Pubblicato in: CRONACA

I fatti che rimettono l’Universo in prospettiva


chrisbeckett.900x600.jpg

VERSO PLUTONE E RITORNO. Se si potessero dipanare e poi unire tutte le doppie eliche di DNA contenute nelle cellule del corpo umano, si formerebbe un filamento lungo 16 miliardi di km: abbastanza per portarci fino a Plutone, e poi tornare indietro.
L’UMANITÀ IN UNA ZOLLETTA DI ZUCCHERO. Il 99,9999999% degli atomi della materia ordinaria è costituito da spazio vuoto. La struttura dell’atomo ricorda un Sistema Solare in miniatura, con il nucleo che occupa pochissimo spazio, rispetto agli elettroni che vi orbitano attorno. Se potessimo escludere tutto questo spazio vuoto e comprimere ciò che rimane, i 7 miliardi di abitanti della Terra starebbero comodamente condensati in un cubo delle dimensioni di una zolletta di zucchero
SIAMO DAVVERO “POLVERE DI STELLE”. Le esplosioni stellari lasciano dietro di sé gli elementi costitutivi dei futuri sistemi planetari. Quindi gli atomi di cui siamo composti, da quelli di calcio nelle ossa al ferro del nostro sangue, ma anche ossigeno e carbonio, sono stati sintetizzati in stelle miliardi di anni fa, e poi diffusi in antichissime supernovae
ANTICHI QUANTO L’UNIVERSO. L’idrogeno insito in ogni molecola d’acqua del nostro corpo ha invece una provenienza ancora più antica: viene direttamente dal Big Bang. Il 50-75% del nostro corpo proviene quindi dal sussulto originario dell’Universo.
C’È IL BIG BANG IN TV. Restando in tema di Universo primordiale, prima dell’avvento delle moderne TV, per averne un assaggio bastava osservare le interferenze di sintonizzazione tra una frequenza e l’altra. In esse, secondo la Nasa, è rintracciabile ancora una buona percentuale della radiazione cosmica di fondo a microonde, un'”impronta” della luce primordiale dell’Universo.
GUARDARE LE STELLE È COME FARE UN VIAGGIO NEL TEMPO. Non è una novità, ma non smette di meravigliarci: la luce di alcune stelle impiega così tanto tempo a raggiungere il nostro sguardo, che osservare una stellata notturna equivale a fare un tuffo nel passato. Hubble riesce a “guardare” indietro nel tempo fino a 13 miliardi di anni fa.
SULLA LUNA ABBIAMO LASCIATO IMPRONTE INDELEBILI (O QUASI). Le orme del «grande balzo per l’umanità» di Neil Armstrong e Buzz Aldrin rimarranno visibili nel suolo lunare molto a lungo, forse fino a quando esisterà la Luna. Questo perché sul nostro satellite non ci sono venti, piogge o altri fenomeni atmosferici che possano cancellare le impronte degli astronauti.
LO SPAZIO PROFONDO È INCREDIBILMENTE SILENZIOSO. Di un silenzio che non riusciamo neppure a immaginare: le onde sonore hanno bisogno di un mezzo per propagarsi, e nello spazio interstellare che separa stelle, pianeti, lune e comete, c’è effettivamente il vuoto: al suono manca un mezzo in cui propagarsi.
SE UN’ASTRONAVE VIAGGIASSE ALLA VELOCITÀ DELLA LUCE, I FARI FUNZIONEREBBERO? Funzionerebbero normalmente. Infatti, come mostrato dalla teoria della Relatività ristretta di Albert Einstein, la velocità della luce appare la stessa per ogni osservatore inerziale, il cui moto cioè non sia accelerato. In pratica, ciò significa che viaggiando a una qualunque velocità costante, per quanto prossima a quella della luce, vedremmo i fasci dei fari allontanarsi dalla nostra astronave alla loro consueta velocità.
NELLO SPAZIO SAREMMO SALDATORI PROVETTI. Due pezzi dello stesso metallo che si tocchino nel vuoto dello Spazio, si fonderanno in modo perenne, perché gli elettroni percepiranno un’unica sequenza di atomi tra i quali “zigzagare”. Lo stesso procedimento si può replicare anche sulla Terra, in determinate condizioni di laboratorio.
SU VENERE UN ANNO DURA MENO DI UN GIORNO. Su Venere la rotazione (oltretutto, retrograda) dura 243 giorni terrestri. La rivoluzione intorno al Sole, invece, dura 225 giorni terrestri. Pertanto su questo pianeta, un giorno dura più di un anno.
IL GIGANTE E LA BIGLIA. Il Sole costituisce da solo il 99% di tutta la massa del Sistema Solare: la sua massa è pari a 333 mila volte quella terrestre. Ci vorrebbero invece 1,3 milioni di pianeti come il nostro per riempire il volume della nostra stella.
CI SONO PIÙ STELLE IN CIELO… Che granelli di sabbia sulla Terra, e non è un modo di dire. Secondo una stima dei ricercatori dell’Università delle Hawaii, potrebbero 7,5 miliardi di miliardi (cioè 10 alla diciottesima potenza) di granelli di sabbia sul nostro pianeta. Nell’Universo potrebbero esserci invece 300 sestilioni (ossia 300.000.000.000.000.000.000.000 di stelle, o 3 seguito da 23 zeri), una cifra che fa impallidire i granelli di sabbia.
L’EVEREST E LE STELLE DI NEUTRONI. Le stelle di neutroni, cioè il risultato dell’evoluzione di stelle di massa pari a qualche volta quella del Sole, sono così dense che una tazzina di esse peserebbe più di un miliardo di tonnellate, quanto l’Everest!. L’esplosione che porta il nucleo di ferro di questi residui stellari a collassare su se stesso in modo estremamente violento, spinge questi oggetti a ruotare intorno al proprio asse compiendo centinaia, e a volte migliaia di giri al secondo.
NON CONOSCIAMO CHE UN VENTESIMO DELL’UNIVERSO. La materia ordinaria e osservabile costituisce appena il 5% dell’Universo. Il rimanente 95% è composto da energia oscura (68%) e materia oscura (27%), sulle quali sappiamo ancora molto poco.

http://www.focus.it/scienza/spazio/fatti-che-rimettono-luniverso-in-prospettiva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...