Terremoto, ‘Strage di animali e stalle distrutte’. Gli allevatori umbri allo stremo


http://www.lanazione.it/umbria/cronaca/terremoto-centro-italia-1.2645093 È uno dei nervi scoperti di questo terremoto che prende le forme della polemica per ritardi e sottovalutazione. I ritardi, in questo caso, riguardano, il mancato arrivo delle stalle provvisorie per sistemare bovini, suini ed equini, uno dei settori trainanti, insieme al turismo, dell’economia della Valnerina che impiega qualcosa come 1500 persone. Ma ilContinua a leggere “Terremoto, ‘Strage di animali e stalle distrutte’. Gli allevatori umbri allo stremo”

Monaco di Baviera, il muro anti migranti


http://www.corriere.it/video-articoli/2016/11/07/monaco-baviera-muro-anti-migranti/5750c656-a508-11e6-b713-5be9dedb2e34.shtml Con i suoi 4 metri in grigio cemento, è più altro di quello di Berlino che non arrivava a 3 metri e 75 centimetri. Parliamo di un muro «anti migranti» in costruzione in un sobborgo di Monaco di Baviera, quello di Neuperlach. Qui, nelle vicinanze di una stazione metro, è prevista la costruzione diContinua a leggere “Monaco di Baviera, il muro anti migranti”

Terremoto, sparito da chiesa di Norcia un dipinto del ’600


http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/575934/perdono-di-assisi-sparito-norcia-terremoto Tra le tante storie del terremoto nel centro Italia ci sono quelle relative alle opere d’arte andate distrutte o disperse in seguito alle scosse. Nel caso della sparizione di un quadro del ‘600, “Perdono di Assisi” del pittore francese Jean Lhomme, l’ipotesi principale al vaglio però è quella del furto. Il quadro si trovavaContinua a leggere “Terremoto, sparito da chiesa di Norcia un dipinto del ’600”

Elezioni presidenziali all’americana


Per l’elezioni del nuovo Presidente, le operazioni di voto si stanno svolgendo con code, disservizi del sistema elettronico, episodi di intimidazione.E’ un vero peccato che  i cittadini debbano scegliere “il meno peggiore”. Possibile che il Paese non fosse in grado di esprimere due candidati veramente all’ altezza di un compito quasi sovrumano