Pubblicato in: CRONACA

Ottant’anni fa moriva Gramsci


antonio-gramsci-fondatore-de-l-unita.jpg

Gramsci moriva il 27 aprile 1937 all’età di 46 anni. Fu una vittima, forse la più illustre, della feroce repressione della coscienza critica perpetrata dal regime fascista. La morte di Gramsci privò il nostro paese di una delle menti più brillanti del Novecento e di un leader politico di primissimo piano. L’intenzione del tribunale speciale fu quella – com’è noto – di impedire a quella mente di pensare per almeno vent’anni. Non riuscirono nell’intento, come dimostrano i Quaderni, ma di sicuro ottennero il risultato di rendere l’attività intellettuale di Gramsci molto più penosa e per questo ancor più ammirevole. È quindi giusto ricordare questo anniversario, così come sarebbe giusto che si avviasse una riflessione collettiva sull’attualità del pensiero di Gramsci e soprattutto sul suo metodo di analisi, che non è affatto tramontato, anzi; l’attenzione che in altri paesi viene data al suo pensiero dovrebbe farci riflettere e indurci a intensificare le occasioni di studio del pensiero gramsciano in Italia.

https://quadernidelcarcere.wordpress.com/2017/04/23/ottantanni-fa-moriva-gramsci/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...