Mai dire “troia”


Infatti è risaputo che non sono le “troie” (nel senso descritto prima) a dare una cattiva immagine del parlamento del Paese, bensì chi non si sente più di coprire gli escrementi con le zampette e invece denuncia il malcostume italiano. In un Paese che non gode più di nessuna credibilitàsia al proprio interno che in EuropaContinua a leggere “Mai dire “troia””

Monti: L’epilogo umiliante di un uomo piccolo piccolo


Un giorno si ricorderà Mario Monti per l’eccezionale parabola che ha accompagnato il suo destino politico. Dal suo ingresso nelle camere, direttamente col laticlavio a vita, alla presidenza di un consiglio di ministri incaricato nientemeno che della “salvezza della patria”, con i primi tentennamenti in casa e all’estero per passare ad una campagna elettorale cheContinua a leggere “Monti: L’epilogo umiliante di un uomo piccolo piccolo”

Le spese folli della Lega in Friuli… tutto rigorosamente verde!


Polenta, calzature, vestiti, casalinghi, cravatte verdi. C’era un po’ di tutto nella lista della spesa del gruppo della Lega Nord alla Regione Friuli Venezia Giulia finita sotto la lente di ingrandimento della procura di Trieste. Insieme ai rappresentanti di altri partiti seduti in consiglio anche il vertice del Carroccio deve rispondere dell’accusa di peculato per essersi servita di fondi pubblici per uno scopo ben diversoContinua a leggere “Le spese folli della Lega in Friuli… tutto rigorosamente verde!”

Imu 2013: lacrime, sangue e promesse.


Tra pochi mesi torneremo a pagare la prima rata Imu 2013 e saranno lacrime e sangue per moltissime famiglie italiane. Qui, non si vuole mettere in discussione la tassa in sè (la tassa sulla casa c’è in tutto il mondo ed è giusto che ci sia anche nel nostro Paese) quello che si deve mettereContinua a leggere “Imu 2013: lacrime, sangue e promesse.”

Le verità nell’urna


di Marco d’Eramo, da Tageszeitung, 1 marzo 2013 Nei castelli medievali toccava ai giullari dire al sovrano le verità più scomode. Oggi, nelle cancellerie e nelle grandi banche europee l’amara verità giunge dai “clown” italiani, come li ha definiti il socialdemocratico Peer Steinbrück. Se infatti non ci si limita a ironie giustificate ma futili, nell’esito delle elezioniContinua a leggere “Le verità nell’urna”

Le battaglie sono giuste anche quando si perdono


Le battaglie sono giuste anche quando si perdono. … ma direi anche che le battaglie giuste le si porta avanti fino a che non si vince. Bob Dylan – The times they are a changin’ http://www.neltempodiunacanzone.com/2013/02/27/ambrosoli-o-male-accompagnati/#more-65 DAL BLOG DI GIULIO CAVALLI “Le battaglie sono giuste anche quando si perdono” è la frase (bellissima) che Umberto AmbrosoliContinua a leggere “Le battaglie sono giuste anche quando si perdono”

Chi mangia sulle carceri-lager


Mentre in galera le condizioni sono sempre più disumane, emergono le spese folli dei suoer dirigenti: foresterie con Jacuzzi in terrazzo, tivù da sessanta pollici e tappeti persiani (ma anche scopini da bagno pagati 250 euro l’uno) di Lirio Abbate Il vitto di un detenuto costa allo Stato meno di quattro euro al giorno, unaContinua a leggere “Chi mangia sulle carceri-lager”

Bersani, Grillo e il marziano che cade sulla terra


Di Adriana Santacroce – Cosa capirebbe di quello che sta accadendo, dopo le elezioni, un marziano caduto improvvisamente sulla Terra? Probabilmente molto poco. Abbiamo già votato o stiamo per votare? Chi si professa più democratico degli altri, poi, lo è per davvero? Nulla di chiaro. Solo tanta confusione. A partire da Beppe Grillo. Il suo successoContinua a leggere “Bersani, Grillo e il marziano che cade sulla terra”

21 donne


Prima delle quote rosa. E anche oltre. 21 donne. Adele Bei, Nadia Gallico Spano, Nilde Iotti, Teresa Mattei, Angiola Minella, Rita Montagnana Togliatti, Teresa Noce Longo, Elettra Pollastrini, Maria Maddalena Rossi, Laura Bianchini, Elisabetta Conci, Filomena Delli Castelli, Maria De Unterrichter Jervolino, Maria Federici, Angela Gotelli, Angela Guidi Cingolani, Maria Nicotra, Vittoria Titomanlio, Bianca Bianchi,Continua a leggere “21 donne”

