Eccesso di imballaggi in plastica su frutta e verdura


Capodogli, pesci, tartarughe, uccelli uccisi dalla nostra plastica, quella che ogni giorno mettiamo nel nostro carrello della spesa, che finisce poi sui piatti e viene consumata. Può addirittura arrivare a far parte della polvere domestica. E ce la respiriamo. Ci sono troppi imballaggi inutili. Una cipolla in un vassoio,  una banana o ancora un’arancia. Il paradosso è che viene confezionata proprio quel tipo di frutta che ha per natura una propria protezione, ovvero la buccia.

buccia

Di questo passo entro il 2050 nei nostri mari i pesci saranno un miraggio e ci ritroveremo a nuotare tra la plastica, come già succede a  Manta point,  vicino l’isola di Nusa Penida, la più grande delle tre isole al largo della costa sud-orientale di Bali, oggi sommersa da rifiuti di ogni tipo. Ridurre l’utilizzo della plastica è possibile e anche il singolo consumatore può fare la differenza facendo delle scelte più consapevoli a partire dalla spesa. pensate che persino il biologico nei supermercati è impacchettato nella plastica. La grande distribuzione e il consumatore devono fare di più per tutelare l’ambiente.

 

 

 

 

 

 

 

 

Le assurde foto dell’eccesso degli imballaggi in plastica su frutta e verdura (#svestilafrutta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: