Pubblicato in: CRONACA

SFIDUCIA DAY


II discorso di Beppe Grillo a Palermo, che non ha niente a che vedere con le sparate neo naziste e demagogiche dei Salvini di turno della Lega Nord o dei Berlusconi che tentano di riciclarsi, come sostiene invece qualche benpensante piddiino, è stato molto razionale, come sempre, e ha toccato tutti i punti dolenti. Crocetta fa pure lui parte dell’osceno gioco piddiino e della cricca di governo. A me non spaventano i discorsi di Grillo, a me spaventa soltanto l’inerzia della gente che preferisce votare PD o per un altro partito tradizionale, o non votare affatto, piuttosto che dare fiducia ad una forza rivoluzionaria come il Movimento 5 Stelle. Non c’è stata nessuna caduta di stile da parte di Beppe, lui ha detto solo la sacrosanta verità, ma ascoltare la verità fa male ad un popolo come quello italiano che da secoli preferiva subire la dominazione straniera e quella della chiesa cattolica piuttosto che rischiare qualcosa ribellandosi una volta per tutte. Per questo motivo siamo ancora servi e i Beppe Grillo che vorrebbero liberarci ci fanno paura, vuoi perchè non siamo in grado di capirli, vuoi perchè anche se li capiamo benissimo e sappiamo che hanno ragione, preferiamo far finta di non capire o di travisare quello che dicono!

'Sfiducia Day' contro Crocetta a Palermo