Chi sono gli elettori “normalizzatori” ?


Chi sono gli elettori “normalizzatori” ?

Sono gli elettori che hanno perso del tutto o in parte il senso critico e conseguentemente la capacità di indignarsi: l’elettore affetto da normalizzazione  tende a normalizzare tutto, anche fatti molto gravi. Questa normalizzazione è molto diffusa ed è riscontrabile in diversi elettorati sia di Destra che di Sinistra.

Partiamo dalla Destra. Nell’ultimo ventennio la Destra è stata, probabilmente ancora per molto, Silvio Berlusconi. Berlusconi è stato in grado, grazie soprattutto ai suoi media ma anche alle proprie qualità di venditore di pentole, di portare il fenomeno della normalizzazione nel suo elettorato al massimo livello possibile. Gli elettori berlusconiani normalizzano tutto: Berlusconi è un evasore fiscale ? Non scherziamo, non avrà pagato qualche multa. Berlusconi è accusato di prostituzione minorile ? Al massimo sarà stata qualche cena elegante. Berlusconi frequenta ragazze che potrebbero chiamarlo nonno ? E cosa c’è di male, l’età non conta. 

La lista potrebbe essere, evidentemente, molto piu’ lunga ma in generale possiamo dire che l’elettore Berlusconiano perdona tutto a Berlusconi normalizzando ogni suo comportamento. Verrebbe da chiedersi quale sia il limite e se ci sia. La risposta potrebbe essere inquietante.

Andiamo alla Sinistra. Non possiamo non parlare di PD e del suo elettorato. In questo caso il fenomeno della normalizzazione non è ancora arrivato al massimo livello ma avanza inesorabilmente.  Diversamente dall’elettorato di Destra, nel PD c’è senso critico e si discute molto ma alla fine, il dissenso della base con la dirigenza, non si traduce con una protesta o con un voto in meno  ma con la normalizzazione.

Il PD governa con Silvio Berlusconi dove averlo dichiarato il nemico pubblico per eccellenza ? Gli elettori del PD  finiscono per accettare e normalizzare la cosa in nome di, un presunto, bene comune per gli italiani. Il PD vota compatto il fiscal compact ? I piddini sanno che rovinerà il Paese ma in nome di alleanze, trattati e imposizioni varie accettano e normalizzano la cosa.  Una parte del PD vota contro l’elezione al Colle di Romano Prodi ? Nessun problema, normale dialettica interna. Peccato che in direzione tutti erano con Prodi. Napolitano accetta di essere rieletto buttando via la piu’ bella prassi costituzionale che potessimo vantare ? Non è così grave perché la Costituzione non vieta chiaramente  la rielezione.

Il rischio che corrono gli elettori del PD è quello di diventare come gli elettori di Berlusconi. Infatti nessuna scelta insensata della base si traduce in un vota in meno, qualche lamentela e poi si torna a votare compatti.

Finiamo con il M5S. In questo caso non possiamo parlare di normalizzazione ma devono stare attenti. Se un parlamentare del Movimento , Grillo o Casaleggio dicono o fanno delle cretinate  si deve avere il coraggio di dire che di cretinata trattasi e non normalizzare la cosa. Altrimenti, il rischio della normalizzazione è dietro l’angolo e un elettorato che vuol essere diverso dal normalizzato non puo’ esserlo a sua volta.

Gio’ Chianta

P.S. Naturalmente, per i normalizzatori, è normale che gli ultimi tre Presidenti del Consiglio italiani (l’ultimo dovrebbe essere Renzi) non siano stati votati da nessuno.

gregge

2 risposte a “Chi sono gli elettori “normalizzatori” ?”

  1. Non sono così convinto che in M5S non vi sia identica “normalizzazione”

    "Mi piace"

    1. Nemmeno io, speriamo non si normalizzino.
      (Gio’)

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: