Pubblicato in: guerre, INGIUSTIZIE, libertà, opinioni, PACIFISMO, palestina, violenza

Il silenzio dei colpevoli


il silenzio dei colpevoliSe la memoria non mi inganna, i raid aerei israeliani nella Striscia di Gaza sono iniziati da diverse settimane, mentre l’operazione militare terrestre è scattata da due settimane circa.

Ebbene, le vittime palestinesi, quasi tutte civili inermi, in grandissima parte bambini, hanno ormai raggiunto e superato quota mille. I morti israeliani sono poche decine, tutti militari. Per non parlare dei feriti e degli sfollati, che sono diverse migliaia tra la popolazione di Gaza.

In sostanza, si va delineando un eccidio di massa che non sarebbe eccessivo o fuori luogo rappresentare nei termini agghiaccianti di un “genocidio”, e la cosiddetta “comunità internazionale” tace e latita. Il silenzio e l’indifferenza del mondo sono addirittura più terrificanti dei massacri e delle carneficine che Israele sta compiendo nella Striscia.

La cosiddetta “diplomazia internazionale” che, tradotto in un linguaggio meno ipocrita, è la difesa degli interessi delle cancellerie occidentali, sta assistendo alle stragi senza muovere un dito solo perché Israele costituisce un caposaldo del “mondo occidentale”, cioè un bastione dell’imperialismo economico-militare delle superpotenze occidentali. Tutte le massime istituzioni mondiali tacciono.

Tace persino papa Francesco, che finora si era presentato come una figura attestata dalla parte degli ultimi, dei reprobi e diseredati della terra. Oggi i Palestinesi di Gaza sono gli ultimi tra gli ultimi, gli esseri più deboli ed indifesi, la parte più derelitta, reietta e sventurata dell’umanità.

Lucio Garofalo

Pubblicato in: diritti, estero, guerre, libertà, PACIFISMO, palestina, politica, razzismo

Fuck Israel. Fuck Hamas


ADThe Gaza Youth Breaks Out Manifesto*

Fanculo Hamas. Fanculo Israele. Fanculo Fatah. Fanculo Nazioni Unite. Fanculo Unwra. Fanculo Usa! Noi, i giovani di Gaza, siamo stufi di Israele, di Hamas, dell’occupazione, delle violazioni dei diritti umani e dell’indifferenza della comunità internazionale!

Vogliamo urlare e rompere questo muro di silenzio, di ingiustizia e di indifferenza, come gli F16 israeliani rompono il muro del suono; urlare con tutta la forza nelle nostre anime per liberare questa immensa frustrazione che ci consuma a causa della situazione del cazzo in cui viviamo …

Siamo stufi di essere vittime di questa lotta politica; stufi di notti al buio con aerei che volteggiano sopra le nostre case; stufi di contadini innocenti uccisi nella zona cuscinetto, perché si prendono cura delle loro terre; stufi di ragazzi barbuti in giro con i loro fucili che abusano del loro potere, picchiando o incarcerando i giovani che manifestano per ciò in cui credono; stufi del muro della vergogna che ci separa dal resto del nostro paese e ci imprigiona in un pezzo di terra dalle dimensioni di un francobollo; stufi di essere dipinti come terroristi, fanatici, che vivono in casa con esplosivi nelle nostre tasche e il male nei nostri occhi; stufi dell’indifferenza che incontriamo da parte della comunità internazionale, i cosiddetti esperti pronti a esprimere preoccupazioni e scrivere risoluzioni, ma codardi nel far rispettare tutto quello su cui si dicono d’accordo; siamo stanchi di vivere una vita di merda, essere tenuti in carcere da Israele, picchiati da Hamas e completamente ignorati dal resto del mondo.

C’è una rivoluzione che cresce dentro di noi, un immenso sentimento di insoddisfazione e di frustrazione che ci distruggerà a meno che non troviamo un modo di canalizzare questa energia in qualcosa che possa sfidare lo status quo e darci qualche tipo di speranza.

Siamo appena sopravvissuti all’operazione Piombo Fuso (attacco militare di Israele del 2008/09 nella Striscia di Gaza, durante il quale sono state utilizzate armi proibite che hanno causato in meno di un mese 5.000 feriti, 1.400 morti, di cui oltre 300 bambini, ndr) in cui Israele ha bombardato in modo molto efficace la merda fuori di noi, distruggendo migliaia di case e ancora di più la vita e i sogni.Durante la guerra abbiamo avuto la sensazione inconfondibile che Israele voleva cancellare noi dalla faccia della Terra. Nel corso degli ultimi anni, Hamas ha fatto di tutto per controllare i nostri pensieri, comportamenti e aspirazioni. Qui a Gaza abbiamo paura di essere incarcerati, interrogati, picchiati, torturati, bombardati, uccisi. Non possiamo muoverci come vogliamo, dire quello che vogliamo, fare ciò che vogliamo.

