Pubblicato in: CRONACA

Caracas. Colpo di mano in Venezuela: pieni poteri a Maduro. L’opposizione: «Golpe»


Vene1.jpg

Il termine tecnico è “desacato”, letteralmente “oltraggio”. L’Asamblea nacional – il Parlamento venezuelano – sarebbe colpevole di tale delitto. E per tanto, il Tribunal Supremo nacional l’ha privata delle proprie competenze, con un repentino colpo di mano. Il potere legislativo è, poi, stato assunto dalla stessa corte. Cioè, in pratica, dal governo del presidente Nicolás Maduro. «Un colpo di stato», hanno tuonato le forze d’opposizione che, dalle politiche del 6 dicembre 2015, hanno la maggioranza parlamentare e e l’Organizzazione degli Stati americani (Osa). Di certo, è l’apice della “guerra civile” fra i vertici dello Stato: l’Assemblea e l’esecutivo. Uno strappo inedito nella storia venezuelana: mai il massimo organo giudiziario aveva assunto competenze legislative. Il carismatico predecessore di Maduro, Hugo Chávez, non arrivò mai ad esautorare il Parlamento.

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/maduro-dittatore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...