Pubblicato in: CRONACA

CLIMA POST ELETTORALE


Non è vero che Berlusconi esulti di gioia per il risultato elettorale, al contrario è incazzatissimo perchè, sia pur di poco, è finito dietro a Bersani, il quale sarà quindi quello che avrà l’incarico da Napolitano di cercare di formare un governo e se è vero che Bersani è anche lui molto incazzato perchè deve fare a sua volta i conti col Movimento 5 Stelle, il quale pretende  che si apra un’inchiesta sulle responsabilità che i segretari del PDS-PD  hanno avuto nella gestione truffaldina del Monte Dei Paschi,  Berlusconi sa però benissimo cosa Grillo pretenderà inoltre da Bersani perchè i suoi non votino la sfiducia ad un governo da lui presieduto: tagli consistenti alle retribuzioni dei parlamentari e drastica riduzione del numero degli stessi, legge elettorale con preferenze, allontanamento dal parlamento dei pregiudicati, legge sul conflitto di interessi ecc… tutte cose che se passassero nuocerebbero sicuramente molto anche al PD ma che per il PDL e per Berlusconi personalmente potrebbero significare la rovina totale almeno per quanto riguarda la sua carriera politica. Svanirebbe così definitivamente il suo sogno di diventare il sommo capo di una repubblica presidenziale tutta cucita addosso a lui, come è sempre stato il suo Forza Italia-PDL. Berlusconi sa anche che un inciuccio con Bersani non sarebbe gradito ai suoi elettori così come a quelli di Bersani, entrambi gli schieramenti infatti hanno perso un elevato numero di elettori proprio perchè Bersani e Berlusconi si tennero per mano nel sostenere il governo Monti, odiato da entrambi gli elettorati, e quindi una alleanza Bersani-Berlusconi suonerebbe tanto come un Monti Bis, il quale Monti è peraltro stato a sua volta praticamente trombato in queste elezioni !

Image

Pubblicato in: politica

Chi è piu’ berlusconiano di Bersani ? Nessuno.


Un Paese senza speranza ?
Non voglio rassegnarmi a questa affermazione,non ancora.
Agli italiani non vanno bene coloro che hanno combattuto la corruzione e che hanno fatto le uniche proposte valide e condivise da tutti gli organi competenti,come la magistratura,la corte dei conti o autorevoli conoscitori di tale piaga nonché fenomeno criminale in continua espansione. No. Antonio Di Pietro ha combattuto la corruzione per nulla e per nulla Antonio Ingroia ha indagato e studiato per conoscere la mafia,salvo poi scoprire che il punto di forza di questa associazione a delinquere sta a Montecitorio,sta nei consigli regionali,sta nelle giunte comunali composte dagli stessi malfattori ai quali oggi gli italiani hanno dato ancora tanti bei voti IN-utili.
Ma anche oggi,nonostante tutto,voglio spezzare una lancia per i miei connazionali,nonostante l’istinto mi porti alla rabbia,allo sconforto alla nausea di condividere la Patria con chi non riesce a sottrarsi all’ennesima acclamazione a Barabba.
Siamo in balia di giornalisti vergognosi;quelli che dovrebbero comportarsi come cani da guardia della democrazia sono sempre più cani da compagnia dei potenti,come dice Travaglio. Siamo in balia di un bombardamento mediatico frutto di un conflitto d’interesse mai risolto dal PD per mancanza di volontà e per totale complicità,come dimostra questo video :

http://www.youtube.com/watch?v=swntE1iWB5Y .

E la gente come fa a sottrarsi a continui messaggi propagandistici,spesso sotto mentite spoglie perché Berlusconi è il padrone della TV pubblica e privata,perché possiede giornali, televisioni e con esse,la capacità di far passare il nero per bianco e lo abbiamo scoperto tante di quelle volte che appariva inutile persino rammentarlo.

Siamo in balia di un Presidente della Repubblica,lo stesso che ha cercato di aiutare un indagato per falsa testimonianza in un processo cosi delicato per la nostra Repubblica,il processo per la trattativa Stato-mafia. In balia del suo endorsement subdolo verso il banchiere camuffato da tecnico che senza rispetto alcuno per le regole è passato da arbitro a giocatore,e la stampa lo ha venerato,vezzeggiato e protetto,perché il potente non si tocca.

In balia del più grande inganno che un popolo possa subire;la costituzione di un polo che si definisce di sinistra e persegue politiche di destra rendendosi complice corrotto come dimostra questo bel patto coi banchieri :

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=440808865996047&set=pb.163818167028453.-2207520000.1361830743&type=3&theater

Per queste ragioni concedo ancora attenuanti ai miei connazionali,per quanto,la riserva delle attenuanti si sta davvero esaurendo.

Le facce nuove di ragazzi perbene e volenterosi del M5S sono l’unica ragione per considerare epocale questo voto e l’unica ragione nella quale riporre un po’ di contentezza.

Sono orgogliosa di aver votato Rivoluzione civile,lo rifarei altre mille volte .Il Parlamento senza questa formazione è privo di baluardi di difesa verso la giustizia,lo stato sociale,diritti dei lavoratori,diritti civili, lotta alla corruzione,lotta alla mafia…

Abbiamo un bagaglio di battaglie scolpite nel marmo,soprattutto grazie ad Antonio Di Pietro che ha speso tempo e salute per cambiarlo davvero questo Paese con grande passione.La voglia di abbandonarle ancora non c’è,nonostante tutto.

Francesca Scoleri

gli_sgommati_confronto_tv_bersani_berlusconi

Pubblicato in: La biblioteca dei sogni

Il benessere ha radici antiche


mamani curanderosHernan Huaranche Mamani – Gli ultimi Curanderos – 172 pagine. Piemme edizioni

La malattia non è sempre un nemico, talvolta è il modo che la Natura ha per dirci che stiamo sbagliando strada e che dobbiamo solo cambiare direzione”, con queste parole Mamani sintetizza questo breve saggio che tratta dell’antica medicina dei curanderos peruviani, che affonda le proprie radici non solo nella civiltà Inca, ma anche in quelle preincaiche. Un diverso modo di intendere la patologie che ci colpiscono, ma anche la stessa vita che viviamo. Vale la pena prendersi il tempo per leggere questo libro se il nostro benessere ci sta a cuore.

E’ interessante notare come l’autore, laureato in economia e docente universitario, sia diventato un curandero a seguito di una patologia che la medicina tradizionale occidentale non è riuscita a curare. Ed è ancora più interessante notare le analogie riscontrabili in un’altra arte antica, meglio definita come “arte di lunga vita”: il Qi Kung (madre delle attuali arti marziali). Stessi suoni quelli scelti dai curanderos andini per stimolare alcuni tipi di guarigione e dai cinesi che prediligono la vibrazione del suono per avere effetti sul corpo. Stessa concezione della malattia sia per gli andini che per i cinesi, anche per gli antichi medici cinesi.

Mamani fa un escursus sui curanderi ancora in vita e che stanno nelle Ande, con i dovuti paralleli con la medicina occidentale. Sono guaritori dell’anima e del corpo quelli raccontati dall’autore, perchè l’Uomo è considerato indivisibile, anima-corpo, in sintonia con gli antichi medici cinesi che parlavano di mente-corpo.

Il lettore viene preso per mano in questo viaggio attraverso un’antica cultura ancora in vita e rimane indubbiamente affascinato da una civiltà che ha faticato a conservarsi e che merita di essere conosciuta per quel tesoro di saggezza e tradizione che ci vuole tramandare.

E’ un libro, fondato su fonti precise e sull’esperienza dell’autore in qualità di curandero, che indica una diversa via, un diverso benessere che passa anche attraverso la malattia. E che ci conferma che vivere in un altro modo, in una maggiore sintonia con la Natura, è possibile e ci porta solo al nostro benessere. Noi siamo il riflesso dell’Universo e per questo, tramite le osservazioni empiriche dei fenomeni, è possibile curare diverse patologie e disagi, anche mentali.

Dimostrando in modo logico e pratico che non si tratta affatto di magia, ma di un diverso modo di chiamare le cose e di arrivare a risultati sorprendenti in fatto di salute e benessere. Perchè per gli andini, siano essi considerati peruviani o incas, è uno dei valori della vita, da salvaguardare.

Forse varrebbe la pena soffermarsi a riflettere su quanto raccontato da Mamani, perchè se uomini diversi, a diverse latitudini, arrivano alle stesse conclusioni, c’è un fondamento di verità in ciò che dichiarano. E in questo caso, stiamo parlando di una reale dichiarazione d’amore alla vita e all’Uomo.

Bianca Folino