Ne abbiamo abbastanza! Basta dolore basta, basta lacrime, basta sofferenza, basta controlli, limiti, giustificazioni ingiuste, terrore, torture, scuse, bombardamenti, notti insonni, civili morti, ricordi neri, futuro tetro, presente di sofferenza, politica vigliacca, politici fanatici, stronzate religiose, arresti continui.DICIAMO di STOP! Questo non è il futuro che vogliamo! Vogliamo essere liberi. Vogliamo essere in grado di vivere una vita normale. Noi vogliamo la pace. È chiedere troppo?

 

 

* Questo manifesto è stato scritto da un gruppo anonimo di giovani di Gaza, diffuso in rete da Adbusters e The Guardian

FONTE http://comune-info.net/2014/07/fuck-hamas-fuck-israel/

Pubblicato in: CRONACA, INGIUSTIZIE, opinioni, PACIFISMO, palestina, politica

ISRAELE- PALESTINA, LA CONVIVENZA E’ POSSIBILE ?


Da ormai 67 anni esiste uno stato artificiale creato ad hoc per una fazione appartenente a un credo religioso; come si evince dal titolo dell’articolo sto parlando di Israele. Israele è sorta nel protettorato britannico di Palestina nato a sua volta poco prima del termine della prima guerra mondiale (1917) dopo che il territorio era stato tolto all’impero ottomano dai ribelli arabi alleati degli inglesi.
Contemporaneamente alla nascita dello stato israeliano nacque anche lo stato di Palestina la risoluzione delle Nazioni Unite n°181 ripartiva il territorio palestinese tra questi due stati riconoscendo l’esistenza di entrambi.
GLI ANNI DEL TERRORISMO SIONISTA
Nel mandato britannico di Palestina, tra gli anni trenta e quaranta, agirono due gruppi terroristi sionisti il cui obiettivo, oltre alla cacciata dell’esercito britannico, era la nascita di uno stato ebraico-sionista; l’IRGUN e il LEHI.
L’IRGUN o Etzel fu fondato nel 1931 dalla scissione di alcuni appartenenti all’Haganah (altra organizzazione sionista) accusata di adottare una politica troppo socialista, l’Haganah fu il partito di Ben Gurion che decise di combattere l’asse a fianco degli alleati (invece di scegliere l’alleanza con i nazisti come il LEHI). Sostanzialmente l’IRGUN si prefigurava come una milizia ultranazionalista anti britannica e anti araba (come il Likud e l’estrema destra oggi). Dal ’36 al ’39 si  assistette ad una rivolta araba dovuta soprattutto all’aumento della popolazione ebraica nel Mandato (dagli 80.000 del 1918 ai 400.000 del 1936), durante questa rivolta molti ebrei vennero uccisi, la conseguenza di questa rivolta fu il rafforzamento dei movimenti sionisti tra cui l’IRGUN che poté garantire ai propri affiliati l’alleanza di parte delle autorità inglesi che arruolarono molti sionisti nelle milizie locali (le special night squad). Durante la seconda guerra mondiale gli uomini dell’IGRUM furono attivi sia all’interno delle forze britanniche sia nella divisione ebraica che combatté in Italia. Non era ancora finita la seconda guerra mondiale che l’IRGUN tornò al suo vecchio amore, il terrorismo contro l’autorità britannica; guidati dal futuro primo ministro Begin i terroristi sionisti si resero colpevoli di rapimenti e attentati come quello del King David hotel dove perirono 91 persone o la strage di Deir Yassin dove vennero trucidati 107 palestinesi (l’azione venne condannata dall’Haganah). L’IRGUN si rese responsabile di azioni anche in Europa dove, tra l’altro, attaccò l’ambasciata britannica a Roma.
Il LEHI venne fondato nel 1940 da Avraham Stern, appartenente all’ala più estremista dell’IRGUN, che però concentrò i suoi attacchi solo su obiettivi britannici lasciando, almeno inizialmente, in pace gli arabi. Il LEHI, durante la seconda guerra mondiale, si accostò all’asse inviando a Naftali Lubenchik a Beirut per incontrare il funzionario tedesco Von Hentik per trovare un accordo sulla nascita di uno stato ultranazionalista ebraico di stampo fascista, l’affare non andò in porto a causa dell’inefficienza dell’ambasciata tedesca  ad Ankara dove venne inviata la bozza di un accordo. Finita la guerra il Lehi si rese colpevole, al pari dell’IRGUN, di attentati in Europa e in Palestina dove partecipò anche al massacro di Deir Yassin, inoltre il Lehi assassinò il mediatore dell’ ONU, il conte Folke Bernadotte.
