Pubblicato in: CRONACA

Il fratello maggiore


tomas.jpg

 

 È meglio non dimenticare che al rispetto delle regole è chiamato non solo il cittadino anche – e prima di tutti – chi le emana.

In nessun Paese, fra quelli considerati civili, è forte quanto in Italia la sensazione che la pubblica amministrazione si comporti in maniera scorretta nei confronti dei cittadini. In altri Paesi questa sensazione è addirittura assente, e la pubblica autorità è sentita come francamente amica. Che cosa fa nascere questa sensazione? Fatti precisi. Certo, all’interno di ampi spazi di amministrazione saggia e corretta.  Purtroppo un atteggiamento di non piena correttezza permane in molti casi, ed è ancora da debellare. Non si tratta solo di inefficienze e disservizi dovuti alla negligenza di questo o quel pubblico dipendente, ma in alcuni casi proprio di decisioni prese dall’amministrazione, che rivelano l’intenzione di ingannare i cittadini.  Ad esempio: ci sono pratiche giacenti presso uffici per tempi molto lunghi, che impediscono agli interessati di procedere con legittimi progetti e aspirazioni. Tutti pagano una cosiddetta tassa sui rifiuti, che salvo casi fortunatissimi non dipende dalla produzione di spazzatura ma dai metri quadrati dell’abitazione, e quindi solo per inganno è una tassa sui rifiuti: in realtà è una tassa sulla casa.  I cronici ritardi dei mezzi pubblici (oltre ad altre loro inadempienze, per esempio riguardanti la manutenzione dei mezzi stessi) infliggono gravi danni ai viaggiatori. Le sanzioni per violazioni del codice della strada sono spesso ottenute mediante prassi astute, ad esempio installando autovelox seminascosti o preparando agguati dei poliziotti con il misuratore tenuto a mano subito dietro a curve o altri ostacoli per la vista.  I cantieri pubblici vengono aperti e poi abbandonati, al punto che il danno creato ai cittadini sembra quasi esserne la funzione principale. Nella sanità pubblica, che spesso è esemplare, in alcuni casi però si riempiono fino al limite teorico le agende degli ambulatori e dei reparti ospedalieri, mentre nel contempo si riduce il personale. La pubblica amministrazione deve comportarsi come un fratello maggiore e dare il buon esempio affinchè i cittadini siano motivati e rispettino le regole.

 

http://temi.repubblica.it/micromega-online/le-parole-della-laicita-rispetto-delle-regole/?fbclid=IwAR16ut5pEmAaNtUGErZcksoATHoMtIQf4Vmcjij17035WbeDJgp3gXfbxr4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...