NO ALL’ INGERENZA CATTOLICA NELLA STRUTTURA SANITARIA PUBBLICA


Tutto viene sempre orchestrato per favorire le ingerenze della chiesa cattolica nelle strutture politiche e sociali di questo paese, incluso il diritto al servizio sanitario pubblico. La legge sull’aborto, varata in seguito ad un referendum in cui la maggioranza degli italiani si è espressa favorevolmente nel concedere ad una donna il diritto di poter abortire in una struttura ospedaliera pubblica, è stata in parte vanificata dall’introduzione di una assurda legge di chiara matrice cattolica, relativa all’obiezione di coscienza, che permette ai medici di defilarsi da un intervento di aborto dichiarando semplicemente di essere contrari alla pratica dello stesso, e di poter ugualmente lavorare nella struttura ospedaliera pubblica. Praticamente, nonostante ci sia una legge sancita da un referendum che dovrebbe garantire un diritto indiscutibile di una donna ad avere la pubblica assistenza medica in caso di aborto volontario, ci sono dei medici che si arrogano il diritto di negarglielo per delle loro convinzioni personali, che, in un  paese veramente civile, non dovrebbero ne potrebbero minimamente influire sul corretto svolgimento del loro lavoro, ma che invece in un paese incivile come il nostro trovano pure protezione nell’ordinamento giuridico. Ritengo sarebbe ora di cambiare le cose e di imporre per legge a tutti questi  medici cosiddetti obbiettori, ( i quali scaricano il proprio lavoro su altri colleghi più fessi perchè più onesti di loro ),  dal momento che non se la sentono di praticare l’ aborto, che vadano pertanto a lavorare in strutture private dove venga loro consentito di non fare questo tipo di intervento e lascino così il campo libero nel settore sanitario pubblico a quei colleghi che invece non hanno le loro remore nell’assistere una donna che voglia abortire. 

Image

Una replica a “NO ALL’ INGERENZA CATTOLICA NELLA STRUTTURA SANITARIA PUBBLICA”

  1. certo che l’ingerenza nella sanità pubblica è tragica. comunque io direi “no all’ingerenza della chiesa”. punto.
    ricordo che un paio d’anni fa un grande costituzionalista presentò il diritto all’obbiezione di coscienza sotto una luce più complessa che -specie per i politici- includeva anche un dovere di non usare tale diritto, per consetire a tutti gli altri di poter esercitare appieno i propri.
    questo è decisamente il caso della sanità pubblica.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: