Pubblicato in: CRONACA

Un ritardo inatteso per il buco nell’ozono


ozono

La diffusione in atmosfera di una sostanza ampiamente usata nell’industria potrebbe rallentare di trent’anni il lento recupero del buco nell’ozono osservato di recente grazie al bando dei cosiddetti CFC.

Il diclorometano, noto anche come cloruro di metilene (gas incolore dalla struttura simile al metano, ma con due atomi di cloro al posto di due di idrogeno ), è una sostanza ampiamente usata nell’industria a vari scopi, da solvente per la rimozione di vernici alla produzione di estratto di luppolo fino alla preparazione dei poliuretani espansi (polimeri con un vasto ambito di applicazione). Meno aggressivo dei CFC nei confronti dell’ozono, il diclorometano non era stato inserito nella lista delle sostanze sottoposte al Protocollo di Montreal.

Le nuove proiezioni mostrano che se l’incremento del diclorometano in atmosfera proseguisse con i ritmi medi osservati dal 2004 al 2014, il recupero dell’ozono sull’Antartide sarebbe ritardato di 30 anni rispetto alle stime precedenti. Se le concentrazioni restassero ai livelli attuali, il ritardo sarebbe invece contenuto in soli cinque anni.

http://www.lescienze.it/news/2017/06/28/news/buco_ozono_rallntamento_recupero_diclorometano-3584540/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...