Pubblicato in: CRONACA

La Jeep compie 75 anni, ecco perché si chiama così. Due le possibili origini del nome


auto-160422123803http://www.askanews.it/top-10/la-jeep-compie-75-anni-ecco-perche-si-chiama-cosi_711793473.htm

– La Jeep compie 75 anni: il prototipo definitivo di questa “scatoletta” a quattro ruote motrici e un piccolo e affidabile motore da meno di sessanta cavalli fu infatti messo a punto nell’aprile del 1941. Il mezzo militare divenne presto uno dei veicoli più presenti nell’immaginario collettivo di milioni di persone, grazie ai cinegiornali di guerra e alle ricostruzioni cinematografiche. Sicuramente, per gli italiani, è stata l’emblema “motoristico” della Liberazione. Il mezzo, infatti, compare sempre in testa ai convogli alleati che spesso fra ali di folla festanti attraversavano le città italiane dopo la ritirata delle forze nazifasciste. Si pensi, per esempio, alle fotografie che ritraggono il generale statunitense Mark Clark il 5 giugno del 1944 a Roma. Il mezzo, destinato a rivoluzionare il concetto di fuoristrada, venne commissionato dal governo Usa proprio pochi mesi prima dell’entrata in guerra, che avvenne nel dicembre del 1941 in seguito all’attacco giapponese alla base di Pearl Harbour. Rimasero due le case automobilistiche a competere per aggiudicarsi il lucroso contratto – ricostruisce Autoscout24 -: la American Bantam Car Company e la Willys-Overland. I militari optarono per la prima che progettò un mezzo spartano e robusto, proprio quello che serviva a un esercito pronto all’azione; tuttavia il motore della Bantam non venne giudicato adeguatamente potente e a Washington si decise per un compromesso: il propulsore prodotto dalla Willys avrebbe equipaggiato il mezzo definitivo. L’assemblaggio del modello destinato all’uso operativo, però, venne alla fine commissionato proprio a quest’ultima e in seguito alla Ford, su licenza. Le due case, infatti, garantivano volumi produttivi di tutto rispetto anche in considerazione del fatto che la Bantam versava in pessime condizioni finanziarie. Secondo alcuni, il nome Jeep – scrive ancora Autoscout24 – deriva dalla sigla “GP”, che nel gergo militare era l’abbreviazione di “General Purpose”. Altri sostengono invece che il veicolo prenda il nome da “Eugene the Jeep”, un noto personaggio dei fumetti di Braccio di Ferro. Il Jeep era un piccolo e simpatico animale dal mantello dal colore verde. Si esprimeva emettendo un unico verso, “jeep jeep jeep”, si muoveva velocemente in ogni luogo arrampicandosi agevolmente su pareti verticali. Come se non bastasse poteva rendersi invisibile: tutte caratteristiche perfette per un mezzo militare. Qualunque sia l’origine del nome quel che è certo è che Willys-Overland produsse per l’esercito americano più di 368.000 veicoli, ai quali se ne aggiunsero altri 277.000 prodotti su licenza da Ford. Un numero eccezionalmente alto di Jeep (fu il veicolo costruito nel maggior numero di esemplari nel corso della Seconda guerra mondiale) che spiega il motivo per cui ancora oggi è possibile scovarne sul mercato dell’usato. Basti pensare che su AutoScout24, il sito leader in Italia e in Europa per la compravendita di veicoli online, se ne trovano una settantina. I prezzi sono compresi fra i 25mila euro per un modello completamente restaurato e le poche migliaia per un esemplare che richiede le cure affettuose di un appassionato ed esperto patito di veicoli militari e, ovviamente, di storia. sam/int5

 

Pubblicato in: CRONACA

Aggredì Berlusconi, Tartaglia è libero: “Non è più pericoloso”


tartaglia

Nel 2009 lanciò una statuetta del Duomo contro l’allora premier Berlusconi e da sei anni era in libertà vigilata.

Dopo sei anni, infatti, il giudice del tribunale di Sorveglianza di Milano, Giovanna Di Rosa, ha revocato la libertà vigilata in quanto si ritiene sia venuta meno la sua pericolosità sociale. Tartaglia, da sempre seguito dall’avvocato Daniela Insalaco, dopo un percorso che ha comportato prima le cure in una comunità terapeutica, poi il ritorno a casa con la frequenza del Centro psicosociale della zona in cui vive per proseguire l’iter riabilitativo, ora lavora part time per una cooperativa: è addetto alla manutenzione del verde. L’uomo, accusato di lesioni pluriaggravate nei confronti dell’ex premier, era stato assolto dal gup Luisa Savoia nel giugno del 2010 perché totalmente incapace di intendere e volere. Il giudice allora aveva applicato la misura di sicurezza della libertà vigilata affidandolo allo psichiatra responsabile della comunità riabilitativa in cui si trovava agli arresti domiciliari con il solo divieto di partecipare a manifestazioni. Nel novembre del 2011 ritornò a casa ma sempre in regime di libertà vigilata e con l’obbligo di frequentare il Cps. Da tempo Tartaglia sta bene e da oggi è totalmente libero.

 

http://www.ilgiornale.it/news/politica/aggred-berlusconi-tartaglia-libero-non-pi-pericoloso-1251805.html