Pubblicato in: CRONACA

A Scampia regna anche la cultura


“La Scugnizzeria” la libreria di Rosario Esposito La Rossa.  Rosario: un ragazzo come tanti altri, ma con la voglia di far rinascere il buono che c’è nel suo quartiere. Nel 2016, è stato anche nominato, dal presidente della Repubblica, Cavaliere per il suo impegno atto all’integrazione sociale. “Io sono uno spacciatore di cultura”, è questa la frase con la quale Rosario si presenta al pubblico.

scugni.jpg

La volontà di sottrarre i bambini all’illegalità, alla malavita e farli leggere e farli studiare il mondo: questa è l’idea di Rosario. Un’impresa difficile ma non impossibile: “Quando una mattina è arrivato da noi un pacco di libri in donazione dalla casa EditriceEL, non potevo crederci. Qualcuno stava prestando attenzione a noi! Ma non è stato tutto facile, poiché se all’inizio l’Editrice EL sembrava interessata anche a pubblicarci un volume dal titolo Piazza di spaccio di libri, ad un certo punto si è ritirata”, racconta Rosario.

Ecco che i bambini decidono di fare la loro parte: non si può già partire sconfitti. Ed ecco che iniziano a scrivere loro un altro libro, un libro sulla loro vita difficile, ma alla quale c’è sempre speranza di rinascita: ecco che esce Eterni secondi, per Einaudi ragazzi. Non solo storie personali, ma anche storie ambientate nel corso di tutto il 1900: “Sono storie di 20 perdenti dello sport: un modo per dire che, anche se non si vince, si può sempre rimanere nella storia”.

 

 

 

 

“La Scugnizzeria”: a Scampia la voce dei bambini fa cultura