Pubblicato in: CRONACA

LA FAVOLA NEOLIBERISTA


Il neoliberismo, che io preferisco chiamare col suo vero nome di neofascismo politico e finanziario, tanto caro ai banchieri di Wall Street e ai politici americani, siano essi i repubblicani o i finti democratici, e da cui discende la famosa teoria la quale sostiene che se un individuo è indigente, non ha un lavoro, o magari lo ha, ma questo gli basta a malapena per sopravvivere se non si ammala, diversamente non avrebbe certo denaro a sufficienza per potersi anche curare, la colpa è soltanto sua perchè o non lavora abbastanza oppure perchè non si ingegna a sufficienza per poter diventare ricco o benestante, teoria messa però davvero in pratica in America e che ha portato più di un terzo della sua popolazione senza cure mediche perchè non può permettersi un’assicurazione sanitaria privata, e che quindi non descrive affatto casi sporadici e isolati come, politici a parte, anche una certa stampa filo neoliberista ha sempre voluto lasciare ad intendere, è sbarcato da un bel pezzo anche qui in Europa e ha condizionato tutti i trattati UE e la stessa costituzione europea, tanto che alcuni paesi membri dell’UE non l’hanno voluta firmare. Tra questi paesi naturalmente non c’è l’Italia, che invece firma sempre tutto, anche quello che poi risulterà contrario ai suoi interessi nazionali, perchè questi vengono da sempre confusi con gli interessi delle lobby affaristiche e politiche che detengono il potere in Italia e che si interessano poco o niente delle politiche di lavoro, dello stato sociale e del benessere collettivo. Tutto ciò spiega perchè stiamo andando sempre più verso il default. Intendiamoci bene, se questo sta accadendo, non tutte le colpe sono da attribuirsi ai soli trattati UE: Come è noto, abbiamo la classe dirigente ( politica, bancaria e mega imprenditoriale ) più corrotta dell’intero emisfero occidentale, ma la cosa peggiore è che milioni di italiani, cosiddetti moderati, sembrano non rendersene conto e continuano imperterriti ad affidarsi passivamente a suddetta classe dirigente.

occupy-wall-street-protesters-after-eviction-data www.abc.net.au