Pubblicato in: CRONACA

Tuareg: la tribu’ islamica dove le donne praticano la libertà sessuale e non portano il velo (FOTO e VIDEO)


tuareg7.jpg

 

“Sono musulmane ma non portano il velo, possono avere più partner sessuali e divorziano tranquillamente. Sono le donne nomadi della tribù dei Tuareg, che per secoli hanno attraversato il deserto del Sahara, spesso private dalla sabbia persino della vista e guidate solo dal loro elevato senso dell’olfatto e del gusto per scegliere un percorso sicuro attraverso le dune mutevoli.

Con la loro aria misteriosa, i Tuareg evocano immagini di un’epoca ormai dimenticata e romantica. Ma dietro il loro antico modo di vivere c’è una cultura progressista. Le donne possono avere più partner sessuali al di fuori del matrimonio, mantengono tutti i loro beni con il divorzio e sono così venerate dai generi che non osano mangiare nella stessa stanza in cui si trova la suocera.”

continua qui

Pubblicato in: CRONACA

La terapia del gelato per il buonumore


gelato3http://alimentazione.doctissimo.it/alimentazione-mente/mangiare-morale/terapia-gelato.html

 

“Sembrerebbe, in base alle osservazioni degli specialisti, che il gelato sia in grado di provocare sensazioni di benessere a livello cerebrale, che si traduce in un rilassamento fisico palpabile per una persona su tre. Circa il 30% delle persone che mangiano un gelato fanno un salto nel passato e ricordano i momenti spensierati dell’infanzia, grazie all’associazione mentale con spensieratezza che caratterizzava quel periodo della vita. Il gancio mentale che ci fa riconoscere nel gelato una sensazione piacevole è data dal fatto che i bambini, poco avvezzi ai sapori forti e decisi, riconoscono naturalmente nei gusti dolci un cibo buono e rassicurante.

Inoltre, i grassi contenuti negli alimenti donano al cervello la sensazione di benessere e appagamento che si combina con il sapore zuccherino del gelato che, seppur non abbia una percentuale di saccarosio particolarmente elevata, è sufficiente a scatenare le stesse sensazioni.

L’Istituto del gelato italiano ha diffuso dei dati elaborati dall’Eurisko, secondo i quali l’85% della popolazione nazionale ama molto il gelato, il 95% ne consuma abitualmente e, tra questi, il 38% molto spesso e il 19% meno frequentemente.”

 

Pubblicato in: CRONACA

CETA: democrazia sotto attacco.


ImageProxy.mvc.png

CETA, il Trattato di libero scambio tra Unione Europea e Canada (meno conosciuto del TTIP ma altrettanto pericoloso) rischia di essere approvato senza il voto dei Parlamenti Nazionali. Tutto questo grazie all’iniziativa del Governo Italiano e del Ministro Calenda, che sono pronti a rinunciare alla verifica parlamentare di 28 Paesi dell’Unione Europea.

Se il CETA verrà approvato, le multinazionali avranno quello che chiedono da tempo: un mezzo potente per aggirare gli standard europei in materia di sicurezza ambientale e alimentare. Una delle clausole presenti nel Trattato prevede infatti la possibilità per le aziende ci citare in giudizio i Governi che prendono decisioni “lesive” dei loro interessi privati.

Che dietro il CETA si nasconda il TTIP lo dicono i numeri: circa 42.000 multinazionali americane presenti in Europa hanno una succursale in Canada! Il CETA è, a tutti gli effetti, il cavallo di troia per far arrivare il TTIP in Europa, e DOBBIAMO AGIRE SUBITO!

CETA é il preludio del TTIP E VA FERMATO SUBITO.

NON ABBASSIAMO LA GUARDIA! SCRIVI A CALENDA E RENZI!

  INVIA IL TWEET

L’Iter di approvazione del CETA dovrebbe prevedere una ratifica da parte dei Parlamenti nazionali, ma secondo le recenti dichiarazioni del Ministro dello Sviluppo Economico Calenda, l’Italia sarebbe pronta a rinunciare a questa verifica parlamentare nazionale. Tutto questo è antidemocratico!

Il 15 Giugno il Ministro Calenda parteciperà ad una audizione parlamentare su questo tema, e noi vogliamo far sentire la nostra voce. Facciamo arrivare al ministro tutti i nostri messaggi via Twitter e non potrà ignorare la protesta di migliaia di persone!

COPIA e INCOLLA QUESTI POST
.@Carlocalenda @matteorenzi La democrazia non si svende! Vogliamo il #CETA al vaglio dei Parlamenti Nazionali! #StopCETA #StopTTIP

.@Lauraboldrini @PietroGrasso vogliamo verifica parlamentare per il #CETA! A rischio democrazia e standard di sicurezza #StopCETA #StopTTIP