Pubblicato in: CRONACA

L’anniversario della nascita di Federico Fellini.


 Federico Fellini, uno dei più grandi registi mai esistiti era nato  il 20 gennaio 1920. Fellini esordisce alla regia con Luci del Varietà, che dirige assieme ad Alberto Lattuada. Proprio da questa pellicola nasce l’interesse per quello che sarà considerato un archè del cinema felliniano, cioè la decadenza e la gloria del mondo d’avanspettacolo. Nonostante il triste e magro esito finanziario del progetto, Fellini non si abbatte e firma la sua prima regia da solista, Lo sceicco bianco, con la proverbiale interpretazione di Alberto Sordi. Più della precedente, questa esperienza cinematografica accende l’animo del regista, e ne fa scaturire la sua vera identità. Realismo magico e onirico si fondono sapientemente in un mix peculiare, estroso, che sfocerà poi in quello che viene definito fantarealismo.Negli anni cinquanta, sulla scia della nuova industrializzazione, nasce un altro capolavoro: I vitelloni.Quest’opera ricalca i ricordi e le rimembranze del Fellini ragazzo, tra le strade di Rimini, così come farà Amarcord vent’anni più tardi.

Fellini2.jpg

Nel 1954 arriva a creare quello che sarà il suo primo successo colossale, La strada. Il film, muovendosi su un percorso di poesia e vita nel dopoguerra, narra la storia d’amore tormentata tra una meravigliosa Giulietta Masina (moglie e musa di Fellini), ed Anthony Queen, strambi artisti di strada.

fellini4.jpg

Un mondo degli ultimi e degli emarginati quello raccontato dal regista, che si estrinseca anche ne Le notti di Cabiria, dove Fellini vince un Oscar come miglior film straniero. La sua iconicità giunge sicuramente negli anni sessanta, quando vede la luce una delle pellicole più identitarie della storia del cinema: La dolce vita.Premiato con un altro Oscar, il film è stato anche inserito nella rivista inglese Sight & Sound, occupando il 9º posto tra le più belle pellicole mai realizzate.

fellini2a.jpg

Anche Amarcord, l’opera del ricordo, gli permette di incassare un altro Oscar, e di mostrare ancora una volta il disagio dei borghi riminesi, dove il richiamo malinconico e nostalgico del passato viene sapientemente offerto dall’antica esperienza autobiografica dell’autore.

fellini3.jpg

Seguono lavori e riconoscimenti, fino al 1993, anno in cui il regista porta a casa l’Oscar più importante di tutti, quello alla carriera. Malauguratamente nello stesso anno, precisamente il 31 ottobre, il cineasta riminese ci lascia all’età di 73 anni. Una fine che ha tutto il sapore di un inizio, l’inizio di un mito squisitamente italiano: Federico Fellini. 

 

 

 

 

https://www.italiani.it/anniversario-nascita-federico-fellini/