Sfruttamento e subappalti: il lato oscuro dell’industria della carne.


Potrebbe essere un'immagine raffigurante in piedi e spazio al chiuso

Dà lavoro a un milione di lavoratori in tutta Europa con un giro di affari di oltre 222 miliardi di euro all’anno eppure nella filiera della carne, come denunciano i sindacati, gran parte degli occupati dipendono da ditte subappaltatrici e agenzie interinali con il risultato che molti di loro guadagno dal 40% al 50% in meno rispetto ai colleghi dipendenti. In Italia, più di 21.000 persone lavorano nell’industria della carne. Oltre il 50% della forza lavoro nella macellazione e il 25% nella lavorazione della carne sono migranti dall’Europa orientale, dai Balcani, dall’Africa settentrionale e centrale e dall’Asia orientale. Secondo i sindacati sono sempre più impiegati attraverso cooperative, dove possono costare alle aziende fino al 40% in meno rispetto ai loro omologhi dipendenti diretti.

https://protecttheresults.com/author/E_Somaglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: