Pubblicato in: CRONACA

Quanta scienza in un gioco


Chi di voi non ha usato questi giocattoli almeno una volta quando era bambino? Ma c’è chi ancora oggi ne trae ispirazione per risolvere problemi veri.cubo

Cubo di Rubik. Nato come passatempo scientifico, poi diventato giocattolo, il cubo-rompicapo ha anche dato lavoro ai matematici per capire le diverse permutazioni che potevano assumere le sue 54 minifacce (4,3 x 1019), in quante mosse si poteva risolvere (nel 2008 è stato matematicamente dimostrato che il minimo è 20) e con quale metodo.cubo1.jpg

Fionda. È un gioco antichissimo eppure attuale. Anche il celebre gioco digitale Angry Birds, infatti, fa uso dei principi balistici che permettono a un proiettile di colpire un bersaglio. Un piacere così stuzzicante, che alcuni appassionati hanno messo in Rete le istruzioni necessarie per costruire una fionda vera, dotata di accelerometro e di sensore elastico, da collegare al computer.cubo3.jpg

Meccano. Le strutture modulari proposte ai bambini sono state elaborate da ingegneri e architetti. Negli anni Trenta pezzi del Meccano sono stati utilizzati per costruire calcolatori analogici usati per risolvere equazioni differenziali. Col Meccano nel 2009 è stato eretto un ponte sul Liverpool Pier ­Head (una struttura lunga 23 metri).cubo4.jpg

L’allegro chirurgo. Il principio di questo vecchio gioco (vale a dire “operare” un finto paziente per mettere alla prova quanto la mano rimane ferma) è utilizzato oggi negli strumenti con i quali veri chirurghi imparano a eseguire le operazioni più complesse.cubo5.jpg

Hot Wheels. Questi circuiti per macchinine sono costruiti secondo principi fisici rigorosi, che permettono alle vetture di “fare il giro della morte”. Un principio che funziona anche in scala reale: in occasione degli X Games 2012 di Los Angeles è stato costruito un vero tracciato alto 20 metri. Ha funzionato!cubo6.jpg

Lego Mindstorms Nxt. Il più complesso dei kit della Lego contiene veri componenti per costruire un piccolo robot che occorre progettare al computer per poi poter realizzare (mattoncini programmabili, motori elettrici, sensori, ingranaggi, un giroscopio ecc…). Per lo sviluppo di questo gioco sono stati coinvolti alcuni ricercatori del Mit per lo studio di nuovi linguaggi di programmazione. Viene spesso utilizzato anche in ambito universitario per lezioni “pratiche” di robotica.cubo7

 

Bastoncini Shanghai. Quando vengono lasciati andare, i bastoncini si organizzano in quella che l’inventore-architetto Usa Richard Buckminster Fuller ha chiamato “struttura reciproca” (una struttura in cui ognuno degli elementi contribuisce a tenere in equilibrio gli altri). È per questo che spesso gli Shan­ghai sembrano organizzarsi spontaneamente in composizioni stabili.cubo8

Molla Slinky. La molla che fa le scale e sembra “camminare da sola” è nata per errore: l’ha realizzata un ingegnere navale che stava cercando di costruire degli stabilizzatori per gli strumenti di navigazione. È lo stesso tipo di molla ancora oggi usata per spiegare le proprietà delle onde (e in particolare la riflessione anelastica) agli studenti liceali.

 

 

 

http://www.focus.it/tecnologia/innovazione/quanta-scienza-in-un-gioco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...