Spiazzati dagli italiani: veri sconfitti, i media di regime


Le recenti elezioni italiane hanno decretato diversi sconfitti, primi fra tutti il Pd e “Rivoluzione civile”. I giornalisti ne hanno disinvoltamente dimenticato un terzo: se stessi. Vorrei essere molto esplicito: i giornalisti non ne hanno azzeccata una, e tuttavia continuano a pontificare come se qualcuno avesse loro conferito un qualche diritto di prescienza. Si chiama opinionismo, naturalmente. Ma haContinua a leggere “Spiazzati dagli italiani: veri sconfitti, i media di regime”

Il futuro a 5 stelle?


di Paolo De Gregorio. Parecchi mesi fa chiedevo a Grillo di puntare a quel 57% del popolo italiano, riflessivo e positivo, che per interessi materiali e principi etici si era manifestato nel voto referendario per l’acqua pubblica, contro il nucleare, contro il legittimo impedimento del vero cancro della nostra democrazia Silvio B. La vittoria ciContinua a leggere “Il futuro a 5 stelle?”

Parma: imbrattato monumento antifascista “Basta comunisti, viva Beppe Grillo”


Nella notte di sabato, un ignoto provocatore ha imbrattato il monumento in bronzo dedicato a Guido Picelli, nell’omonimo piazzale di Parma, scrivendoci sopra: ‘Sei solo un comunista come Bersani. W Grillo’”. Lo rende noto Giancarlo Bocchi, il regista del documentario ‘Il Ribelle, Guido Picelli un eroe scomodo’, dalla pagina Facebook dedicata al film.  “E’ molto graveContinua a leggere “Parma: imbrattato monumento antifascista “Basta comunisti, viva Beppe Grillo””

Il Movimento 5 stelle ha difeso il sistema


Wu Ming Adesso che il Movimento 5 stelle sembra aver “fatto il botto” alle elezioni, non crediamo si possa più rinviare una constatazione sull’assenza, sulla mancanza, che il movimento di Grillo e Casaleggio rappresenta e amministra. Il M5S amministra la mancanza di movimenti radicali in Italia. C’è uno spazio vuoto che il M5S occupa… perContinua a leggere “Il Movimento 5 stelle ha difeso il sistema”

Chi è piu’ berlusconiano di Bersani ? Nessuno.


Un Paese senza speranza ? Non voglio rassegnarmi a questa affermazione,non ancora. Agli italiani non vanno bene coloro che hanno combattuto la corruzione e che hanno fatto le uniche proposte valide e condivise da tutti gli organi competenti,come la magistratura,la corte dei conti o autorevoli conoscitori di tale piaga nonché fenomeno criminale in continua espansione.Continua a leggere “Chi è piu’ berlusconiano di Bersani ? Nessuno.”

Rivoluzionare “Rivoluzione Civile”.


Rivoluzione Civile era nata con l’obiettivo di puntare sia alla Camera che al Senato mentre è riuscita nell’impresa titanica di prendere appena la metà dei voti necessari per entrare alla Camera: 2,25%. Come sanno i lettoti di questo blog,  ho votato per RC alla Camera e per M5S al Senato. Perché ero certo che RC nonContinua a leggere “Rivoluzionare “Rivoluzione Civile”.”

Elezioni 2013, odissea nello spazio


Ore nove di mattina, le prime elezioni d’inverno della storia italiana hanno restituito i risultati definitivi da pochissimo. Un bello schiaffo per chi diceva che sarebbe stato il ritorno della Sinistra, che Berlusconi era finito, che il populismo di Beppe Grillo avrebbe catturato “solo” i voti di protesta. E invece, tanto per far un riassuntoContinua a leggere “Elezioni 2013, odissea nello spazio”

Questo non è un paese serio.


FMA (mentecritica) Non voterò perché nessuno dei partiti in lizza mi pare credibile, non perché manchino le proposte allettanti. Anzi, il contrario. Si va dalla riduzione dell’IMU variamente declinata da Bersani e da Monti, all’abolizione con restituzione incorporata di Berlusconi, fino al reddito di cittadinanza di Grillo. Cose che non troverebbero credito in nessun paeseContinua a leggere “Questo non è un paese serio.”

