Pubblicato in: CRONACA

L’origine della specie umana: molto più variegata di quanto si credesse


Le barriere naturali e geografiche hanno promosso lo sviluppo di sub-popolazioni umane autonome, che hanno sviluppato adattamenti e caratteristiche proprie, e che in tempi diversi si sono mischiate tra loro.

homo.jpg

La sbiadita fotografia dell’evoluzione umana a partire da una singola e ben sviluppata popolazione ancestrale, localizzata in un’unica area dell’Africa, è un ricordo del passato. Le nostre radici sarebbero più simili a un mosaico: proveniamo da molteplici e variegate sub-popolazioni umane sparse per l’intero continente africano, diverse nei tratti e in qualche segmento di DNA, che sono avanzate e si sono ritirate, scomparse o divise da barriere geografiche a lungo invalicabili, vissute per lunghi periodi in modo autonomo e parallelo. Per nostra fortuna, e per la ricchezza del nostro DNA, queste comunità umane ebbero modo in incontrarsi, mescolarsi, scambiare utensili e tecnologie, in luoghi e tempi differenti e a più riprese, nell’arco della storia umana.

 

https://www.focus.it/scienza/scienze/origine-della-specie-umana-molto-piu-variegata-di-quanto-si-credesse

Pubblicato in: CRONACA

Monsanto: un’indagine fotografica.


monsanto01.jpg

Per cinque anni il fotografo franco-venezuelano Mathieu Asselin ha documentato le attività della Mosanto, la multinazionale statunitense specializzata in biotecnologie agrarie. Viaggiando tra il Vietnam e gli Stati Uniti, Asselin ha realizzato un’indagine che ricostruisce la storia del gigante dei pesticidi e delle sementi ogm attraverso ritratti, foto di paesaggio, still life e materiali d’archivio.

monsanto02.jpg

La mostra è anche un modo per riflettere su come la nuova fotografia documentaria stia diventando un’alternativa alla comunicazione di massa che siamo abituati a fruire. Il percorso espositivo è stato organizzato per raccontare l’evoluzione del lavoro di Asselin che sin dall’inizio è stato pensato per diventare un libro.

monsanto03.jpgmonsanto04.jpg

 

https://www.internazionale.it/foto/2017/11/03/monsanto-mathieu-asselin

Pubblicato in: CRONACA

PORTA DEL SANGUE A GUARDIA PIEMONTESE.


sangue.jpg

Il turista curioso è sicuramente attratto dal nome e dalla posizione di Guardia Piemontese. Al paese si arriva percorrendo la superstrada che parte dalle Terme Luigiane. Guardia appare subito come un presepe con case basse di pietra e viuzze strette. La prima impressione arrivando, è di fare un tuffo in pieno Medioevo. Scesi dall’auto, l’impressione si rafforza: una vecchia porta di pietra con la scritta “Porta del sangue” e un’altra scritta “Piazza dei Valdesi“. Le antiche e tormentate vicende di queste case passano per questi nomi. Il paese ebbe origine nel XII secolo da una colonia di profughi di religione valdese che lasciarono la Val d’Angrogna, in provincia di Torino, per sfuggire all’inquisizione. Dopo lo scoppio della Riforma protestante, anche i Valdesi di Calabria cominciarono a predicare liberamente. A Guardia predicava Gianluigi Pascal, arrivato da Cuneo. Ma ben presto si scatenò la repressione. Pascal fu arso vivo a Roma nel 1560 a Castel Sant’Angelo. L’anno dopo Guardia fu distrutta. Molti furono impiccati, altri arsi vivi, compresi vecchi, bambini e donne. I cadaveri di 200 persone vennero squartati e appesi a dei pali piantati lungo la strada per 36 miglia. In undici giorni furono uccise 2.000 persone e 1.600 finirono sui monti vicini. Il sangue corse a rivoli per il paese trovando sbocco nella porta grande, che da allora si chiama “Porta del sangue“.

 

http://www.prolocodiamante.it/escursioni/porta-del-sangue

Pubblicato in: CRONACA

Jean-Michel Basquiat: a 30 anni dalla morte


stoc.jpg

Sono passati trent’anni esatti dalla morte di Jean-Michel Basquiat. Il 12 agosto 1988 l’artista fu trovato morto, per overdose di eroina. Non aveva ancora compiuto gli anni, che il 22 dicembre sarebbero stati 28.
Pochi anni di carriera sono stati più che sufficienti per entrare nella leggenda e influenzare molti artisti dopo di lui.

A New York, Basquiat è nato (nel 1960) e cresciuto e vi ha respirato fin da piccolo la passione per l’arte, dalle visite ai musei, agli istituti per giovani artisti, fino alla strada, quella che ha siglato la sua di arte, la Street Art/ Writing Art per antonomasia.

La vita di Jean-Michel Basquiat può essere considerata una perfetta parabola che racconta la New York degli anni Ottanta. La sua storia si incrocia con quella di una città in fermento, che non dormiva mai, dove soldi, droga e divertimento scorrevano a fiumi e nessuno aveva tempo per fermarsi a pensare su dove si stesse andando.

jmb.png

Il successo di Basquiat è stato fulmineo, fugace ed esplosivo, come tutto ciò che accadeva in quegli anni folli, in cui i prezzi delle opere d’arte sembravano crescere all’infinito, “pompati” da critici e galleristi che li vendevano a yuppies straricchi che consideravano l’arte un fruttuoso investimento.

Tutto ciò ha fatto sì che Basquiat nel giro di pochi anni ottenesse una celebrità e una ricchezza impensabili per un ragazzo come lui, ma in cambio Jean-Michel ha ceduto sé stesso, per una fame di vita che alla fine lo ha divorato.

 

Non solo fu un artista straordinario ma si inserì prepotentemente nel mondo dell’arte che fino ad allora era riservato alle persone bianche

https://www.gqitalia.it/lifestyle/eventi/2018/08/10/jean-michel-basquiat-30-anni-dalla-morte-un-documentario-speciale/

Jean-Michel Basquiat: breve biografia e opere principali in 10 punti

Pubblicato in: CRONACA

1933: Hitler non vinse le elezioni grazie al carisma.


Secondo un recente studio non fu grazie ai suoi discorsi, impregnati di bufale e propaganda, che il futuro Führer andò al potere.

ahi

Il suo sguardo magnetico e la sua voce erano in grado di incantare ed emozionare le folle come pochi altri. Eppure, a quanto pare, non furono i suoi discorsi a fargli vincere le elezioni. Piuttosto un clima, uno stato d’animo di generale frustrazione che serpeggiava nel popolo tedesco e un desiderio di riscatto dopo l’esito della Prima Guerra Mondiale e la Grande Depressione. Un malumore che nessun altro partito seppe intercettare in modo altrettanto efficace.

Come è proseguita la storia lo sappiamo. Il Führer  nel 1933 andò al potere. Da quel momento in poi in Germania tutto cambiò: Hitler, grazie anche all’abile macchina di propaganda del ministro Goebbels, prese il controllo delle istituzioni statali, dei media e di molte organizzazioni sociali. A quel punto l’effetto della propaganda – discorsi di Hitler inclusi – divenne decisamente maggiore. E soprattutto privo di qualsiasi contraddittorio.

 

https://www.focus.it/cultura/storia/1933-hitler-non-vinse-le-elezioni-grazie-al-carisma

Pubblicato in: CRONACA

Il decennale della morte di Solženicyn, il premio Nobel che rivelò i gulag al mondo


Il 2018 è il suo anno. Dieci dalla morte e cento dalla nascita.Il centenario della  nascita (e decennale della morte) dello scrittore russo sarà un’eccellente occasione per verificarne vigenza ed attualità di idee, studiarle, rivisitarle, sottometterle a dibattito e discussione, con particolare  attenzione alla sua visione “profetica” del mondo ed alla vigenza della  sua predicazione sulla “autolimitazione” come mezzo per correggere eccessi d’ogni tipo. Il politologo statunitense Daniel J. Mahoney, premio Raymond Aron 1999, afferma che Solženicyn non confonde progresso morale con sviluppo tecnologico, e che “deve essere letto alla luce delle tradizioni letterarie ed intellettuali russe ed alla luce di un pensiero politico che ha avuto inizio con  Platone ed Aristotele ed è proseguito fino a Montesquieu, Burke e Tocqueville”. Per la sua esperienza e la profonda analisi di un secolo che ha sofferto con le ideologie, “il suo messaggio nulla ha perso di attualità per un’umanità che continua a cercare un senso alla vita in società”.

gulag.jpg

Solženicyn descrisse magistralmente il terrore umano organizzato ed eseguito alla perfezione nei campi di concentramento bolscevichi, la terribile ansietà dell’essere umano di fronte alla perdita totale d’ogni libertà, anche di riuscire a pensare lucidamente. Ci sono momenti della storia nei quali l’essere umano si comporta in modo particolarmente spregevole. Quando lo fa organizzato in un sistema ben strutturato, come durante il potere bolscevico, sofferenza e terrore diventano quotidiani, “normali”, smisurati, pressoché infiniti. Nessuno ha saputo descriverli e rivelarli al mondo come Solženicyn, che ebbe la sorte di poterli poi raccontare. Senza mai peli sulla lingua.

