Pubblicato in: CRONACA

Quella classe media che in Italia non esiste più.


classehttp://www.investireoggi.it/attualita/quella-classe-media-italia-non-esiste-piu-lo-dice-lultimo-rapporto-demos/

” Fare progetti oggi risulta impossibile, la precarietà e la flessibilità non consentono infatti di programmare piani a lungo termine, né tantomeno di gettarsi a capofitto su progetti impegnativi. Il futuro è una fitta nebulosa piena di rischi e pericoli e si registra molta incertezza: dal 54% – dato già alto – registrato nel 2008 – anno di inizio della crisi – si è passati infatti all’attuale 66%.”

Pubblicato in: CRONACA

Pesce sostenibile.


pescehttp://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/pesce_sostenibile

“In che modo riconoscere il pesce sostenibile? Come per gli altri cibi da mettere in tavola, vale la regola del locale e di stagione.

Conosci i 3 “perchè” del dover scegliere pesce sostenibile?

1 – Perche’ fa bene alla natura e a tutti noi.

2 – Perchè combatte la pesca eccessiva e rispetta le aree marine protette.

3 – Perche’ aiuta milioni di famiglie che dipendono dalla pesca, garantendo loro cibo e sostentamento economico.”

Pubblicato in: politica

Alla faccia del voto locale.


 

1452352147969.JPG--il_piano_di_renzi_per_tornare_alle_urneperche_e_quando_vuole_caderee_studia_il_rimpasto__i_nuovi_nomiOggi, ci sono quelli che minimizzano sulla netta vittoria di M5S parlando di “voto locale” sapendo, ovviamente, di mentire. Nessun voto è mai solamente locale oppure europeo ma tutti sono equiparabili ad un test sullo stato di salute di chi governa e chi fa opposizione. L’esempio più eclatante è rappresentato dalle ultime elezioni europee, quelle dello storico sforamento del 40 % da parte del PD. Quello fu un successo per il PD ed una sconfitta per M5S tanto che Renzi fu “legittimato”, proprio da quel risultato, a fare il padre padrone del PD e dell’Italia. Se avessimo seguito la logica renziana avremmo parlato solo di “voto europeo” senza nessuna conseguenza (in quel caso positiva) sull’esecutivo.

Questo ci dimostra come Matteo Renzi non sappia certamente perdere e, a ben vedere, nemmeno vincere. La sua ultima vittoria personale risale alle primarie contro Bersani e quella di partito fu falsata dall’effetto 80 euro: quando non ci sono avversari “materasso” oppure soldi di mezzo Renzi non vince…

Questo test ci mostra un Renzi  in grossa difficoltà tanto da aver politicizzato  un referendum costituzionale rendendolo un si Renzi- no Renzi. Un grosso errore. Gli ultimi sondaggi danno il si ed il no molto vicini e non è questa una buona notizia per il PD renziano. Perché è il solo Renzi, da circa un mese e mezzo, a girare l’Italia per convincere gli italiani  occupando pure l’informazione: nei grandi media le ragioni del no, strategicamente, non sono pervenute. Quando cominceranno a fare campagna elettorale anche i partiti che sostengono il no, per Renzi, sarà un disastro.

La strada delle elezioni anticipate sembra sempre più vicina e, con un M5S in gran forma, la partita è più che aperta, a meno che, non vengano elargiti 80 euro qualche settimana prima del referendum: l’effetto 80 euro cambierebbe tutto.

D’altra parte, parafrasando una nota pubblicità, potremmo ricordare come a Matteuccio piaccia vincere facile.

Giovanni Chianta