Grazie di tutto e alla prossima.


Siamo in grado di anticiparvi i discorsi di ringraziamento dei leader che vinceranno le prossime elezioni. E che aumenteranno la percentuale di suicidi nei prossimi mesi. PD Incredibile, non ci possiamo credere, siamo senza parole. (dica: Grazie!) Grazie! (A tutti voi che ci avete votati) A tutti voi che ci avete votati (e ci aveteContinua a leggere “Grazie di tutto e alla prossima.”

FARE al contrario: ridurre il debito pubblico aumentando la spesa


Si può ridurre il debito pubblico (o meglio il rapporto debito/PIL) aumentando la spesa pubblica, finanziata con le tasse? Sì, si può. E’ scritto su tutti i libri di testo di economia: a causa del moltiplicatore keynesiano,l’effetto depressivo dovuto all’aumento delle tasse è minore dell’effetto espansivo dovuto alla spesa pubblica. Pertanto è possibile, anche mantenendo il pareggio di bilancio, aumentareContinua a leggere “FARE al contrario: ridurre il debito pubblico aumentando la spesa”

Di Lavoro si deve vivere, mai morire


di angelo bruscino Premetto. Quello del lavoro è un argomento difficile da trattare, ma sicuramente caratterizza fortemente il nostro tempo, e buona parte lo misura con il termometro della fiducia e della speranza. In Italia è ormai più di un anno che si susseguono tristemente, nelle cronache delle nostre città, drammatici suicidi causati da questa tremendaContinua a leggere “Di Lavoro si deve vivere, mai morire”

La corruzione tiene in pugno l’Italia: chiedi 5 impegni ai candidati politici


Lanciata da  Libera e Gruppo Abele La corruzione è uno dei motivi principali per cui il futuro dell’Italia è bloccato nell’incertezza. Pochi in Europa vivono il problema in maniera così acuta (ci seguono solo Grecia e Bulgaria). Si tratta di un male profondo, fra le cause della disoccupazione, della crisi economica, dei disservizi del settore pubblico, degli sprechi eContinua a leggere “La corruzione tiene in pugno l’Italia: chiedi 5 impegni ai candidati politici”

La “Grillonomics”. Analisi del programma economico del MoVimento 5 Stelle


 Quella che segue è una sintesi del saggio di Vladimiro Giacché sul programma del MoVimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Il Movimento 5 Stelle sarà un protagonista a tutti gli effetti della vita politica del nostro paese. Ecco perché le sue proposte vanno ‘prese sul serio’ ed esaminate con lo stesso rigore che si applica a quelle degli altriContinua a leggere “La “Grillonomics”. Analisi del programma economico del MoVimento 5 Stelle”

Cosentino, Cosentino, Cosentino


Stamattina, mentre leggevo il pezzo di Marino sulle elezioni regionali tedesche, ho sentito, riga dopo riga, salire l’inquietudine. Non che abbia un particolare trasporto per la Germania. Quel che rimane dei miei palpiti notturni è giàoverbooked. E’ che leggendolo mi è ritornato in mente un concetto a cui sono disabituato: la politica è si questione diContinua a leggere “Cosentino, Cosentino, Cosentino”

Non basta autodefinirsi di Sinistra per esserlo veramente.


In Italia non esiste piu’ la Sinistra ? No, in Italia un Popolo di Sinistra esiste ma esiste anche un partito che si autodefinisce di Sinistra senza esserlo veramente e con tutta la sua potenza mediatica delegittima ogni formazione politica che abbia un programma che piaccia al Popolo di Sinistra. Questo partito ha sostenuto e votato le politiche del governo Monti e sui temi fondamentali e decisivi per un Paese la pensa allo stesso modo “dell’ultraliberista difensore dell’1% della popolazione mondiale che detiene la gran parte della ricchezza” eContinua a leggere “Non basta autodefinirsi di Sinistra per esserlo veramente.”

Bersani chieda la desistenza a Monti, noi conosciamo solo la RESISTENZA !


Stando all’ultimo sondaggio SWG, troviamo in netta perdita di consensi sia il PD che SEL che si attestano al 32, 6 %, con una perdita di ben 7 punti percentuali rispetto a due mesi fa. Diciamo che la confusione mentale di Bersani e Vendola (Monti si, Monti no, patrimoniale si, patrimoniale no) sta dando i suoi frutti. Al secondo posto troviamo la coalizione di centrodestra che si attesta al 27, 2 % con PDL in crescita (segno che la propaganda berlusconiana funziona ancora ma non certo come unContinua a leggere “Bersani chieda la desistenza a Monti, noi conosciamo solo la RESISTENZA !”

“Voto utile” = ennesino inciucio bipartisan.


Che cos’è il voto utile nel linguaggio della politica italiana della seconda Repubblica ? Il voto utile è quel voto dato dagli indecisi oppure dagli elettori dei piccoli partiti ai partiti piu’ grandi: un partito di Centrodestra ed uno di Centrosinistra. In questo modo i voti non si disperdono ma confluiscono in questi grandi partiti consentendoContinua a leggere ““Voto utile” = ennesino inciucio bipartisan.”

MANUALE DI DEBERLUSCONIZZAZIONE


di Oliviero Beha – 15 gennaio 2013 Per mettere la scritta “Paese deberlusconizzato” ai confini dell’Italia bisogna cambiare marcia e sistema: in questi vent’anni anche gli avversari politici sono stati complementari a Berlusconi. I media? Vendono e basta. Sono corresponsabili di questo pasticcio Grazie alle innumerevoli comparsate televisive, Berlusconi è tornato a guadagnare consensi e sembra, secondo iContinua a leggere “MANUALE DI DEBERLUSCONIZZAZIONE”

BERSANI, ecco come il leader del Pd strizza l’occhio a Monti


di Igor Riccelli «Sono sposato e voglio che tutti lo sappiate». Sembra dire questo l’affissione elettorale che mi ha colpito oggi sul muro della metropolitana milanese. La prima cosa che ho notato è stata quella mano sinistra, appoggiata al mento, che finge di essere naturale abbracciando l’altra. In bella vista sull’anulare, la fede: simbolo diContinua a leggere “BERSANI, ecco come il leader del Pd strizza l’occhio a Monti”

Le vittime di malapolizia: “Caro Ingroia, la verità è rivoluzionaria”


Dal reato di tortura alle matricole per gli agenti, il prossimo Parlamento ha “l’obbligo morale prima che politico di approvare una serie di riforme non più prorogabili per un paese che vuole definirsi civile”. Familiari delle vittime e comitati scrivono al candidato premier di Rivoluzione civile per chiedere una “inequivocabile scelta di campo” contro repressione e abusiContinua a leggere “Le vittime di malapolizia: “Caro Ingroia, la verità è rivoluzionaria””

IL BELLO (l’Italia), IL BRUTTO (Monti), IL CATTIVO (la politica)


UN’ALTRA ITALIA è POSSIBILE?   Pasqua è ancor lontana, eppure questi sono già giorni di “Passione” per la nostra seconda Repubblica: partita di slancio, vent’anni or sono, col suo carico di promesse (una nuova etica pubblica, un rinnovamento della classe politica, riforme strutturali…), è rimasta praticamente ferma ai nastri di partenza. Miracolosamente recitano ancora sulContinua a leggere “IL BELLO (l’Italia), IL BRUTTO (Monti), IL CATTIVO (la politica)”

CASO-MARÒ, eroi o assassini?


di Igor Riccelli Ma chi ha detto che Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono due eroi nazionali? Un po’ tutti i media tradizionali, è vero; ma siamo sicuri che sia davvero così? Persino l’anticonvenzionale, rispetto altri direttori di tg italiani, Mentana si è spinto in un «augurio di tutti – tutti chi? Gli amici e i parenti dei due,Continua a leggere “CASO-MARÒ, eroi o assassini?”

CAMBIARE SI PUÒ, OLTRE LE ELEZIONI


di Piero Maestri su il Manifesto L’assemblea del 22 dicembre al teatro Quirino ha rappresentato a mio avviso l’ultimo atto di una speranza che si era aperta a sinistra per una presenza elettorale alternativa al patto Pd-Sel, con caratteristiche davvero nuove di costruzione dal basso, facendo tesoro degli errori del passato per non ripeterli. InContinua a leggere “CAMBIARE SI PUÒ, OLTRE LE ELEZIONI”

