La “liberazione pacifica”.


Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto

La Cina ha celebrato ieri i 70 anni della “liberazione pacifica” del Tibet, con una solenne cerimonia tenuta a Lhasa, capoluogo della vasta regione autonoma himalayana. Quel giorno, 70 anni fa, fu firmato a Pechino il cosiddetto «Accordo in 17 punti per la liberazione pacifica del Tibet». In circa dodici pagine, il documento suggellava il destino di milioni di persone: il Tibet non era più il paese in cui il Dalai Lama era nato 16 anni prima.

Dalai Lama – Benchen Karma Tegsum Tashi Ling – Verona

L’annessione del Tibet a Pechino non è stata comunque pacifica. Centinaia di migliaia di persone morirono dopo l’invasione della Cina, specialmente durante gli anni bui della Rivoluzione Culturale che infuriò in Tibet dal 1966 fino alla morte di Mao Zedong dieci anni dopo. Il Dalai Lama ha lasciato da tempo il suo paese natale; dopo una sanguinosa rivolta popolare nel 1959, vive in esilio in India.

Il Tibet è una delle province cinesi nel mirino di Paesi occidentali e attivisti dei diritti umani, che accusano Pechino di politiche repressive, discriminatorie e di assimilazione culturale delle minoranze volute dal governo centrale: accuse che la Cina respinge.

https://www.prealpina.it/pages/tibet-a-lhasa-cerimonia-70-anni-da-liberazione-pacifica-255664.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: