Pubblicato in: donna, MEDIA, opinioni, sessismo

Sesso-mania


prost.Nella puntata di Presa Diretta di domenica 7 settembre, il bravo Riccardo Iacona ha parlato dell’ argomento che piu’ interessa agli italiani, ancor piu’ del calcio : il sesso. Non si e’ parlato come di solito avviene di mariti fedifraghi  e di mogli cornificate ( o viceversa ) ma degli utilizzatori finali, parola questa che potrebbe tranquillamente essere sostituita col termine consumatori. Nella prima parte della trasmissione si e’ parlato della squallida storia delle ragazzine minorenni dei Parioli , ‘’ utilizzate ‘’ da uomini adulti di ogni ceto sociale, mentre nella seconda parte si sono mostrati i vari bordelli di cui gli uomini italiani sono i maggiori frequentatori, da quelli poco oltre confine di Svizzera e Austria fino alla lontana Thailandia, in quella specie di lupanare a cielo aperto che e’ l’isola di Pattaya, dove i bordelli sono sempre pieni e le splendide spiagge deserte. Il quadro che viene mostrato e’ tanto disarmante quanto inquietante. Siamo un popolo di puttanieri, che considera il sesso non come forma di conoscenza del partner e di reciproco scambio di sensazioni ma come mero sfogo dei propri umori interni. Il sesso e’ visto come una specie di salutare ginnastica ma soprattutto come valvola di sfogo, come urinare o defecare ma con la differenza che, a differenza di queste ultime ( che sono normali funzioni corporee ) , la cosa e’ vista come una sorta di merito di cui vantarsi. Quello che lascia sconcertati e’ il fatto che questa considerazione di cosa sia il sesso e’ entrata ormai nel comune sentire. Si vedono personaggi squallidi e in eta’ che pagano ragazzine che potrebbero essere loro figlie o addirittura nipoti , che non vengono additati come vecchi sporcaccioni ma come ancora sessualmente prestanti . Quando vengono interrogati i vari indagati per la vicenda dei Parioli , gli uomini non recitano un mea culpa, un normale ‘’ Ho sbagliato, sono stato un porco ad approfittare di queste ragazzine ‘’, ma un semplice  ‘’ Credevo avessero 18 anni ‘’, quasi che avere un anno in piu’ potesse fare questa gran differenza, almeno dal punto di vista etico. L’ avere a fianco o nel letto una donna bella o di solito piu’ giovane viene considerato motivo di vanto, come un bel vestito o una costosa automobile. Nella donna, gli uomini non cercano piu’ intelligenza, simpatia o perlomeno quell’ empatia che ti fa star bene con accanto questa o quella persona ma solo performance sessuali. Esistono per gli uomini italiani due tipi di donne: quella che ti accudisce e che e’ la madre dei tuoi figli e quella con cui hai solo un rapporto di letto. Si cercano le ‘’ carni fresche ‘’, quasi si fosse in una macelleria anziche’ nella vita reale. A questo errato modo di pensare, anche troppe donne si adeguono. Eccole dal chirurgo estetico per farsi ritoccare questa o quella parte corporea, per farla ritornare come un tempo o come magari non sono mai state. Eccole scusare i loro mariti con frasi tipo ‘’ E’ STATA SOLO UN’ AVVENTURA, LO CAPISCO, DOPO TANTI ANNI DI MATRIMONIO  ‘’, quasi che sia normale per un uomo uscire dalla normale routine sessuale. Non si tratta di essere bigotti o bacchettoni ma di essere contro questo modo di pensare, che sminuisce tanto la donna quanto l’uomo. Qualcuno potra’ obiettare che questa ricerca del sesso ad ogni costo sia da sempre esistita, sin dai tempi dell’ Impero Romano : e’ pero’ anche vero che sono passati oltre 2000 anni da allora e oggigiorno, almeno sulla carta, dovremmo essere una societa’ culturalmente ed eticamente piu’ evoluta.

Il messaggio che viene dato ai giovani e’ invece devastante. Ragazzini/e giovanissime, bombardati da pornografia da tutte le parti, praticano sesso senza alcuna conoscenza delle piu’ normali misure di cautela. Il sesso, cosi’ come l’alcool e la droga, sono visti come un momento di sballo, di uscita da una realta’ che non piace e che spaventa. Spesso sono incoraggiati anche dai genitori, che invece di guidarli in questa avventura dandogli consigli, li incitano , in quanto ‘’ MEGLIO CHE SCOPI PIUTTOSTO CHE SI DROGHI ‘’. La settimana scorsa, due ragazzi di 21 anni di buona famiglia, abitanti in un ricco Paese del modenese, hanno abusato in contemporanea di una ragazza 17enne, ubriaca fradicia, nel parcheggio di una discoteca. Quando i Carabinieri li hanno arrestati, la loro versione dei fatti e’ stata unanime : ‘’ CE LO HA CHIESTO LEI E NON POTEVAMO TIRARCI INDIETRO ‘’,  come se rifiutare l’invito di una ragazzina quasi in coma etilico e invece aiutarla a farle passare la sbronza fosse un qualcosa di cui vergognarsi. A volte e’ ancor peggio, come per il caso delle ragazzine dei Parioli, la cui preoccupazione piu’ grande e’ stata quella di ‘’ NON POTER PIU’ AVERE TUTTI QUEI SOLDI DA SPENDERE ‘’.

chat ero Il messaggio che viene dato dai tanti video porno che circolano in rete e’ che la donna ( e a volte l’uomo ) altro non sono che meri strumenti di piacere, da utilizzare come un qualsiasi elettrodomestico di casa. Questo sesso virtuale, questi incontri segreti nelle varie chat erotiche, fanno perdere il contatto con la realta’ delle cose e anche i normali rapporti di incontro trai giovani spariscono o perlomeno diventano sempre piu’ sporadici. Qualcuno dira’ che negli ultimi anni, non abbiamo avuto grandi esempi di comportamento da parte di chi ci ha governato ma sicuramente anche noi abbiamo avuto gravi negligenze e silenzi su questo argomento. Cerchiamo quindi di educare i nostri figli, insegnando loro che fare sesso e’ una cosa bella ma lo e’ancor di piu’ quando anche il partner lo vuole. Che il godimento e’ maggiore quando e’ di entrambi. Che occorre cercare il godimento dell’altra/o ancor prima che il proprio, perche’ riceverai cio’ che hai dato. Che la parola SEDUZIONE non e’ una parola desueta ma la parte piu’ bella di ogni storia, per certi versi piu’ appagante del mero atto sessuale. Ricordiamoci sempre che siamo esseri umani e non solo animali da monta.

Gianluca Bellentani