Lista Ingroia, la legalità non basta


Di Giorgio Cremaschi Siccome non son mai stato una vittima del nuovo in politica, di quel nuovismo attraverso il quale si sono perpetuate da trenta anni le stesse politiche e le stesse classi dirigenti, non mi scandalizza che la lista del cosiddetto quarto polo sia diventata l’ennesima lista personale, ove il leader è la sostanzaContinua a leggere “Lista Ingroia, la legalità non basta”

L’Italia piange e la politica ride


I posti di lavoro si bruciano ogni giorno, i giovani non riescono ad entrare nel mondo del lavoro, i meno giovani escono quotidianamente dal mondo del lavoro, senza sapere quando e se rientreranno. Una crisi senza precedenti che ha fortificato solo i grandi speculatori, gli sfruttatori di manodopera e di risorse e il sistema bancario.Continua a leggere “L’Italia piange e la politica ride”

I «due marò»: quello che i media (e i politici) italiani non vi hanno detto


[Una delle più farsesche “narrazioni tossiche” degli ultimi tempi è senz’altro quella dei “due Marò” accusati di duplice omicidio in India. Fin dall’inizio della trista vicenda, le destre politiche e mediatiche di questo Paese si sono adoperate a seminare frottole e irrigare il campo con la solita miscela di vittimismo nazionale, provincialismo arrogante e luoghiContinua a leggere “I «due marò»: quello che i media (e i politici) italiani non vi hanno detto”

23.000 Rifugiati a Rischio Espulsione dall’Italia


di Luca Fazio La Caritas chiede di prolungare l’accoglienza per evitare l’emergenza umanitaria. L’Arci: «Lo stato si è svegliato tardi» La conferma che per il governo Monti gli stranieri sono sempre stati «tecnicamente» invisibili è arrivata in questi primi giorni dell’anno con la decisione di prorogare di soli due mesi l’assistenza ai profughi delle «primavereContinua a leggere “23.000 Rifugiati a Rischio Espulsione dall’Italia”

ELEZIONI 2013, facciamo il punto insieme!


Come ognuno di voi si sarà accorto negli ultimi giorni, la situazione politica italiana è parecchio lontana dal trovare un equilibrio soddisfacente, soprattutto dopo la recente salita in campo di Monti e la (ri)discesa di Berlusconi nell’agone – neanche troppo, visto che si tratta essenzialmente di lunghi e farneticanti monologhi – della televisione pubblica (gestita dalle forze politicheContinua a leggere “ELEZIONI 2013, facciamo il punto insieme!”

Cinepanettone elettorale


Di   Eduardo Quercia ( Mente Critica) Votare o non votare, questo è il problema: se sia più nobile d’animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna, o prender l’armi contro un mare di triboli e combattendo disperderli. I triboli. 1)    Berlusconi Silvio, imprenditore illuminato di numerose aziende e della politica italiana degli ultimiContinua a leggere “Cinepanettone elettorale”

il centrosinistra non esiste


di Federico Pontiggia – “In Gran Bretagna si prepara a vincere, ma non credo che il centrosinistra esista: se si è a favore del mercato e della deregulation si è di destra, se si crede nell’economia pianificata e nella proprietà comune si è di sinistra, chi rimane al centro della strada di solito viene investito.Continua a leggere “il centrosinistra non esiste”

ILVA, UN DRAMMA SENZA FINE


di Samanta Di Persio Ci sono responsabilità politiche e sindacali precise nella vicenda Ilva: malgrado le denunce, negli anni si è preferito chiudere gli occhi per non arrivare allo scontro tra diritto alla vita e diritto al lavoro. Chi pagherà? Nel 2008 visitai Taranto per la prima volta, giunsi in macchina e non notai quello cheContinua a leggere “ILVA, UN DRAMMA SENZA FINE”

Ordine Fornero: al lavoro fino alla morte


Di Rita Pani Signora Fornero, la prego mi aiuti: ho due figlie, la maggiore per fortuna ha già espatriato, ma ancora non riesco a convincere la piccola a lasciare questa landa desolata governata da voi. Pensavo, che se lei potesse emanare ancora qualche editto, forse la mia bambina potrebbe finalmente convincersi che persino in BurkinaContinua a leggere “Ordine Fornero: al lavoro fino alla morte”

L’ ILVA Siciliana.


