Pubblicato in: CRONACA

William Trevor, tra i grandi scrittori irlandesi, è morto


WilliamTrevor1_1956626b.jpg

«Se togli la tristezza dalla tua vita, elimini qualcosa di grandioso, perché essere triste ha a che vedere con il sentirsi in colpa. Entrambe queste parole hanno una cattiva reputazione, ma credo che la sensazione di sentirsi in colpa non è poi così terribile come sembra. Le persone dovrebbero sentirsi in colpa di tanto in tanto. Ho scritto sulla colpa e credo che quando la gente la ammette, di fatto si rinnova». William Trevor

William Trevor in Italia è pubblicato da Guanda.

William Trevor, tra i grandi scrittori irlandesi, è morto

Pubblicato in: CRONACA

Ricordando Mario Soldati


MarioSoldati.jpg
«Una delle grandi qualità di Soldati, come è noto, è la capacità di farci apparire degna di racconto, e quindi interrogabile dall’intelligenza qualunque realtà, grande o piccola indifferentemente: la tragica immensità di Manhattan nell’età del proibizionismo non meno della vita di un pollaio al di là dello squallido cortiletto di un hotel della Valtellina».Cesare Garboli

Ricordando Mario Soldati

Pubblicato in: CRONACA

Children


l’emozionante mostra fotografica di Giancarlo Gamba, realizzata in solidarietà al progetto Children – The circle of love, che illustra spaccati di vita quotidiana di bambini incontrati in diversi paesi del mondo tra il 1960 e il 2015.

Children – The circle of love in mostra al Mudec di Milano

Pubblicato in: CRONACA

La sottile linea rossa Viaggio in Italia cercando la sinistra


193955505-c0dd4265-b187-4be6-b0f2-d15861bfbb40.jpg

Gli esclusi.
La democrazia, se potesse parlare, direbbe loro di rivolgersi alla politica, che è stata inventata proprio per tradurre in forme concrete e pratiche i principi della cornice democratica repubblicana. Ma per gli esclusi la politica è lenta, senza vocabolario e lontana, soprattutto si mostra indifferente, quasi insensibile alle domande che arrivano da un ceto medio proletarizzato nelle speranze se non nel reddito, nelle aspettative rovesciate in delusioni. È quel ceto che nel pendolo sociale si è alleato negli anni Settanta alla sinistra per scrollarsi di dosso almeno un po’ il morbido giogo democristiano profumato d’incenso, e che nei primi Novanta ha creduto a Berlusconi che lo invitava a mettersi in proprio, diventare soggetto politico autonomo, prendersi la politica.
Erano due modi, opposti, di accettare la regola della politica e la sfida delle istituzioni, addirittura di crederci. Oggi, al contrario, siamo davanti al ribellismo del ceto medio che si sente depredato del presente, altro che futuro, mentre si accorge di camminare all’ingiù nella scala sociale e avverte che le classi sociali sono diventate gabbie in cui si entra per nascita e solo molto faticosamente si esce per istruzione e per merito. Gli spostati — che Donald Trump ha appena battezzato forgotten men togliendoli dall’oscurità, segnalandoli al mondo e facendone la sua base politica — si sentono messi di lato rispetto al mainstream, a cui non credono più perché non li riguarda e perciò diventa parziale e menzognero, li inganna. Lo spostamento è decisivo, perché è proprio quel nuovo spazio grigio la terra di nessuno in cui si percepisce la perdita di senso sociale e cresce la delusione, la nuova solitudine repubblicana, la silenziosa secessione democratica.

http://www.repubblica.it/politica/2016/11/20/news/la_sottile_linea_rossa-152423389/?ref=HREC1-5

Pubblicato in: CRONACA

Il referendum si avvicina e la gente si allontana…


22-novembre-il-referendum-si-avvicina-e-la-gente-si-allontana