Pubblicato in: CRONACA

Paradosso cibo.


paradosso-cibo.jpg

L’obesità e il sovrappeso stanno crescendopiù velocemente della fame e ciò indica l’estrema urgenza di fornire l’accesso a diete più salutari a tutti i cittadini del mondo. È questo l’allarme  lanciato dalla FAO, secondo cui è oramai chiaro un punto: il diritto al cibo ha bisogno di un nuovo approccio che comprenda il diritto a uno stile alimentare sano nella sua totalità.

Pare quindi un dato di fatto: gli sforzi che da anni si portano avanti contro la fame nel mondo hanno cominciato ad eguagliare quelli volti alla prevenzione dell’obesità, un problema che riguarda ogni parte del Pianeta e che ha dato vita a una vera e propria epidemia.

Ad oggi, più di 2 miliardi di adulti dai 18 anni in su sono in sovrappeso e 670 milioni di essi sono obesi. Inoltre, l’aumento dell’obesità tra il 2000 e il 2016 è stato più rapido rispetto a quello del sovrappeso in tutte le fasce di età e quasi 2 miliardi di persone soffrono di carenze di micronutrienti.

Secondo le proiezioni il numero di persone obese nel mondo molto presto supererà il numero di persone che soffre la fame, che al momento è pari a 820 milioni.

Cos’è che ha portato alla pandemia globale di obesità e alla contemporanea carenza di micronutrienti? La rapida urbanizzazione, innanzitutto, ma anche l’elevato consumo di alimenti ultra-lavorati, composti prevalentemente da ingredienti artificiali e ricchi di grassi saturi, zuccheri raffinati, sale e additivi chimici.

 

 

 

 

 

Per la prima volta nel mondo la popolazione obesa supera quella malnutrita