Quello che è successo all’Ilva di Taranto è solo l’anticipazione di quello che succederà nel triangolo Priolo-Augusta -Mellili. L’inquinamento ambientale è un dramma stravolgente, che ha assunto dimensioni inestimabili nell’area tra Augusta-Melilli-Priolo. Inestimabile, perché ? Nell’insieme degli inquinanti considerati cancerogeni, mutageni, teratogeni e neurotossici , sono stati inseriti i furani, le diossine, il mercurio, gliContinua a leggere “L’ ILVA Siciliana.”

BERSANI E’ DI SINISTRA ?


Finora, abbiamo trascorso molto tempo a discutere se Renzi fosse piu’ o meno di Sinistra. Sono arrivato alla personalissima conclusione (direi molto scontata) che Renzi sia un democristiano 2.0 lontano, lontanissimo dai veri valori della Sinistra. Quindi, se confrontato al Sindaco di Firenze, chiunque dica una qualche cosa di Sinistra potrebbe risultare un bolscevico. Insomma, se Bersani avesse avuto come avversario uno come Berlinguer l’attuale Segretario del Pd sarebbe stato considerato per quello che è: un uomo di Centro. Secondo me un uomo di Sinistra non accetta di farsi finanziare la campagna elettorale da Emilio RivaContinua a leggere “BERSANI E’ DI SINISTRA ?”

Appello militanti IDV: aprite gli occhi contro il manovratore o moriremo di corruzione.


Redazione de Il Malpaese,   Noi militanti IDV siamo amareggiati per le pressioni selvagge esercitate a scapito del nostro partito negli ultimi tempi, ma l’amarezza è dovuta più che altro al fatto che molti simpatizzanti (e non) siano caduti nella clamorosa trappola mediatica cominciata da Report. Seguendo la storia del nostro Paese mi sono resaContinua a leggere “Appello militanti IDV: aprite gli occhi contro il manovratore o moriremo di corruzione.”

Ilva. Il cinismo di Fabio Riva: “Due casi tumore, cosa vuoi che sia? una minchiata” e per il gip era Vendola il regista dell’operazione


 5000 operai dell‘Ilva di Taranto sono stati messi in libertà o in ferie forzate: l’azienda ha annunciato la chiusura dell stabilimento. Gli arresti nella notte, gli avvisi di garanzia nei confronti del presidente del cda dell’acciaieria,Bruno Ferrante e del direttore dello stabilimento di Taranto, Adolfo Buffo, il sequestro dei prodotti finiti e dei semilavorati hanno fatto scattareContinua a leggere “Ilva. Il cinismo di Fabio Riva: “Due casi tumore, cosa vuoi che sia? una minchiata” e per il gip era Vendola il regista dell’operazione”

Bersani, i soldi dell’Ilva e le lettere di Riva


Un risvolto dell’inchiesta sulle acciaierie di Taranto che non piacerà al segretario Pd Pierluigi Bersani, quei 98mila euro per finanziare la campagna elettorale e le email dall’Ilva. Le carte che escono dalla procura di Taranto non aiutano il segretario del Partito Democratico nella corsa per la leadership contro Matteo Renzi. Il Fatto Quotidiano (che verràContinua a leggere “Bersani, i soldi dell’Ilva e le lettere di Riva”

ILVA TARANTO/ Le cifre degli intrecci tra sistema Archinà e famiglia Riva


L’Ilva, la più grande industria siderurgica italiana, vive la più brutta pagina della storia: 3 arresti, 4 persone ai domiciliari e diversi indagati per accuse di corruzione ed associazione a delinquere. Tra tangenti ed inquinamenti sottaciuti a discapito della salute pubblica –con l’incremento dei tumori, la storia dell’Ilva è il racconto dei magnati dell’acciaio, la famiglia Riva con i loroContinua a leggere “ILVA TARANTO/ Le cifre degli intrecci tra sistema Archinà e famiglia Riva”

L’incredibile ricatto di Riva: 5000 operai a casa. E Governo e Confindustria appoggiano l’industriale


Cinque mila operai senza lavoro. Così. Dall’oggi al domani. Questo è il risultato della decisione vendicativa presa dal patron Emilio Riva dopo che la magistratura ha disposto sette ordinanze di custodia cautelare, una delle quali colpisce proprio il figlio dell’industriale, Fabio Riva (vicepresidente del cda e, oggi, a tutti gli effetti latitante). Nonostante l’assurdità della vicenda, tutti solidarizzano con Riva: da Corrado CliniContinua a leggere “L’incredibile ricatto di Riva: 5000 operai a casa. E Governo e Confindustria appoggiano l’industriale”