Pubblicato in: CRONACA

Il glifosato: la tossicità per l’uomo e per gli animali.


glisolfato.jpg

I cittadini sono molto preoccupati della presenza di residui di glifosato nella pasta o in qualche prodotto da forno. Questo tipo di pericolo si deve considerare molto modesto o addirittura inesistente. Bisognerebbe invece diffondere informazioni più precise sui pericoli per i lavoratori che non sono poi così pochi, e soprattutto con l’ambiente.

Se prendiamo in considerazione la tossicità acuta, ovvero la dose che uccide gli animali, essa è molto modesta ed è stata paragonata a quella di sostanze praticamente innocue. Si tratta però di paragoni di scarso significato sanitario perché non si tiene conto degli effetti che si possono avere nel tempo esponendo gli animali e/o l’uomo al glifosato anche a bassi dosaggi. In tali situazioni di esposizione, corrispondenti alla tossicità “cronica” o subcronica”, la situazione è completamente diversa. I risultati di molti studi dimostrano che vengono indotte alcune alterazioni metaboliche. Sembra anche che l’esposizione al glifosato interferisce nella riproduzione. Molto acceso e ancora aperto il dibattito tra gli scienziati se il glifosato sia cancerogeno o meno. Si deve aggiungere che le informazioni sulla tossicità dei  “metaboliti” sono incomplete. L’esposizione diretta degli animali e/o dell’uomo al Glifosato sembra quindi comportare rischi forse importanti che non debbono essere assolutamente sottovalutati.

Una prima misura deve essere quella di tutelare i lavoratori agricoli che utilizzano l’erbicida e fare in modo che non siano esposti alla sostanza.

Esiste poi il problema degli animali selvatici di cui non sempre si tiene in debito conto. In un’area geografica in cui si impiega il glifosato si toglie il cibo agli erbivori (dalle lumache alle lepri) e di fatto si corre il rischio di minare alla base degli ecosistemi. Gli stessi animali potrebbero andare incontro a patologie che ne possono compromettere l’esistenza. Il problema è molto serio e non riguarda soltanto le aree dove viene praticata l’agricoltura intensiva e dove alle volte si creano dei veri e propri deserti “biologici”, ma anche nei diserbi di fossi, bordi di strade, tratti ferroviari, ecc.  Si tratta di situazioni esistenti anche nel nostro Paese e poco conosciute.

Il glifosato può essere un utile strumento ma deve essere impiegato con estrema cautela. Per fare un paragone con il tritolo si può dire che quest’ultimo è estremamente utile in miniera o per demolire strutture fatiscenti, ma drammaticamente funesto si utilizzato dai “kamikaze” per compiere attentati.

 

Il glifosato: tra pericolosità e disinformazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...