Peppino Impastato, 44 anni fa il delitto del giornalista che irrideva i boss.


Sequestrato, pestato a morte, poi portato sui vicini binari e fatto saltare in aria con una carica di esplosivo. Quarantaquattro anni fa è morto così Peppino Impastato, giornalista, militante comunista, attivista, speaker di quella Radio Aut dai cui microfoni ridicolizzava il boss Tano Badalamenti, che ne ha ordinato la morte. Per le risate che provocava, minandone l’autorità, come per gli affari che gli rovinava, denunciando speculazioni e collusioni. Peppino è stato ammazzato il 9 maggio ’78, durante quella che è passata alla storia come “notte della Repubblica”. A Roma veniva ritrovato il cadavere del segretario della Dc, Aldo Moro. Nel frattempo, rapidamente l’omicidio Impastato viene rapidamente derubricato a suicidio o attentato suicida e archiviato. Troppo rapidamente hanno sempre denunciato i familiari, la mamma Felicia e il fratello Giovanni, così come i compagni di Peppino, Democrazia Proletaria e il centro siciliano di documentazione, poi a lui intitolato.

https://www.palermotoday.it/cronaca/peppino-impastato-anniversario-omicidio-cinisi-programma-eventi.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: