Pubblicato in: CRONACA

Dario Fo e Franca Rame, un fascicolo di polizia lungo 50 anni


fo.jpghttp://www.repubblica.it/cultura/2016/10/18/news/dario_fo_franca_rame_polizia-150012221/?ref=HREC1-6
Per più di cinquant’anni le questure e le prefetture di mezza Italia hanno aggiornato i loro fascicoli e quelli del Ministero dell’Interno sul Maestro. Schedato, controllato, “attenzionato” come voleva il gergo poliziesco dell’epoca.
quelle carte inedite, conservate negli archivi. E, a consultarle, si legge una storia in controluce di Fo, vista attraverso le lenti di uno Stato occhiuto. Già dal 19 febbraio 1960, quando un appunto della questura di Firenze annota che “ha partecipato a una manifestazione indetta da un Circolo culturale controllato dal partito comunista”. Nelle schede che la polizia gli dedica, Fo “ha terrore della “macchinizzazione” e di qualsiasi oggetto meccanico e la sua formazione politica subì, per colpa della moglie accesa comunista, una spinta verso la corrente carrista del partito”. Tiene mostre di quadri con “scarso successo a causa, soprattutto, del valore artistico dei quadri esposti”. Compra una pistola – è già il 1975 – “Flobert marca Franchi calibro 4,5 mediante esibizione del passaporto”. Fa teatro e militanza, e i fascicoli si gonfiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...