Pubblicato in: CRONACA

I Giochi dei palazzinari


olimpiadiSulle olimpiadi si sparano numeri e benefici a casaccio. Posti di lavoro (che variano dai 48 mila ai quasi 200 mila, piccole differenze), aree cittadine da valorizzare e non meglio precisati benefici per la cittadinanza nel periodo post olimpico.

Quello che pare più certo, invece, sono i costi delle ultime olimpiadi (Atene, Pechino e Londra) che sono lievitati con perdite mostruose; le strutture, in molti casi, sono rimaste cattedrali nel deserto senza nessuna utilità per i cittadini. Per non parlare del periodo post olimpico: di Atene possiamo dire che, il periodo post olimpico sia coinciso con il disastro economico che, non è certamente da addebitare direttamente alle olimpiadi ma, pare evidente che la Grecia non potesse permettersi quell’evento. Qualcuno quelle perdite deve pur pagarle e sono sempre i cittadini.

In questo scenario, nemmeno le città più ricche del mondo potrebbero permettersi le olimpiadi: figuriamoci Roma. Una città con un debito di 14,5 miliardi di euro che i cittadini romani (ed italiani) si porteranno dietro per moltissimi anni (per essere ottimisti). Non solo, stiamo parlando di una città dove la corruzione è dilagante come riportano le inchieste di mafia capitale.

I romani sanno bene questo e, di certo, non vogliono le olimpiadi. Chi vuole le olimpiadi ? Quelli che, direttamente o indirettamente, parteciperanno alla più importante competizione pre olimpica: i “Giochi dei palazzinari” !

Giovanni Chianta

Pubblicato in: CRONACA

Le aree al mondo dove la pace negli ultimi dieci anni è ormai scomparsa.


Schermata-2016/06/09-alle-18.52.14

“. L’impatto della guerra e dei conflitti sull’economia globale nel 2015 corrisponde a 13 miliardi e 600 milioni di dollari, il 13,3% dell’attività economica del mondo, 1,876 dollari a persona. Se solo una parte di questa ricchezza venisse convogliata in azioni di pace, che cosa potrebbe accadere? Dove c’è la pace si crea sviluppo e cultura; lo dimostrano i 70 anni che ci hanno separato dalla seconda guerra mondiale. Un progresso mai visto nella storia dell’umanità.”

 

Le guerre costano si spendono 13 miliardi di dollari. Ecco la mappa dei conflitti

Pubblicato in: CRONACA

Olimpiadi 2024 a Roma, le ragioni del “no” e quelle del “sì”


olimpiadi

“Le Olimpiadi potrebbe costituire una occasione di rilancio per l’immagine e l’economia di Roma oppure, viceversa, rappresentano una sciagura per una città che oggi ha un lunga lista di problemi ben più importanti da risolvere?

http://www.askanews.it/top-10/olimpiadi-2024-a-roma-le-ragioni-del-no-e-quelle-del-si_711830160.htm