Pubblicato in: CRONACA

LA VOCE DEI REIETTI.


14inchiesta-galeano-passante-edoardo-galeano-foto-a3 «Galeano ha per­corso l’America Latina ascol­tando anche la voce dei reietti oltre che quella di lea­der e intel­let­tuali. Ha vis­suto con indios, con­ta­dini, guer­ri­glieri, sol­dati, arti­sti e fuo­ri­legge; ha par­lato a pre­si­denti, tiranni, mar­tiri, preti, eroi, ban­diti, madri dispe­rate e pazienti pro­sti­tute. Ha patito le feb­bri tro­pi­cali, ha cono­sciuto la giun­gla ed è soprav­vis­suto anche a un grave infarto. È stato per­se­gui­tato sia da regimi repres­sivi, sia da ter­ro­ri­sti fana­tici. Ha com­bat­tuto le dit­ta­ture mili­tari e tutte le forme di bru­ta­lità e sfrut­ta­mento cor­rendo rischi impen­sa­bili in difesa dei diritti umani. Non ho mai incon­trato nes­suno che abbia una cono­scenza di prima mano dell’America Latina pari alla sua, che ado­pera per rac­con­tare al mondo i sogni e le disil­lu­sioni, le spe­ranze e gli insuc­cessi della sua gente».

Isa­bel Allende

Pubblicato in: CRONACA

A A A violentatore cercasi per il sabato sera …..


Il fatto narrato è vero : la donna , che chiamerò Lucia ( nome di fantasia )  esiste ed è una persona con cui ho lavorato diversi anni fa a Lecco.

Lucia non era stata baciata dalla fortuna : piccola , goffa, non bella e molto insignificante anche per scelta.

Usava nascondersi con un abbigliamento anonimo e un aspetto molto poco curato.

Originaria di un paese del sud Italia , una volta diventata ragazza madre era stata emarginata nel suo paese di origine e si era autoemarginata nel paese dove viveva da anni, Lecco.

In queste condizioni era impensabile per lei rifarsi una vita con un uomo .

Essendo ancora piuttosto giovane aveva, come tutti i comuni mortali, sane pulsioni sessuali che lei non sapeva come soddisfare…..

Ecco come si era ingegnata, in verità senza successo, per lo scopo che si era prefissato.

Il sabato sera si vestiva provocante, si truccava, tacchi a spillo ( chi l’ha vista racconta che sembrava un’altra persona ) prendeva il treno e se ne andava a Milano in Stazione Centrale.
Posto allora alquanto poco raccomandabile di notte per una donna sola.

La sua speranza era quella di essere abbordata da qualcuno che risolvesse il suo problema……

Allo scopo, lo raccontava lei ridendoci sopra, si avvicinava ai tipi più loschi che vedeva e si offriva quasi in modo esplicito….

VENIVA IGNORATA, TOTALMENTE IGNORATA.

MORALE DELLA STORIA E MORALE IN GENERALE : il profilo del violentatore prevede la violenza in sè, l’avere una cosa attraverso un atto coercitivo…. senza sensazione di coercizione, nessuna violenza….anzi è meglio dire…. nessuno cambio di stato dell’apposito attrezzo…

Questa esperienza ,vissuta come una sconfitta da Lucia, è una delle prime cose che insegnano ai corsi anti-stupro .

Sembra un paradosso, ma è assolutamente vero e funziona, sempre nel caso di rapporto uno a uno e senza che ci siano armi di mezzo.

Lucia e la sua incolumità intatta ( purtroppo ! direbbe ridendo lei …..) seppure dopo anni di tentativi, ne sono la prova.

Franca Corradini

Milano, stazione centrale,marzo 2008 -foto di franca corradini ( tutti i diritti riservati )