 

http://www.barbadillo.it/73751-ritratti-il-decennale-della-morte-di-solzenicyn-il-premio-nobel-che-rivelo-i-gulag-al-mondo/

Pubblicato in: CRONACA

Luglio 1993: tre bombe, dieci morti e il dubbio che non sia stata solo mafia


Un anno dopo le stragi in cui sono stati uccisi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e due mesi dopo la bomba in via dei Georgofili a Firenze (cinque morti, tra cui due bambine), quello del 27 luglio 1993 è il momento più buio della Repubblica.

minchia01.jpg

Si pensò anche a un tentativo di golpe. Fu questa almeno la sensazione dell’allora presidente del Consiglio Carlo Azeglio Ciampi, a capo di un governo tecnico di transizione. Ciampi temeva che stesse per accadere qualcosa di oscuro per la tenuta democratica del Paese. Per Ciampi si poteva concretizzare il pericolo di un colpo di Stato che nasceva dall’eccezionalità di quegli avvenimenti, compresa l’interruzione delle linee telefoniche di Palazzo Chigi nella notte tra il 27 ed il 28 luglio 1993: un evento che mai prima di allora si era verificato, tanto che l’allora presidente del Consiglio non riuscì a comunicare con i suoi collaboratori o con gli apparati di sicurezza. Un black-out che ancora oggi nessuno ha spiegato.

Il giudice per le indagini preliminari di Firenze che aveva archiviato l’indagine sui mandanti esterni alle stragi in cui erano indagati Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri (riaperta nei mesi scorsi dalla procura) ha scritto: «Le indagini svolte hanno consentito l’acquisizione di risultati significativi solo in ordine all’avere Cosa nostra agito a seguito di input esterni». Chi diede questi input? E perché? Le sentenze, fondate sulle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, hanno suggerito una parola chiave: “trattativa”. Questa “trattativa” emerge per la prima volta in una sentenza della corte d’assise di Firenze che ha condannato nel giugno del 1998 i boss, mettendo un punto fermo sull’interpretazione da dare a quella tragica stagione di bombe. I 10 morti e 95 feriti complessivi (e i danni al patrimonio artistico) costituiscono l’altissimo prezzo che il Paese ha dovuto pagare ad una strategia messa in atto dagli “specialisti” di Cosa nostra, ma forse pianificata in ambienti collocati al di sopra del sottoscala dove si riuniva la “cupola” composta da Provenzano, Riina, Bagarella e soci.

Certo è che dopo il 1994 la campagna terrorista di Cosa nostra finisce. Una campagna che la mafia aveva portato avanti nel tentativo di sovvertire l’ordine costituzionale del Paese, come ha detto il pubblico ministero Gabriele Chelazzi nel processo ai responsabili di quegli attentati del ’93.
Resta ancora il dubbio sui veri fini delle azioni, sui veri mandanti. Purtroppo, in molti casi le rivelazioni dei collaboratori di giustizia, le inchieste e i processi hanno chiarito solo in parte i fatti. Un quarto di secolo non è ancora bastato per riempire le caselle ancora vuote e ricostruire la verità che non può essere solo giudiziaria ma anche politica.

 

http://espresso.repubblica.it/attualita/2018/07/16/news/il-buio-oltre-le-stragi-1.324917?ref=HEF_RULLO

Pubblicato in: CRONACA

Chi è Ahed ‘la bionda’, fin da bambina spina nel fianco di Israele


E’ uscita di prigione Ahed Tamimi, l’adolescente palestinese diventata un simbolo della protesta dopo il video che la riprende mentre colpisce alcuni soldati israeliani.

ahed.png

Ahed Tamimi è tutto tranne che un’eroina per caso. Nè una resistente improvvisata. La bionda palestinese diventata icona della  nuova Intifada  è una vecchia (suona strano a dirsi, dato che ha sedici anni) conoscenza delle forze armate israeliane.

L’adolescente ha tutte le carte in regola per diventare il nuovo simbolo della resistenza palestinese all’occupazione israeliana. Da quando, il 6 dicembre, il presidente americano Donald Trump ha riconosciuto Gerusalemme capitale d’Israele, Cisgiordania e la Striscia di Gaza sono attraversate da violente proteste, mentre i Paesi arabo-islamici, sostenuti dalla maggioranza della comunità internazionale, portano avanti una battaglia diplomatica contro quella che viene vista come un’iniziativa che mina gli sforzi per la pace. E lei è stata per giorni in prima linea, fino a quando è stata arrestata il 19 dicembre per aver schiaffeggiato, spintonato e preso a calci due soldati israeliani che si trovavano accanto alla casa di famiglia.

ahed01.jpg

I due militari, ai quali la giovane aveva intimato di andarsene, non hanno reagito a quella che sembrava più una provocazione che un tentativo di fare del male. L’incidente però è stato ripreso con il telefonino e rilanciato sulla Rete, acquistando grande popolarità. Pochi giorni dopo l’esercito israeliano ha arrestato la ragazza.

La famiglia Tamimi non è nuova alle proteste: Bassem, il padre, è un noto esponente di al-Fatah, il partito del presidente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) Abu Mazen, e gioca un ruolo importante nelle proteste a Nabi Salih, villaggio 20 km a nord-ovest di Ramallah.

La figlia Ahed non è nuova alle proteste. L’adolescente già nel 2012 era stata ripresa mentre agitava il pugno contro soldati israeliani, guadagnandosi così un incontro con l’allora premier turco, Recep Tayyip Erdogan. Ancora, nel 2015 era stata fotografata mentre mordeva la mano di un militare nel tentativo di impedire l’arresto del fratello. Il 27 dicembre, un tribunale militare israeliano ha esteso fino al 1 gennaio la custodia della ragazza, insieme alla madre Narimam, anche lei arrestata.

 

 

https://www.agi.it/estero/ahed_tamimi-3322849/news/2017-12-29/

Pubblicato in: CRONACA

L’uomo è riuscito ad alterare il corso naturale delle stagioni


stagioni-e-variazione-umore.jpg

Le emissioni legate alle attività antropiche (le nostre) stanno accelerando la fusione dei ghiacci, influenzano le abitudini migratorie degli animali, intensificano il rischio di incendi. E c’è di più: uno studio basato su 40 anni di rilevazioni satellitari fornisce per la prima volta conferma del fatto che gli esseri umani sono riusciti ad alterare il ciclo naturale delle stagioni, e che gli effetti del riscaldamento globale si estendono fino alla troposfera, la regione più bassa dell’atmosfera terrestre (dal suolo a 10-15 km di quota). E’ il primo studio a individuare cambiamenti stagionali nell’atmosfera terrestre dovuti, senza ombra di dubbio, alle emissioni di gas a effetto serra prodotte dalle attività umane.

Quello che i dati mostrano è una marcata evidenza dell’impatto dell’uomo sul clima, non solo sulle temperature medie globali, ma anche sul ciclo stagionale. Le probabilità che la naturale variabilità climatica possa spiegare, da sola, la rilevanza delle variazioni di temperatura registrata in 40 anni di dati satellitari sono circa di cinque su un milione.

In particolare, è emerso che le temperature estive stanno crescendo molto più rapidamente di quelle invernali, e che ciò determina, soprattutto nell’emisfero settentrionale, più intensi “sbalzi” di temperatura tra la “bella” e la “brutta” stagione.

https://www.focus.it/ambiente/ecologia/antropocene-cambia-il-corso-naturale-delle-stagioni

Pubblicato in: CRONACA

Spagnola, la pandemia che cambiò il mondo


Nonostante l’entità del fenomeno, le conseguenze dell’influenza “spagnola” che si diffuse su scala mondiale esattamente un secolo fa sono rimaste a lungo in ombra, offuscate dalla devastazione della Prima guerra mondiale e relegate a un ruolo secondario nei libri di storia.

Il motivo per cui quella tremenda epidemia fu identificata con la Spagna è curioso, e nasce dalla censura operata in molti paesi durante la Prima guerra mondiale. I governi delle nazioni belligeranti, temendo che si diffondesse il panico tra la popolazione, cercarono in tutti i modi di non diffondere la notizia della pandemia. Le prime informazioni trapelarono dalla Spagna – che era neutrale e quindi priva di controlli sulla stampa – e spinsero gli altri Paesi a far credere che fosse circoscritta alla sola Spagna, dove peraltro si ammalarono sia il primo ministro che il re Alfonso XIII.

influenza-spagnola-638x425.jpg

la pandemia ha di fatto riconfigurato la popolazione umana più radicalmente di qualunque altro evento successivo alla peste nera. Ha influito sul corso della Prima guerra mondiale e, verosimilmente, ha contribuito allo scoppio della Seconda. Ha avvicinato l’India all’indipendenza e il Sudafrica all’apartheid, ha stimolato la crescita dell’assistenza sanitaria nazionale e della medicina alternativa, l’amore per le attività all’aria aperta e la passione per lo sport ed è in parte responsabile dell’ossessione degli artisti del XX secolo per le infinite fragilità del corpo umano.

Oggi sappiamo che il virus responsabile della pandemia era di origine aviaria, proprio come quello che si verificò alcuni anni fa nel sudest asiatico. Gli scienziati sono riusciti a comprenderne le origini ma non a determinare perché ebbe conseguenze così letali.

L’elevato numero di malati che si registrò nelle file dell’esercito tedesco avrebbe accelerato la conclusione della Prima guerra mondiale.

 

https://www.avvenire.it/agora/pagine/spagnola

Pubblicato in: CRONACA

L’ITALIA E’ DISSEMINATA DI ORDIGNI INESPLOSI


L’Italia è ancora in guerra ma non lo sa. Gli artificieri – quelli del Genio pionieri dell’Esercito e di altre forze militari – compiono ogni anno circa tremila interventi (una media di oltre otto al giorno) per disinnescare i residuati esplosivi di conflitti armati che hanno coinvolto il nostro territorio sessanta se non ottanta anni fa.
Micidiali “ricordini” che ancora oggi rischiano di provocare feriti, mutilati e persino vittime in un Paese che della produzione di ordigni bellici ha fatto in passato uno dei suoi fiori all’occhiello industriale, ma che attualmente non appare a prima vista fra quelli più esposti al pericolo mine. Eppure solo nel corso della seconda guerra mondiale, Raf e Usaf sganciarono complessivamente sull’Italia un milione di bombe (per un totale di oltre 350 mila tonnellate di esplosivo).

ordigno.jpg
Molti di quegli ordigni non deflagrarono completamente e una frazione consistente (stimata pari al 10 per cento) non esplose del tutto. Nella migliore delle ipotesi, dunque, almeno una bomba su quattro è ancora da recuperare: qualcosa come 25 mila ordigni sull’intero territorio nazionale. Così è bastata la siccità dell’estate appena trascorsa per moltiplicare i ritrovamenti di residuati inesplosi sulle sponde dei bacini lacustri e sui greti dei fiumi italiani. Ma quasi quotidianamente le cronache riportano gli allerta delle prefetture per operazioni più o meno complesse di disinnesco: in alcuni casi con l’intervento della Protezione civile per l’evacuazione precauzionale anche di centinaia di migliaia di persone.
Quasi una simulazione di guerra, con costi sociali ed economici elevati. SOLO PER citare alcuni degli ultimi ritrovamenti: si va dalla grande bomba al fosforo ripescata a fine agosto dai sub di una società privata nelle acque del porto di Civitavecchia (che stava per esplodere nel magazzino dove era stata stoccata con incredibile leggerezza), alla piccola granata notata da un passante i primi di settembre nel praticello del bar del tennis al Foro Italico di Roma (dove si giocano gli internazionali). «Non ci sono solo gli ordigni non esplosi risalenti alla seconda o addirittura prima guerra mondiale – afferma l’esperto C.C.M. Bonifiche, generale in ausiliaria del Genio che ora ha messo la propria professionalità a disposizione della bonifica umanitaria – ma anche piccoli residuati bellici abbandonati da sconosciuti. È frequente il ritrovamento di bombe a mano.
Quanto alle mine, invece, in Italia non se ne trovano più molte, anche se ogni tanto ne viene individuata qualcuna lungo la “linea gotica”». «LE BOMBE che restano celate nel sottosuolo inesplose per decine e decine di anni – prosegue Termentini – sono in particolare quelle di aereo che per peso e configurazione raggiungono, nei terreni non rocciosi, profondità anche oltre i 5-8 metri. Questi ordigni rimangono attivi ma non costituiscono di fatto un pericolo diretto se non vengono toccati. Per questo esiste una legge che prevede interventi di bonifica in profondità quando si devono realizzare lavori in aree dove potrebbero esserci ordigni non esplosi e si deve procedere ad opere di fondazione o scavi in profondità per la costruzione di ferrovie, ponti, autostrade».
Le aree dell’Italia dove maggiore è la probabilità di imbattersi in ordigni bellici risalenti ai due conflitti mondiali dello scorso secolo sono quelle dove si sono combattute le offensive più significative e quelle che hanno ospitato predisposizioni difensive. Residuati della prima guerra mondiale si possono così trovare sull’altopiano di Asiago e in tutta la fascia pedemontana. Altri luoghi potenzialmente a rischio – soprattutto per le bombe d’aereo – sono le zone oggetto dei duri bombardamenti anglo-americani durante la guerra di Liberazione, come le città, i porti e le grandi arterie stradali utilizzate dalle colonne tedesche in ritirata. E quali sono gli ordigni che è più facile trovare sepolti in Italia? «In linea di massima – risponde Termentini – le bombe di aereo, anche di grandi dimensioni, poi le bombe a mano, le granate di artiglieria e cartucciame vario».

