Pubblicato in: CRONACA

Il 23 agosto del 1927 venivano giustiziati Sacco e Vanzetti


saccohttp://www.askanews.it/top-10/il-23-agosto-del-1927-venivano-giustiziati-sacco-e-vanzetti_711883302.htm

I due anarchici condannati a morte per un crimine non commesso. Solo nel 1977, a 50 anni dall’assassinio di Sacco e Vanzetti, il governatore del Massachusetts, Michael Dukakis, ha affermato che i due sono stati sottoposti a un processo ingiusto e ha anche stabilito il Nicola Sacco and Bartolomeo Vanzetti Memorial Day che si celebra ogni anno il 23 agosto. Il governatore tuttavia non ha chiesto scusa e neppure ammesso l’innocenza dei due, perché questo avrebbe significato ammettere la colpa.”

Pubblicato in: CRONACA

Scuola, perché la “deportazione” degli insegnanti al Nord è inevitabile


profhttp://formiche.net/2016/08/14/scuola-perche-la-deportazione-degli-insegnanti-al-nord-e-inevitabile/

Negli ultimi 20 anni al Sud si è verificato un fenomeno demografico che ha ridotto l’offerta diminuendo la popolazione scolastica di mezzo milione di alunni, con un decremento complessivo del 22%. Nello stesso arco di tempo esaminato da Tuttoscuola, il numero degli alunni del Centro-Nord è aumentato di anno in anno, anche grazie alla presenza di alunni stranieri, registrando quest’anno un aumento di 320.809 alunni rispetto al 1997-98, pari a un incremento di circa il 14%, con conseguente graduale aumento del numero delle classi e degli organici.
Al Sud per di più – hanno osservato da Tuttoscuola – “per motivi sociali il pubblico impiego in generale e la scuola in particolare rappresentano, soprattutto per le donne, opzioni inevitabilmente prioritarie, complice soprattutto l’alto livello di disoccupazione.
Tanto che tra gli ultimi insegnanti entrati nei ruoli statali quasi otto docenti su dieci sono meridionali e i restanti due sono nati al Centro-Nord.”

Pubblicato in: CRONACA

Ultime questioni irrisolte durante le ferie ferie…


23 agosto - Ultime questioni irrisolte durante le ferie ferie...…l’importante è nascondere l’immobilità su problemi seri e che riguardano direttamente l’Italia che intanto ogni giorno conta nuovi poveri, nuovi disoccupati,nuovi suicidi, centinaia di ditte che chiudono, un costante aumento della pressione fiscale e tagli strumentali su beni di prima necessità.