Pubblicato in: CRONACA

Fino a dove vuole arrivare Erdogan con l’Europa.


Recep_Tayyip_Erdogan_2017

Per molti versi, la Turchia potrebbe essere davvero il paese più generoso del mondo. Secondo i numeri forniti dal governo, Ankara ha ospitato a partire dal 2011 3,5 milioni di rifugiati, in gran parte siriani. Di questi 3,5 milioni, solo l’8,9 per cento vive in campi come quello di Kahramanmaras. Il resto vive come può nelle città turche, 500 mila a Istanbul e gli altri sparsi per il resto del paese, a volte lavorando, spesso facendo affidamento sul welfare dello stato turco. Quello di Kahramanmaras è un campo modello, come quello di Osmaniye e gli altri che il governo turco è orgoglioso di usare come vetrina dei suoi sforzi.

I campi per rifugiati in Turchia sono esattamente 1498408138280.jpgla materializzazione dello sforzo della Turchia, e la giustificazione delle richieste che Ankara fa al mondo – e in particolare all’Europa. I campi sono il luogo in cui ospitare i rifugiati che non hanno altro posto dove andare, ma anche il luogo in cui far passeggiare Angela Merkel e perseguire nei confronti dell’Unione europea quelle dinamiche transazionali (alcuni le chiamano: ricatto) in base alle quali è stato firmato l’accordo sui migranti dell’anno scorso.

 

Così i campi per rifugiati di Kahramanmaras, di Osmaniye, di Sanliurfa e tutti gli altri, con i loro container e i bambini in strada, si trasformano in un messaggio all’Europa: valutate voi quanti miliardi di euro vale la vostra stabilità politica.

 

 

http://www.ilfoglio.it/esteri/2017/06/25/news/fino-a-dove-vuole-arrivare-erdogan-con-l-europa-reportage-dal-confine-siriano-141420/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...