inutile sottolinearlo, ma visto che qualcuno ha mostrato dubbi, è bene ribadire che questo sondaggio non ha nessuna rilevanza statistica e scientifica.  Semplicemente, chi passa di qui, se vuole, dichiara il suo voto. Se i risultati sono questi vuol dire che il nostro blog è seguito da molti votanti di M5S e dei partiti piu’ votati in questo sondaggio. Abbiamo trovato davvero fuori luogo la polemica sui voti doppi visto che abbiamo piu’ volte ripetuto (in risposta ai commentatori) che i voti doppi non vengono considerati. Il primo voto viene calcolato mentre il secondo, terzo…millesimo no ed infatti dal secondo in poi appare la scritta: “Thank you, we have already counted your vote.” O non capite l’inglese o siete in malafede.

Elezioni-politiche-guida-al-voto_articleimage

Pubblicato in: CRONACA

Pericolosi estremisti


La campagna elettorale che si è appena conclusa ha visto all’opera una quantità di forze estremistiche come mai prima nella storia della Repubblica.
Sono infatti presenti nelle elezioni politiche diverse liste caratterizzate da deplorevoli teorie e proposte stravaganti, combattute dai partiti tradizionali e deplorate dai principali organi di stampa.

Vi sono coloro che, in modo provocatorio, affermano che i rifiuti sono costituiti da risorse recuperabili e non vanno bruciati.
Altri estremisti dicono che le spese militari devono cedere il passo a priorità più impellenti.
Altri affermano addirittura che gli stipendi di dirigenti pubblici e politici devono allinearsi a parametri internazionali e che tutti i renditi vanno tassati allo stesso modo anche quelli finanziari!
Addirittura si arriva ad affermare che il fondamento della nostra democrazia sia la Costituzione e che per continuare nella ricerca di un progresso civile occorre perseguire la legalità, con tutti i pericoli che conseguono.
Alcuni folli arrivano a teorizzare la riduzione degli sprechi, la parità di diritti delle persone, la necessità di salvaguardare la scuola pubblica e la sanità pubblica.
A minare l’intera economia nazionale ci pensano altri pazzi che prefigurano la separazione tra banche di affari e banche di risparmio.

Con tutte quelle forze, che percorrono questi pericolosi sentieri, i principali partiti rifiutano giustamente di parlare e le TV e i giornali, meritoriamente, cercano di ignorarle e, se necessario, di mettere in risalto la follia e l’incongruenze di tali pericolose ideologie.
Che Dio ci salvi da questi pericolosi estremisti che potrebbero minare il miracoloso sistema economico e politico della nostra felice e luminosa nazione.

Salvatore Gioitta http://fugadigas.altervista.org/