Pubblicato in: CRONACA

Il maresciallo che vuole farsi rais


Fu a fianco di Gheddafi durante il golpe che rovesciò re Idris e in Ciad, poi è tornato in Libia per destituirlo; è stato alleato delle milizie islamiche prima di dichiarare loro guerra; a Palermo ha promesso di rispettare il ruolo di Tripoli e ora la sta  invadendo. È il maresciallo Khalifa Haftar, uomo forte della Cirenaica che vuole conquistare anche la Tripolitania con il suo Esercito nazionale libico.

gheddafi

Il 75enne generale di Agedabia – dato per morto un anno fa quando era ricoverato a Parigi – ha alle spalle una vita da grande stratega militare, cresciuto al fianco del rais Gheddafi prima di essere da lui disconosciuto, e poi condannato a morte in contumacia.

gheddabi-ap50786

Per anni è stato in esilio in Virginia, negli Stati Uniti, così vicino a Langley, quartier generale della Cia, da destare più di un sospetto di aver collaborato con gli americani nel tentativo di eliminare il dittatore libico. Accanto al futuro rais, Haftar faceva parte dei giovani ufficiali dell’esercito che nel 1969 esautorarono re Idris di Libia. Gheddafi, conquistato il potere, affidò all’amico Khalifa il comando delle forze armate libiche, prima, e la guida della campagna in Ciad, poi. L’operazione militare nel Paese africano si rivelò un tragico fallimento: nel 1987 Haftar venne catturato con 300 dei suoi uomini. Gheddafi, per risposta, negò la presenza di truppe libiche in Ciad disconoscendo quello che era uno dei consiglieri più prossimi. Finita la prigionia, Haftar dedicò due decenni del suo esilio a cercare di rovesciare il regime di Gheddafi, spinto anche dalla vendetta personale.

 

 

 

https://www.agi.it/estero/khalifa_haftar-5280094/news/2019-04-06/