Pubblicato in: CRONACA

Avanza la resistenza all’ultimo degli antibiotici


antibiotic

La colistina è nota dagli anni ’50, ma fino all’ultimo decennio è stata usata di rado sull’uomo, per i suoi effetti collaterali a danno dei reni. Tuttavia si è fatto un uso estensivo di questi antibiotici sugli animali destinati alla produzione di cibo. Tale super utilizzo ha provocato la diffusione di forme di resistenza alla sostanza tra i batteri.

Negli ultimi anni la colistina è risultata essenziale contro i CRE (batteri resistenti ai carbapenemi, un’altra classe di antibiotici usati in ambito ospedaliero), che uccidono il 50% di chi viene contagiato, e si trasmettono soprattutto negli ospedali.

Il fatto che siamo così preoccupati di poter perdere un antibiotico dagli effetti in parte tossici la dice lunga sulle nostre (poche) armi contro i superbatteri.

Tutto quello che resta da fare è limitare l’utilizzo di colistina negli allevamenti animali: molti paesi – Brasile e Cina, per esempio – ne hanno di recente bandito l’uso in agricoltura. Un provvedimento che suona quanto mai tardivo.

 

http://www.focus.it/scienza/salute/avanza-la-resistenza-allultimo-degli-antibiotici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...