Entrambi i gruppi si sciolsero ma per la destra israeliana,  che critica il terrorismo di hamas, questi uomini sono eroi.
risoluzione 181LA RISOLUZIONE DELLE NAZIONI UNITE N° 181
Dopo la fine del mandato britannico in Palestina, i gruppi nazionalisti delle due parti (Lehi e IRGUN  da una parte, nazionalisti arabi ex alleati dell’asse dall’altra) diedero inizio a scontri e massacri, soprattutto questi massacri ebbero vittime palestinesi. L’assemblea delle Nazioni Unite, per porre fine a questa strage, il 29 novembre 1947 approvò la risoluzione n°181 che divideva il territorio dell’ex mandato britannico tra arabi ed ebrei.
Durante le votazioni hanno votato a favore: Stati Uniti d’America, Australia, Belgio, Bolivia, Brasile, Bielorussia, Canada, Costa Rica, Danimarca, Repubblica dominicana, Ecuador, Francia, Guatemala, Haiti, Islanda, Liberia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Nicaragua, Norvegia, Panamá, Paraguay, Perù, Filippine, Polonia, Svezia, Cecoslovacchia, Ucraina, Unione Sudafricana, URSS, Uruguay e Venezuela; contro: Afghanistan, Arabia Saudita, Cuba, Egitto, Grecia, India, Iran, Iraq, Libano, Pakistan, Siria, Turchia e Yemen. e  sono astenuti: Argentina, Cile, Cina, Colombia, El Salvador, Etiopia, Honduras, Messico, Regno Unito, Jugoslavia.
L’URSS votò a favore poiché sperava che il nuovo stato ebraico potesse essere uno stato comunista, che si poggiasse sul sionismo libertario e quindi vicino ad ideali socialisti e comunisti; la speranza era avvalorata dai Kibbutz e Moshav, terre acquistate grazie a donazioni elargite sia da operai che dai Rotshild al governo britannico. Inutile dire che tale desiderio venne disatteso da Ben Gurion che, come racconta nel suo saggio sulla politica sovietica in Palestina Arnold Kramer, scrisse a Truman palesando le sue intenzioni anti socialiste.
1920israelCome possiamo vedere da questa mappa, gli insediamenti ebraici si concentrano prevalentemente a nord della Palestina britannica mentre attorno a Gerusalemme non vi è che una manciata di villaggi così come intorno a Betsabea. Il parametro delle Nazioni Unite fu lo stesso di quello utilizzato dalla società delle nazioni nel 1918 quando si trattò di ridisegnare i confini delle nazioni e dei territori appartenenti all’impero Ottomano, quello della nazionalità; come possiamo vedere nella mappa sotto però tale principio non venne seguito alla lettera in quanto il deserto del Negev, e il conseguente sbocco sul Mar Rosso, dove non vi erano insediamenti ebraici, venne assegnato ad Israele. Nel territorio che sarebbe dovuto essere la Palestina la proporzione arabi/ebrei era 99/1 (725.000 arabi contro 10.000 ebrei) mentre il territorio israeliano vedeva una maggioranza ebraica di 55/45 (407.000 contro 498.000). nella zona a controllo internazionale il numero di abitanti era quasi pari (51/49 a favore degli arabi. Nonostante la maggioranza del territorio fosse abitato da arabi, la comunità internazionale decise di  concedere la maggior parte del territorio al futuro stato di Israele forse presagendo la forte immigrazione ebraica, anche se molti ebrei, ad esempio Primo Levi, decisero di rimanere nei Paesi di nascita. Le reazioni non furono univoche. Iniziamo con i futuri israeliani; inutile parlare delle posizioni deliranti della destra (l’IRGUN in un manifesto indicava anche la Giordania come futuro Israele) sulla grande Israele che ricorda la grande Germania, soffermiamoci invece sugli ebrei palestinesi e sul partito comunista; gli ebrei palestinesi accolsero positivamente la nascita di due stati in quanto non interessati al progetto grande Israele mentre il Mapam (partito unificato degli operai) – seppur più favorevole a un solo stato giudeo-arabo –si pronuncia a favore della nascita dei due stati, fino agli anni ’60 il Mapam sarà il primo partito d’opposizione.
Nel  campo arabo in generale e palestinese in particolare, la nascita di uno stato ebraico è accolta soprattutto con scetticismo e ostilità, il partito comunista palestinese invece fu tra quelli che sostennero il progetto di due Paesi due popoli. Cosa sarebbe successo se invece dei due nazionalismi avessero trionfato i due partiti comunisti?
Alberto Forlini