Pubblicato in: CRONACA

 Pavel Fomenko e le tigri siberiane.


tigre-dellamur-con-cucciolo.jpg

La tigre siberiana è la regina delle tigri, forse la più bella. Sicuramente la più maestosa e possente: la sua folta pelliccia le permette di vivere a latitudini estreme, le sue grosse zampe le consentono di muoversi agevolmente anche sulla neve, gli esemplari maschi possono arrivare a pesare fino a 300 chili. Ma è anche la più a rischio. Per colpa dell’uomo, che direttamente e indirettamente sembra averle dichiarato guerra. Direttamente con il bracconaggio, per lucrare sulla vendita delle pelli e di altre parti del suo corpo, particolarmente richieste dalla medicina tradizionale orientale che attribuisce poteri curativi miracolosi, oltre che afrodisiaci, a tessuti, denti e organi di questo animale. Ma anche indirettamente, compromettendo gli ambienti in cui la tigre un tempo regnava incontrastata. L’uomo ha distrutto le sue foreste, ha cacciato e caccia le prede di cui si nutre. Si vendica, quando per i motivi di cui sopra la tigre si spinge troppo vicino alle aree abitate e attacca, per fame, gli animali da allevamento. E, non ultimo, la uccide casualmente in incidenti stradali. Sono 7 le sottospecie di tigre al mondo, di questa ne sopravvivono in natura meno di 500 esemplari: la maggior parte, circa 430, in Russia orientale; il resto in Cina.

paval.jpg

Pavel Fomenko è un ranger con una formazione da scienziato ed esperto di diritto della fauna selvatica, e alle tigri sta dedicando la sua vita. Abitando i loro stessi ambienti. Preoccupandosi di tenere a bada i bracconieri. Organizzando i soccorsi quando si imbatte in esemplari feriti.  Pavel vive tra le tigri, anche se non a diretto contatto con loro. La tundra non è un giardino zoologico o un parco avventura e gli animali selvatici devono restare tali perché possano mantenere la capacità di sopravvivere. Pavel  ha fermato diversi bracconieri, sequestrato armi e svolto un ruolo attivo nelle indagini penali. Aiuta gli specialisti a determinare le cause della morte dei felini. I risultati del suo lavoro sono prove nei processi e possono decidere i destini  dei bracconieri.

 

https://www.corriere.it/animali/18_dicembre_09/pavel-fomenko-l-uomo-che-salva-tigri-siberiane-bracconieri-c9302174-fb94-11e8-b5c8-9e33310709fc.shtml

Pubblicato in: CRONACA

Il fratello maggiore


tomas.jpg

 

 È meglio non dimenticare che al rispetto delle regole è chiamato non solo il cittadino anche – e prima di tutti – chi le emana.

In nessun Paese, fra quelli considerati civili, è forte quanto in Italia la sensazione che la pubblica amministrazione si comporti in maniera scorretta nei confronti dei cittadini. In altri Paesi questa sensazione è addirittura assente, e la pubblica autorità è sentita come francamente amica. Che cosa fa nascere questa sensazione? Fatti precisi. Certo, all’interno di ampi spazi di amministrazione saggia e corretta.  Purtroppo un atteggiamento di non piena correttezza permane in molti casi, ed è ancora da debellare. Non si tratta solo di inefficienze e disservizi dovuti alla negligenza di questo o quel pubblico dipendente, ma in alcuni casi proprio di decisioni prese dall’amministrazione, che rivelano l’intenzione di ingannare i cittadini.  Ad esempio: ci sono pratiche giacenti presso uffici per tempi molto lunghi, che impediscono agli interessati di procedere con legittimi progetti e aspirazioni. Tutti pagano una cosiddetta tassa sui rifiuti, che salvo casi fortunatissimi non dipende dalla produzione di spazzatura ma dai metri quadrati dell’abitazione, e quindi solo per inganno è una tassa sui rifiuti: in realtà è una tassa sulla casa.  I cronici ritardi dei mezzi pubblici (oltre ad altre loro inadempienze, per esempio riguardanti la manutenzione dei mezzi stessi) infliggono gravi danni ai viaggiatori. Le sanzioni per violazioni del codice della strada sono spesso ottenute mediante prassi astute, ad esempio installando autovelox seminascosti o preparando agguati dei poliziotti con il misuratore tenuto a mano subito dietro a curve o altri ostacoli per la vista.  I cantieri pubblici vengono aperti e poi abbandonati, al punto che il danno creato ai cittadini sembra quasi esserne la funzione principale. Nella sanità pubblica, che spesso è esemplare, in alcuni casi però si riempiono fino al limite teorico le agende degli ambulatori e dei reparti ospedalieri, mentre nel contempo si riduce il personale. La pubblica amministrazione deve comportarsi come un fratello maggiore e dare il buon esempio affinchè i cittadini siano motivati e rispettino le regole.

 

http://temi.repubblica.it/micromega-online/le-parole-della-laicita-rispetto-delle-regole/?fbclid=IwAR16ut5pEmAaNtUGErZcksoATHoMtIQf4Vmcjij17035WbeDJgp3gXfbxr4

Pubblicato in: CRONACA

Rubinetti di pubblico denaro.


24 gen - Tanti sistemi per trovare lavoro... pochi intenzionati a entrare nell'unanime «coro»!.jpg

Propongono un sistema di ricollocamento dei disoccupati attraverso una app., ma al momento, in molti centri per l’impiego  non c’è nemmeno la connessione a internet. Mancano i soldi per mettere insieme una struttura adeguata e pagare il personale che la gestisca.