 

 

http://biografiadiunabomba.anvcg.it/litalia-e-disseminata-di-ordigni-inesplosi/

Pubblicato in: CRONACA

L’erede di Valletta? No, Valletta era un’altra cosa…


C’era una volta la Fiat e Sergio Marchionne è il manager il cui nome resterà nella storia indissolubilmente legato alla trasfor-mazione del simbolo stesso del capitalismo italiano. Paragonarlo a Vittorio Valletta, il manager che rese grande l’azienda torinese, ha senso non solo e non tanto perché Marchionne ha esercitato un potere assoluto paragonabile a quello del manager di Sanpierdarena ma perché i loro regni rappresentano l’alba e il tramonto dell’industria italiana dell’auto. I due avevano forse anche qualcos’altro in comune. Valletta era figlio di un ufficiale perito nella grande guerra, Marchionne è figlio di un maresciallo dei carabinieri emigrato in Canada dopo la pensione. Entrambi, inoltre, hanno usato a man bassa il pugno di ferro nelle relazioni industriali. Valletta è il manager che inaugurò negli anni ‘ 50 la pratica dei reparti confino per gli operai più sindacalizzati, che procedette con migliaia di licenziamenti e dichiarò guerra con ogni mezzo, molti dei quali sporchi, alla Fiom riuscendo a metterla il sindacato metalmeccanici della Cgil in ginocchio. Marchionne la Fiom era riuscito addirittura a cacciarla dagli stabilimenti Fca, grazie alla norma che consentiva la rappresentanza sindacale solo a quelli che avessero firmato contratti, all’uscita da Confindustria e alla proposta di uno specifico contratto di lavoro. Prendere o lasciare. Poi, nel 2013, si mise di mezzo la Corte costituzionale, dispose il rientro della Fiom ma Marchionne riuscì lo stesso a tenerla adeguatamente confinata.

valletta.jpg

Un punto identità e contrapposizione risaltano contemporaneamente. Sia il Professore che Sergio Marchionne hanno risollevato l’azienda da una crisi gravissima. Direttore generale dal 1928, ad dal ‘ 39 Valletta acquisì poteri totali nel 1946, in una fase difficilissima, quando fu eletto per acclamazione presidente. Marchionne, arrivato al vertice quando la Fiat perdeva un paio di milioni d’euro al giorno, aveva concentrato nelle sue mani lo stesso potere assoluto. Entrambi sono riusciti nell’impresa di portare l’azienda fuori dai gorghi. Ma Valletta era davvero convinto che se l’interesse della Fiat era interesse dell’Italia, anche l’interesse del Paese era interesse della Fiat, e agiva di conseguenza. Per Marchionne l’unico interesse a cui guardare è sempre stato solo quello degli azionisti. Sotto la sua gestione i dividendi hanno raggiunto cifre stratosferiche. I dipendenti, in Italia, sono passati da 120mila a 29mila. Stili diversi, o forse solo modelli di capitalismo diversi. I quali del resto si riflettevano nelle retribuzioni. Valletta guadagnava 12 volte più di un suo operaio e Adriano Olivetti trovava la cosa scandalosa. Marchionne guadagnava 2mila volte più di un operaio Fiat, anzi Fca.

 

http://ildubbio.news/ildubbio/2018/07/24/lerede-valletta-no-valletta-unaltra-cosa/

Pubblicato in: CRONACA

Quanti saremo? Il primo a rispondere fu Halley.


E’ curioso che il precursore degli studi demografici sia stato un astronomo: Edmond Halley, celebre per aver previsto il ritorno della cometa che ora porta il suo nome (ma che egli non vide perché ripassò vicino alla Terra 16 anni dopo la sua morte). Nel 1693, quando aveva 37 anni, Halley pubblicò uno studio intitolato “An Estimate of the Degrees of the Mortality of Mankind”, “Stima del tasso di mortalità dell’umanità”. E’ un lavoro poco conosciuto, ma avrebbe dovuto guadagnargli la riconoscenza di tutti gli assicuratori.halley.jpg

