I braccianti del ghetto dicono si al vaccino.


Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e spazio al chiuso

: Una bella e efficace collaborazione tra sanità pubblica e Ong sta permettendo di vaccinare anche i più invisibili tra gli invisibili, i più sfruttati tra gli sfruttati, i braccianti dei ghetti del Foggiano. Sono ben 3.500 immigrati che vivono a Borgo Mezzanone, nel “gran ghetto” di Torretta Antonacci e negli altri insediamenti di baracche. Più della metà di quelli attualmente presenti hanno ricevuto la prima dose, e in mille la seconda. È l’impegno, ancora in atto, tra la Asl di Foggia e Intersos. Davvero un lavoro ben fatto, nel silenzio. Un’operazione iniziata ad agosto e che in un mese ha già dato questi importanti risultati. Che tutelano persone che vivono spesso nell’irregolarità, ma che hanno lo stesso il diritto alle cure, vaccini compresi.

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/i-braccianti-del-ghetto-dicono-s-alla-campagna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: