Pubblicato in: CRONACA

L’uomo schiacciato dai suoi stessi limiti


terremoto-amatrice-evi1.scale-to-max-width.825x.jpg

I tragici, ripetuti terremoti nell’Italia centrale sono stati un motivo in più per ricordare che nonostante tutte le nostre scoperte scientifiche e invenzioni tecnologiche – a volte davvero sorprendenti e impressionanti – esistono limiti alla nostra capacità collettiva di garantire il nostro futuro, comune o individuale, contro i danni provocati da tre indomabili potenze. E precisamente: la cecità o i capricci della natura dentro o fuori di noi, l’indifferenza o l’asprezza di altri esseri umani a noi vicini o distanti, e le conseguenze disastrose inattese dei nostri calcoli sbagliati e dei nostri errori ed egoismi. In sintesi, esistono limiti alle nostre capacità che il “progetto moderno”, e la mentalità che ha diffuso e alimentato, prometteva di spostare all’infinito.

Abbiamo bisogno di combinare la riconciliazione fra l’inevitabilità della nostra fragile posizione nell’universo con la ferma determinazione a continuare la lotta per fare tutto ciò che questa posizione ci consente, allo scopo di ammorbidire i suoi verdetti e renderla più facile da gestire. Questo sarebbe sufficiente a tenerci occupati per tutta la vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...