Per la sua ricerca Halley scelse Breslavia, città di 36 mila abitanti “vicino ai confini tedeschi e polacchi e quasi alla latitudine di Londra”. Per cinque anni annotò nascite e decessi. Nel quinquennio esaminato i nati furono 6193 e i morti 5869: risultava che il 28 per cento dei neonati moriva a meno di un anno e poco più della metà arrivava a spegnere sei candeline. Una strage, ma normale per quei tempi. Poi la situazione si stabilizzava: tra i 9 e i 25 anni il tasso annuale di mortalità si manteneva intorno all’uno per cento, tra i 26 e i 50 anni saliva al 3% e a settant’anni balzava al 10 per cento. Halley andò poi a controllare quanti morissero per fasce di età. I venticinquenni a Breslavia erano 567, i ventiseienni 560: dunque un il venticinquenne “medio” aveva una probabilità di vivere un altro anno pari a 560/7, cioè 80 a 1. Con lo stesso metodo Halley calcolò la speranza di vita per ogni gruppo anagrafico. Per esempio, il trentenne “medio” a Breslavia aveva davanti a sé altri 27-28 anni di vita.  Sono le basi del calcolo attuariale e anche dell’epidemiologia. Fu poi un altro astronomo, il belga Adolphe Quételet (1796-1874), a fare della statistica uno strumento indispensabile della scienza moderna non solo in demografia ma in ogni altra disciplina. A lui dobbiamo il concetto di “uomo medio”, per la prima volta largamente applicato in epoca positivista (e ora dal marketing).

Grazie alle migliorate condizioni di vita e ai progressi della medicina oggi Halley non si troverebbe più di fronte all’ecatombe dei neonati ma alla impressionante rarità dei parti.

 

http://www.lastampa.it/2018/04/24/scienza/quanti-saremo-il-primo-a-rispondere-fu-halley-lastronomo-della-cometa-bYb4anRY1gjRVHrvLvPO0K/pagina.html

Pubblicato in: CRONACA

Spari su Togliatti, l’Italia di settant’anni fa sull’orlo della guerra civile.


14 luglio 1948: Quattro colpi di pistola contro il segretario comunista a Roma

attentato-a-togliatti-pansa-italia-dopoguerra-708175

Forse non c’era alcun interesse a scoprire una verità scomoda e che poteva innescare una guerra civile: il primo a gettare acqua sui bollenti spiriti fu lo stesso Togliatti, appena uscito dai ferri del chirurgo Pietro Valdoni, che ordinò «state calmi» e «non fate pazzie» a Pietro Secchia e a Luigi Longo. Si schierò contro la mobilitazione collettiva del paese (si disse pure che l’inaspettata vittoria di Gino Bartali al Tour de France avesse contribuito a sedare gli animi ma il campione del ciclismo considerò irrealistica questa ipotesi).

togliatti01

Anche il sindacalista Giuseppe Di Vittorio cercò di tenere sotto controllo gli operai in lotta: a Torino un consistente gruppo di tute blu della Fiat, credendo che il leader comunista fosse morto, propose «alura fuma fora Valletta» (allora facciamo fuori Valletta). E mise sotto chiave l’amministratore delegato della fabbrica torinese. Scelba per liberarlo voleva attaccare con uomini armati la Fiat ma l’avvocato Agnelli lo pregò di desistere, ritenendo che la protesta si sarebbe spontaneamente esaurita. Vittorio Valletta, infine, al processo contro i suoi sequestratori dichiarò che si era trattenuto volontariamente in fabbrica.   L’attentato di Pallante, ancorché fallito, incise profondamente sulla storia della Penisola. Innescò infatti la scissione dalla Cgil della componente democristiana. Così nacque la Cisl. Cambiò radicalmente anche la fisionomia del partito comunista: dopo il tentativo insurrezionale (per cui vennero compiuti circa 97 mila arresti) furono sostituiti i responsabili comunisti locali, considerati teste calde o ex partigiani che soffiavano sul dissenso di sinistra.

 

 

http://www.lastampa.it/2018/07/14/cultura/spari-su-togliatti-litalia-di-settantanni-fa-sullorlo-della-guerra-civile-4IVnx0JPniZAMaOrfxDpiO/pagina.html

Pubblicato in: CRONACA

I dischetti di Capaccio Paestum arrivano nel mare della Francia


paestum.jpg

CAPACCIO PAESTUM – Dischetti del depuratore di Varolato trovati perfino sulle coste della Francia. Ieri mattina, gli attivisti di Legambiente hanno esposto uno striscione, sulla spiaggia pestana. Il messaggio impresso è stato: “Ecogiustizia subito”. Questo al fine di chiedere che venga fatta immediatamente chiarezza sull’emergenza ambientale che dalla scorsa primavera interessa tutto il Tirreno a causa della dispersione di dischetti in plastica (carrier), fuoriusciti dal depuratore di Capaccio Paestum. Al momento ne sono stati raccolti oltre 150 mila. Proprio sulla spiaggia nei pressi della foce del Sele, da dove i dischi in plastica si sono riversati in mare, circa cinquanta volontari di Legambiente hanno inscenato la protesta per non abbassare l’attenzione su questa vicenda. Un blitz realizzato in contemporanea con il passaggio lungo la costa di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente che in questi giorni sta facendo tappa in Campania.

