Demarcação


A Guarani Indian holds up a protest banner before the 2014 World Cup kickoff at the Corinthians arena in Sao PauloQualcuno di voi avrà probabilmente assistito alla cerimonia di apertura della Coppa del Mondo, probabilmente avrà anche assistito alla scenografica immagine dei tre giovani brasiliani (i tre giovani in maglia bianca nella foto sopra) che rilasciano tre colombe al centro del campo.

Difficilmente, invece, avrete assistito o vi avranno mostrato quel che è accaduto pochi istanti dopo, mentre i tre giovani lasciavano il campo. “O que a transmissão de TV oficial não mostrou“:

Questo è il genere di foto che FIFA e Brasile non vogliono mostrarvi.

Perché è il genere di foto che confligge con la buonista narrazione di un popolo (e di un mondo intero) unito e festante per i mondiali.
Mondiali nei quali “A Fifa proíbe veementemente qualquer tipo de manifestação política nos estádios da Copa“, la FIFA proibisce violentemente ogni manifestazione politica (curioso per un’associazione che si definisce “non-profit”).

10376275_743530509030633_268355830367630325_nIl ragazzo, infatti, è un indio -probabilmente guarani– e protesta per la demarcazione delle terre indigene nello stato di San Paolo in Brasile (qui un altro link brasiliano). Avevo parlato di un caso simile in Indonesia, qui.

Spero di riassumere bene la questione (riportata dal solito Der Spiegel, chapeau) scrivendo che la questione riguarda la demarcazione delle terre indigene nello Stato di San Paolo, demarcazione da tempo promessa ed attualmente oggetto di una proposta di riforma costituzionale (c.d. PEC 215). In particolare, gli indigeni richiedono che sia direttamente il governo locale ad occuparsene e non il Parlamento, che temeno troppo influenzato dalle lobby.

Inutile dire che quel ragazzino mi sta davvero simpatico. E che avrei voluto avercela io, a tredici anni, la sua forza per mandare a quel paese la FIFA, il governo brasiliano e chissà chi altro pensava di poterlo semplicemente mettere a fare la bella statuina.
Ce ne fossero, di ragazzi così.

http://discutibili.com/2014/06/18/mondiali-discutibili-redpoz-bis-demarcacao-aka-la-foto-che-fifa-e-brasile-non-vi-mostreranno/

2 risposte a “Demarcação”

  1. La domanda di fondo è:
    un mondiale è utile ad un Paese organizzatore in termini economici ? Fino a qualche tempo fa, penso ai mondiali Usa 1994, i costi (meno di 400 milioni) erano ancora contenuti ed il ritorno “utile”. Con questo mondiale abbiamo visto lievitare i costi, si parla di 14 miliardi ma alla fine saranno anche di piu’.
    Ma gli Stati preferiscono buttare così i soldi anzichè occuparsi dei problemi veri del loro Paese, come quello scritto da te ma, piu’ in generale, il Brasile è un Paese in cui dilagano corruzione e ingiustizia sociale. A me ricorda l’Italia…

    "Mi piace"

    1. La domanda, anche se un pò aldilà dell’oggetto del post, è pienamente legittima.
      La risposta, temo sia negativa: se gli investimenti fossero -come sempre promesso- privati, allora forse un ritorno positivo potrebbe esserci, ma fino a quando saranno gli Stati a farsene carico, difficile sia così.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: