Pubblicato in: CRONACA

EXPO2015- VENTI DI GUERRA


010658151 PER ORA NULLA DI GRAVE.. ma sotto sotto, a poche ore dall’inaugurazione, si preparano preoteste di vario genere.

Corteo studenti e antagonisti: striscioni, vernice e fumogeni.

“Striscioni con le scritte “No Expo”, “Expo=mafia”, ma anche “Un altro mondo è possibile” o “Grande evento uguale grande bufala”. Poi lanci di vernice colorata e fumogeni. Studenti e antagonisti hanno sfilato in corteo per le strade di Milano il giorno prima dell’inaugurazione dell’esposizione. Due manifestanti sono saliti sulla struttura di “Expo Gate” e hanno srotolato uno striscione. Poco dopo è stata imbrattata la sede dell’Enel in via Broletto e due grosse scritte con vernice rossa sono state tracciate in piazza Duomo e davanti alla sede di Unicredit in piazza Cordusio.

Momenti di tensione davanti alla sede di Manpower, azienda incaricata della gestione del personale per Expo 2015 e al centro delle polemiche nei giorni scorsi per aver diffuso la notizia che molti under 29 avrebbero rifiutato un contratto da 1500 euro. I manifestanti hanno tirato uova, sassi e vernice contro l’edificio, ma durante l’azione c’è stato uno scontro tra anarchici e rappresentanti dei collettivi. La polizia è intervenuta, ma non ci sono state cariche. “

Alfano: “Diritto manifestare, non rovinare festa”

Expo 2015, nella scuola dei “celerini” 2.0 si preparano le giornate di Milano.

Nettuno, nella scuola dove la polizia si prepara all’esposizione universale.

Per gli 007 potrebbe essere un “nuovo G8 di Genova”, ma con l’addestramento si cerca “di evitare gli errori del passato” (da IL FATTOQUOTIDIANO )

E  pure sventato attentato …..

….a morte l’EXPOO2015 ….VIVA L’EXPOO2015….

Pubblicato in: CRONACA

1° MAGGIO 2015 A MILANO : NO EXPO


1-MAGGIO-2015( comunicato stampa cobas)
1° MAGGIO 2015 A MILANO : MAY DAY NO EXPO

Il 1° Maggio, la giornata che celebra la lotta – le battaglie, i sacrifici,il riscatto – dei lavoratori in tutto il mondo (svilita in Italia dalle kermesse musicali di Cgil-Cisl-Uil) quest’anno verrà abusata dall’imposizione dell’EXPO : l’insieme delle realtà anticapitaliste, tra cui la Confederazione Cobas, si danno appuntamento il 1° Maggio a Milano, per demistificare la vetrina del dominio mercantile e per riproporre “un ‘altro mondo possibile”.

Il logo accattivante “ nutrire il pianeta,energia per la vita”, suona come una bestemmia a fronte dello sfruttamento devastante del pianeta , imposto dalle dominanti multinazionali agroalimentari, che sono tra i principali sponsor dell’EXPO, da Nestlè a Coca Cola, Mc Donald’s ,Barilla,Dupont,..

I principali elementi che danno nutrimento all’ecosistema :

– l’ACQUA , è la risorsa più minacciata dai predatori multinazionali che ne pretendono il controllo privato, anche attraverso guerre e mortalità per mancato accesso alla fonte potabile. Gli stands di Israele e Turchia gridano vendetta, perché nascondono e/o travisano agli occhi del mondo l’uso criminale della risorsa acqua : sottratta ai palestinesi dalla feroce occupazione israeliana ; razionata alle popolazioni mesopotamiche dalle decine di dighe che il regime turco sta costruendo lungo il Tigri e l’Eufrate, distruggendo le città dell’origine della civiltà tra cui Hasankjef.

– la TERRA, sempre meno disponibile per l’alimentazione a fronte di cementificazione e agrocombustibili. Resa più sterile dall’agricoltura intensivo-industriale, dalla violenza delle multinazionali sementiere imponenti coltivazioni OGM e cibi standardizzati, che riducono la biodiversità e distruggono l’agricoltura rurale e famigliare. Il modello EXPO è nemico della sovranità alimentare, non c’è niente di “ green” nel monopolio delle multinazionali ! Mentre sono milioni i piccoli contadini ridotti alla fame o al suicidio, con vasti territori desertificati ed emigrazioni di massa: moltiplicate tragedie solo per soddisfare i consumi che ci impongono le Grandi Catene di Distribuzione(Wall Mart,Tesco,Metro,…Esselunga,Coop,Selex) altrettanto artefici del mostruoso disegno fatto di profitti,sprechi e morte.

– l’ ARIA , divenuta malsana a causa dell’intensificarsi dei cicli industriali(anche militari) che contribuiscono notevolmente alle catastrofi climatiche, che sempre più di frequente sconvolgono il pianeta. Da Bophal a Fukushima all’Ilva, la lezione non è servita ! Si continua all’infinito nella gara a chi inquina di più, così che a Parigi (dicembre 2015) , l’ennesima conferenza Onu sul clima “non troverà soluzioni alla scadenza di quella timida del Protocollo di Kyoto”, se non ci saranno forti sollevazioni popolari nel mondo.

– il LAVORO , ridotto quasi esclusivamente a merce malpagata e deprezzabile. Il modello capitalistico è quello della “precarietà del lavoro e dell’esistenza”, dell’usa e getta senza vincoli,diritti,welfare, di cui il Jobs act in Italia è solo un anticipo! Dove le tutele su salute e malattia sono a scapito del lavoratore, per non parlare della vecchiaia, che sarà un inferno mancando pensione e assistenza. Si parla di condizioni attuali pari a l”800 , peggio perché c’è il ritorno al lavoro schiavista nelle campagne, allo sfruttamento spudorato di donne e minori, al lavoro gratuito come dimostrano gli oltre “15000 volontari EXPO”.

DEL DIRITTO ALL’ACQUA, TERRA, CIBO, BENI COMUNI, AMBIENTE, SALUTE,CASA, LAVORO-REDDITO, COOPERAZIONE SOLIDALE,AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI: DI TUTTO QUESTO NON PARLA EXPO !

FAREMO IN MODO CHE SIA INVECE L’ARGOMENTO CENTRALE DEL SEMESTE EXPO!

Relazionandoci con le molteplici resistenze che già connotano il panorama italiano che si oppone : alle “ grandi e devastanti opere + grandi navi”; allo “ sblocca Italia e alla Strategia Energetica Nazionale(gasdotti, rigassificatori,biomasse,geotermia,trivellazioni,); al riarmo-poligoni-basi militari; alle leggi razziste e privatiste sulla casa e “ buona scuola”.

LO DOBBIAMO FARE OLTREMODO PERCHE’ INCOMBE COME UN MACIGNO IL TRATTATO TRANSATLANTICO-TTIP USA /UE , CHE TENTERA’ DI LIQUIDARE LE GARANZIE A DIFESA DEI CITTADINI E DEI LAVORATORI, ELIMINANDO IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E LE TUTELE A SALVAGUARDIA DELLA SALUTE,DEL CIBO,DELL’AMBIENTE,DEI BENI COMUNI, DEL LAVORO, DELLA SOVRANITA’ POPOLARE.

SAREMO IL 1° MAGGIO A MILANO , TRA COLORO CHE HANNO PROMOSSO LO “ SCIOPERO SOCIALE DEL 14 NOV 2014” , CHE GIA’ IL 12 MAGGIO PREPARANO LO SCIOPERO GENERALE DELLA SCUOLA, CHE SONO IN CONFLITTO PERMANENTE CON LE POLITICHE ULTRALIBERISTE DEL GOVERNO RENZI E DELLA TROIKA.