paestum2.jpg

E dall’imbarcazione, al momento dell’arrivo nei pressi di Paestum, l’equipaggio ha issato lo striscione ‘Che vergogna!’, perché se da un lato sembra risolto l’enigma della provenienza di questi dischetti, dall’altro non si ferma l’inquinamento che questi rifiuti stanno provocando.

 

 

 

http://www.lacittadisalerno.it/cronaca/i-dischetti-di-capaccio-paestum-arrivano-nel-mare-della-francia-1.1966517

Pubblicato in: CRONACA

Perù, la Montagna dei Sette Colori messa a rischio dalle concessioni minerarie e dai rifiuti dei turisti


perù.jpg

Questa meraviglia — che solo quaranta anni fa ha iniziato a mostrare i suoi colori, quando la neve si è sciolta —, Patrimonio nazionale dell’umanità nel 2010, è minacciata dall’azione dell’uomo.

Da marzo scorso, infatti,  è stata data una concessione per scopi estrattivi dall’Istituto geologico, minerario e metallurgico (Ingemmet), alla compagnia mineraria Minquest Perú, di proprietà della canadese Camino Minerals. A seguito delle polemiche delle popolazioni locali, come riporta El Comercio, il governatore Edwin Licona ha ricevuto un documento dalla società mineraria che ha deciso di rinunciare alla licenza. ha deciso di rinunciare alla licenza. Gli attivisti locali sono preoccupati perché la concessione coincideva — in parte — con la zona su cui c’era la proposta di creare un’area naturale di conservazione e la minaccia potrebbe ripresentarsi in futuro. Non bisogna nemmeno dimenticare che l’ambiente era già danneggiato dall’accumulo di rifiuti solidi lasciato dal flusso di turisti.

 

 

https://www.corriere.it/ambiente/18_giugno_25/peru-montagna-sette-colori-messa-rischio-concessioni-minerarie-rifiuti-3eac954c-7862-11e8-a34f-88cbebf7b4e2.shtml

Pubblicato in: CRONACA

La plastica nei motori.


Novecento litri di carburante da una tonnellata di rifiuti. È la sfida di un’azienda svizzera che sbarca in Italia

riciclo-plastica.jpg

Da una parte un derivato dal petrolio, la plastica, che è sempre più diffuso: nell’ultimo mezzo secolo l’uso è aumentato di 20 volte, ne consumiamo ogni anno l’equivalente di 900 Empire State Building. Dall’altra una fame di energia crescente che deve convivere con la necessità di utilizzare meno combustibili fossili per abbattere drasticamente le emissioni di gas serra che stanno facendo saltare l’equilibrio climatico. Due problemi. E’ possibile sommarli ottenendo una soluzione? La pirolisi è un processo che determina la rottura delle catene molecolari che rendono la plastica rigida. Il tutto in assenza di ossigeno, cioè senza combustione e ossidazione e dunque senza emissioni. E’ dagli anni Settanta che s’insegue il sogno di trasformare la plastica in combustibile. Ma solo recentemente c’è stato il salto tecnologico necessario. Attualmente in Europa, Stati Uniti, America Latina e Asia una decina di aziende sta studiando la pirolisi con impianti dimostrativi o commerciali: quelli che si apriranno nel 2019 saranno i primi a livello industriale in Italia. Funzionerà? Secondo le previsioni di Grt i conti tornano: ogni impianto sarà in grado di fornire combustibile al costo di 25 dollari al barile equivalente, meno della metà del prezzo del barile di petrolio. Ma mentre il petrolio, una volta estratto, deve essere trasportato e raffinato, aggiungendo costi economici e ambientali, la plastica viene prelevata in un raggio di poco più di un centinaio di chilometri dall’impianto: in questo modo si abbatte il 70 per cento del totale delle emissioni di CO2 necessarie alla produzione di energia. Inoltre i pannelli solari che copriranno la struttura migliorano ulteriormente le perfomance energetiche.

http://www.repubblica.it/ambiente/2018/07/13/news/_dateci_la_vostra_benzina_la_metteremo_nei_motori_-201615427/?ref=RHPPBT-VA-I0-C4-P14-S1.4-T1

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: